Obiettivo: riscatto!

tigerNell’Nba c’è il premio per il “Come back of the  year”, ovvero il giocatore che dopo un periodo buio è tornato a far parlare di se con ottime prestazioni. In questo posto analizzeremo i cinque giocatori più attesi al riscatto dopo una stagione 2008/09 assai disastrosa. Tra infortuni e problemi con i rispettivi team vediamo chi ruberà i riflettori della prossima stagione a Kobe e LeBron.

 

 

 

6a00d83451b84f69e2010535c632dc970b-350wi 5) Michael Redd (Milwaukee Bucks): E’ sempre la solita storia, Michael parte alla grande e dopo uno o due mesi il suo ginocchio fa “crack” e addio stagione. L’anno scorso il migliore tiratore da tre della lega ha disputato appena 33 partite con 21.1 punti di media. I Bucks hanno perso Richard Jefferson ma acquistato ottimi gregari come Hakim Warrick e Carlos Delfino, più l’aggiunta dal Draft di Brandon Jennings. Redd torna quindi il leader indiscusso, nel 2010 sarà anche lui un free agent, aspettiamoci una stagione da protagonista, ginocchio permettendo

 

elton-brand 4) Elton Brand (Philadelphia 76ers): La grande delusione dei Sixers nella passata stagione. Doveva essere, con Iguodala, l’uomo della svolta per i giovani leoni di Philly ma, prima un inizio poco convincente e poi l’infortunio alla spalla a metterlo fuori gioco. Appena 37 partite con 3.8 punti e 8.30 rimbalzi. A suo carico un contratto pesantissimo da $80 milioni per cinque anni, questa dovrebbe essere la stagione buona e in una città come Philadelphia non accetta queste situazioni, chiedere a Chris Webber.

 

 

g202266_u52637_Gilbert_Arenas 3) Gilbert Arenas (Washington Wizards): Su “Agent 0” ci sarebbe da scrivere un papiro; si fa male ma lo riconfermano con un contratto mostruoso, poi prima dell’inizio della stagione 2008/09 si ri-infortuna al ginocchio e gioca solo le ultime partite con anche ottime cifre (13 punti, 4,5 rimbalzi e 10 asssist), poi accusa la società dicendo che non lo ha sufficientemente tutelato: “Avrebbero dovuto farmi rimanere a riposo, anziché farmi giocare per vendere biglietti anche quando non ero per niente a posto fisicamente”. Le premesse sono buone per la franchigia capitolina visto anche gli acquisti fatti in estate;Mike Miller e Randy Foye più i confermati Caron Butler e Antwain Jamison, ma tutto dipenderà sempre da lui, Agent 0 il vero punto interrogativo.

 

bf47c0ad8b72ad13e38678eb0d27d3bb-getty-90198021jm040_iverson_pc 2) Allen Iverson (Memphis Grizzlies): La prima domanda alla conferenza stampa di presentazione nei Grizzlies fu cosa si aspettava da questa squadra, risposta diretta : “Vincere!”.
Carico e motivato  a giocare in una squadra dove il talento certo non manca. Ormai sicuro il ruolo da 6° uomo per A.I il quale però ha ripetuto più volte che è pronto ad affrontare anche questa sfida. Se, come ha dichiarato, questa dovrebbe essere la sua ultima stagione, di certo l’Mvp più basso della storia si farà sentire. Leggi qui

 

 

tracy_mcgrady_dirk_nowitzki 1) Tracy McGrady (Houston Rockets): Stessa storia di Brand, Redd e Arenas con la differenza che a metter fuori gioco T-Mac (a parte la spalla) fu lo spogliatoio, ammutinatosi verso la stella ex Magic da parte di Ron Artest. Ha cambiato numero, è tornato leader della squadra dice di essere in forma e di volersi prendere tante rivincite sul campo, attenzione al ri-sveglio di “The Big Sleep”. Leggi qui

Francescomatteo Bertoli

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B