Occhio ai lunghi, a Philly è Iverson-Day

mur-gor-ive-lar Larry Brown non è sazio e chiede un latro acquisto alla dirigenza nel reparto lunghi, Gortat si è stufato di fare il cambio di Howard ad Orlando, i Cavs hanno il mirino su Troy Murphy mentre stanotte a Philadelphia ”Iverson-Day”.

PARTITE DELLA NOTTE

Dopo l’eccellente innesto di Stepehn Jackson, Larry Brown ha preso atto che i suoi Bobcats possono seriamente mirare ai playoff, quindi il coach ex North Carolina avrebbe chiesto alla dirigenza Bobcats un ulteriore rinforzo, stavolta sotto le plance. Ancora però sconosciuti i candidati.

Lunghi che interessano anche i Cleveland Cavaliers; dopo aver saputo il malumore che vi è tra gli Indiana Pacers e Troy Murphy (29 anni). I Pacers stanno decisamente sul rookie Tyler Hansbrough, riducendo di conseguenza il minutaggio del lungo ex Notre Damme, il quale comunque viaggia ad una media di 10.8 punti e 8.80 rimbalzi ad uscita.
I Cavs per quanto riguarda il pacchetto lunghi sono più che a posto, potendo vantare giocatori come Varejao, O’Neal, Ilgauskas, Hickson e Leon Powe (ancora fermo ai box). Murphy, a differenza di questi, ha un ottimo tiro perimetrale che consentirebbe ai Cavaliers un’ulteriore arma tattica.

Sempre in tema di lunghi e di malumore, ad Orlando Marcin Gortat (25 anni) si è stufato letteralmente di fare il cambio di Dwight Howard: “Sono stanco di essere un giocatore di ripiego e di giocare appena 5 minuti a partita, spero che la gente capisca, so che posso dare molto di più” sono state le parole del polacco. Sorpreso e deluso coach Van Gundy dalla reazione del suo lungo, adesso si attende la dead-line di febbraio per vedere di poter accontentare Gortat, il quale comunque sta viaggiando ad una media di 3.8 punti e 3.8 rimbalzi in 15 minuti di media, la sua più alta da quando gioca in NBA.

Chiudiamo parlando del ritorno in campo di Allen Iverson (34 anni) con la maglia dei Philadelphia 76ers stanotte contro una delle sue ex franchigie, i Denver Nuggets.
Coach Jordan ha fatto sapere che A.I partirà subito nel quintetto base e che si è ben allenato, dal canto suo il giocatore chiede pazienza: “Chiedo ai miei fan, alla gente di Phila e ai miei compagni un poco di pazienza all’inizio”.

F.B

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B