Celtics – Magic 89-96

589e227804d22a148c684c503834653a-getty-90043533 Partenza di fuoco per i Celtics che guidati da un ispirato Rondo toccano anche il +11 all’intervallo, ma nella terza frazione si spegne la luce in casa Boston e Orlando prima rimonta e poi travolge i padroni di casa con le stoppate di Howard e le triple di Lewis e Vince Carter. I Magic rifilano un pesante 3-1 nei confronti dei verdi del Massachussets.

PARTITE DELLA NOTTE

Boston Celtics – Orlando Magic 89-96 (24-23, 51-40, 62-76)

Celtics: Pierce 13, Garnett 13, Perkins 2, R. Allen 14, Rondo 17,  Wallace 2, Davis 9, T. Allen 4, House 7, Daniels 8, Scalabrine ne, Williams ne
All. Rivers

Magic: Barnes 11, Lewis 14, Howard 16, Carter 20, Nelson 15, Gortat 2, Redick 4, Pietrus 8, Williams 6, Anderson, Bass ne, Johnson ne
All. Von Gundy

Top performance:
Rimbalzi: Howard 13 (2 off, ORL)
Assist: Rondo 9 (BOS)
Recuperi: Pearce 3 (BOS)
Palle perse: Nelson 5 (ORL)
Stoppate: Howard 2 (ORL)

Mvp: Vince Carter (ORL) 20 punti (4/9, 3/4, 3/4), 3 rimbalzi, 3 assist.

Cronaca:
Partita piena di aspettative, tra le due compagini che si sfidano per vedere chi è la seconda forza della Eastern Conference, Boston ritrova la propria leadership in Pearce e vorrebbe continuare la propria serie positiva, mentre Orlando vuole ritornare a vincere dopo lo stop contro Washington.
Primo quarto che inizia in sordina con Rondo e Pearce che cercano di accendere il match  con penetrazioni decise, invece Orlando si difende come al solito con il tiro da tre punti di Matt Barnes.

Seconda frazione che prosegue sulla stessa soglia della prima fino a due minuti dalla fine quando i Celtics cercano di dare il primo strappo deciso alla gara segnando un paio di volte dall’arco con Pearce e Allen, e le solite scorribande di Rondo, chiudendo all’intervallo sopra di 11 punti (51-40).
Ripresa che si presenta come si era conclusa con Boston che continua a banchettare nell’area Magic e Orlando riesce a trovare qualche punto qua e la grazie allo strapotere fisico di Howard.
Ma la partita gira clamorosamente quando a metà quarto Orlando inizia a bombardare dalla lunga distanza insistentemente, l’attacco dei Celtics si inceppa anche grazie a una buona difesa di Howard e compagni; i Magic piazzano 4 triple grazie soprattutto ad un vince Carter davvero in serata, potendo contare anche sull’apporto di un Rashard Lewis (2/3 da 3 punti) fin li inesistente. E’ davvero scioccante il parziale con il quale Orlando chiude il terzo quarto (11-36).

Ultimo quarto che inizia con Boston che continua a litigare con il ferro, e ci vuole un veterano come Eddy House a dare la scossa con un paio di bombe, ma Orlando non si ferma più e continua a segnare sia dalla lunga distanza che da sotto canestro, complice anche la difesa di Boston. Nel finale piccola accenno di rimonta da parte di Boston grazie a Garnett e Allen, il quale arriva fino a -5, ma la partita si chiude quando Lewis segna allo scadere dei 24 secondi un tiro forzato che spegne definitivamente i tentativi di rimonta dei Celtics (89-96 il finale).

Boston conferma tutti i problemi evidenziati nell’ultimo periodo, la difesa discontinua a tratti irritante dei big, e le forzature inspiegabili sempre di quest’ultimi, mentre dall’altra parte Orlando conferma la potenza di fuoco che ha da dietro la linea dei tre punti (11/22 complessivi di squadra da tre punti), e Carter decisamente il migliore in campo ha mostrato segni di solidità mentale e di leadership tenendo in vita Orlando quando stava per sprofondare.

Nicolò Paterini

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B