Tempo di pronostici: Eastern Conference

East PronosticiMancano due mesi all’inizio della regular season, ci  sono state le scelte del draft, i movimenti estivi di mercato, la caccia ai free agent, la Summer League, , ci sarà la pre-season e poi si ricomincerà, tutti con in mente una cosa sola: l’anello. Proviamo a metter giù qualche pronostico sulla base degli attuali roster, di eventuali rumors. Oggi Eastern Conference!

 

MERCATO EASTERN CONFERENCE

MERCATO 2009: CHI AVRÁ RAGIONE?

PRONOSTICI WESTERN CONFERENCE

Dominata lo scorso anno dai Cleveland “James” con i Celtics a ruota, ma che ha visto arrivare in finale i sorprendenti, forse neanche tanto, Orlando Magic di “Superman” Howard.

Quest’anno la musica non dovrebbe essere così diversa, Cleveland e Boston sembrano ancora una volta destinate a duellare per il primo posto nella conference. In sponda Cavs importanti gli arrivi di Shaquille O’Neal, stimolato dal giocare di fianco a Lebron; l’unica nota dolente la mancata firma del rinnovo contrattuale di James, almeno fino ad oggi. I Celtics hanno in parte risposto alla franchigia dell’Ohio con l’arrivo di Rasheed Wallace, che potrebbe formare una coppia devastante sotto entrambi i tabelloni con Kevin Garnett, è arrivato Marquis Daniels, buon cambio per la coppia Allen-Pierce ad oggi però manca una point guard che dia respiro a Rondo. 

Gli Orlando Magic saranno ancora il terzo incomodo, hanno perso Turkoglu, la vera mente della squadra e la sorpresa della scorsa stagione Courtney Lee, entrato nello scambio che ha portato ad Orlando Vince Carter. Si sono rinforzati sotto le plance con Brandon Bass da Dallas e non cedendo Gortat, non tanto felice di essere rimasto a Disneyworld, hanno firmato Matt Barnes che sperano sia quello di Golden State e non quello abulico in maglia Suns. Da valutare la firma di Jason Williams che rientra dopo un anno di stop, mentre l’inizio sarà senza Rashard Lewis fermato per dieci partite causa positività ad un controllo antidoping.

Buone notizie si aspettano da Chicago, dopo l’ottimo finale di stagione ed i grandi playoff, tutti si aspettano grandi cose da Derrick Rose al suo secondo anno, dopo le ottime fatte vedere da rookie specie nelle 7 gare contro Boston, Hinrich inizierà la stagione dall’inizio e questo è un bene per i Bulls.
Altre squadre che potranno fare bene sono gli Atlanta Hawks, confermati i free agents Bibby, Marvin Williams e Pachulia, ulteriormente rinforzati con l’arrivo di Jamal Crawford e del veterano Joe Smith; i Toronto Raptors dei nostri Bargnani e Belinelli, si spera per i fans dei canadesi in condizioni fisico tecniche migliori rispetto a quelle viste in maglia azzurra. I Raptors hanno firmato Turkoglu, personalmente il vero colpo del mercato estivo, e Antoine Wright un giocatore con grandi margini di miglioramento. Nella lotta per gli otto posti che portano ai playoffs ci sarà spazio per i Charlotte Bobcats. Felton (si attende ancora il rinnovo) , Raja Bell e Boris Diaw devono far compiere il salto di qualità alla franchigia di coach Brown  che se avesse Tyson Chandler a livello di due stagioni fa non dovrà rimpiangere Okafor.

Anche i Washington Wizards potrebbero dire la loro ma tutto è legato al recupero completo di Gilbert Arenas. I Philadelphia 76ers devono cercare una point guard e guardano al recupero di Elton Brand per cercare un posto nella post season; i New Jersey Nets potrebbero anche lottare per i play off, hanno una squadra giovane e atletica e l’innesto di Rafer “Skip to my lou” Alston  e Lee porterà ulteriore entusiasmo alla squadra. Miami è un’ incognita, ferma nel mercato, l’unico arrivo è Quentin Richardson, ha perso Michael Beasley, entrato in una clinica di riabilitazione, quindi di nuovo tutti sul carro di D-Wade.

Le note dolenti vengono dal trio Detroit-Indiana-New York: i Pistons hanno firmato Ben Gordon e Charlie Villanueva, bene ma non benissimo, hanno riesumato Ben Wallace ma non sembrano essere così competitivi ed in guardia il dualismo Hamilton-Gordon potrebbe essere deleterio visti i caratterini dei due.  Indiana parte senza Mike Dunleavy jr., senza un playmaker degno di tal nome, TJ Ford è una incognita specie dal punto di vista fisico, con il solo Antonio Granger a reggere le fila dell’attacco della squadra di Indianapolis

New York attualmente concorre per l’ultimo posto ad Est, coach D’Antoni sta disperatamente cercando un regista, ormai sicuri delle firme di Nate Robinson e David Lee e ci si augura in una esplosione di Danilo Gallinari al suo “primo” anno vero. A parte questo poco altro però, forse solo il talento offensivo ma non continuo di Al Harrington. Ciliegina sulla torta gli anno preso pure Milicic. Quando piove a volte grandina. Una sorpresa per la stagione?
Per i Milwaukee Bucks si aspettano il ritorno di Michael Redd e l’esplosione del talento di Joe Alexander.

Marco Abbati

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B