Boston: multa per il “solito” Sheed

29e311efe71409fdfd4d2d92309dfc3a-getty-90041074ib015_celtics_heat Il lungo ex Pistons è riuscito, finalmente, a farsi multare per le solite proteste durante il match vinto venerdì contro i Raptors. Anche Sheed come Barnes si è lamentato per la sanzione, rischiando anche di farsela aumentare per i commenti. Infine un recap di tutte le multe del mese, torna il problema “Twitter”.

PARTITE DELLA NOTTE

Come non poteva mancare Rasheed Wallace (35 anni) nella lista delle sanzioni Nba?
Stavolta l’ex Pistons è stato multato per le eccessive e pesanti proteste dopo un fallo tecnico (6° dell’anno) fischiato nel secondo quarto del match vinto venerdì contro i Toronto Raptors.

L’ammenda ammonta $30 mila e Sheed ha commentato così la decisione della lega: “Andrò all’appello, ma cosa ho detto di male?”.

Le proteste di Wallace erano dovute al fatto che secondo il neo Celtics, Heedo Turkoglu “simulava” ad ogni contatto: “Hanno avuto modo di conoscere che cosa sia un flopper (termine usato per denominare i simulatori, ndr); Questo è tutto quello che Turkododo sa fare. E’ illegale, non è basket, non è difesa, è solo spazzatura!”.

E’ proprio un periodo di multe in Nba, ecco le principali di questo mese:
Matt Barnes (ORL), $30 mila
Dwight Howard (ORL), $15 mila: proteste/critiche espresse sul suo sito contro gli arbitri
Al Harrington (NYK), $25 mila: dure critiche post partita dopo la sconfitta dei Knicks a Charlotte.
Amare Stoudemire (PHX), $7,5 mila: “Tweeting” durante il match tra Suns e Grizzlies
Tyson Chandler (CHA), $7,5 mila: “Tweeting” durante il match tra Bobcats e Raptors

F.B

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B