Cavaliers – Celtics 104-93

22c92adc0ef8774853c319e3fa93fd25-getty-90043948nb002_celtics_cavaliers_nb001_rockets_knicks In una partita poco esaltante i Cavaliers battono i Boston Celtics grazie ad un super parziale firmato a cavallo tra il 3° e 4° periodo. Ottimo come sempre LeBron James ben assistito da Mo Williams e Anderson Varejao. I Celtics complessivamente male e anche quando hanno toccato la parità non hanno mai dato la sensazione di essere in partita.

Cleveland Cavaliers – Boston Celtics 104-93 (24-18; 54-48; 80-72)

Cavaliers: James 30, Jamison 15 (12 rimb), Hickson 12, Parker 6, Williams 14, Moon, Powe 6, Varejao 17 (10 rimb), West 4, J.Williams ne, Gibson ne, Jackson ne
All. Brown

Celtics: Pierce 18, Garnett 18, Perkins 6, R.Allen 20, Rondo 16, T.Allen, Daniels, Davis 4, Finley 4, Robinson, Wallace 5, Williams 2
All. Rivers

Top performance:
Rimbalzi: Jamison 12 (4 off, CLE)
Assist: James 7 (CLE)
Recuperi: Rondo 2 (BOS)
Palle perse: Garnett 3 (BOS)
Stoppate: James 3 (CLE)

Mvp: LeBron James (CLE) 30 pt (8/18, 1/2, 11/16), 8 rimb (3 off), 7 ass, 3 stop

Cronaca:
Primo quarto caratterizzato da molte forzature ed errori da entrambe le parti sia sotto l’aspetto realizzativo che tattico con l’equilibrio che fa da padrone nella prima metà (12-12); ospiti nelle mani di KG (8 punti) con Pierce sottotono, mentre per i padroni di casa LeBron gioca prevalentemente per i compagni (3 assist) ma nell’ultimo minuto si mette in proprio con 7 punti consecutivi regalando un mini-break col quale i Cavs chiudono sul + 6 (24-18) il primo quarto.

Secondo quarto con le seconde linee in campo e sono quelle dei Cavs, guidate da Mo Williams, a fare la voce grossa: due triple consecutive dell’ex Bucks segnano il massimo vantaggio sul 35-25 dopo 5’ di gioco.  Boston reagisce timidamente con “The Big Ticket” aggravato però di 3 falli, mentre continua a non vedere la luce Paul Pierce (0/4); Cleveland non approfitta degli errori degli avversari per prendere il largo ma tiene comunque la leadership del match. Da sottolineare la prestazione di Anderson Varejao, top-scorer dei suoi con 13 punti, in difesa contiene benissimo Sheed e Perkins e in attacco si fa sempre trovare la posto giusto al momento giusto.

Nell’ultimo minuto le difese si allungano e gli ospiti, grazie anche ad un’ingenuità di Jamison che regala 3 tiri liberi a Pierce a 1 decimo di secondo dalla fine, chiudono il primo tempo ancora sotto di 6 (54-48).
LeBron James non in grande spolvero con solo 6 (1/3, 1/1, 1/2) punti ed altrettanti assist, bene Varejao (15 punti) mentre molto falloso Antawn Jamison con 3/11 dal campo. Per Doc Rivers bene Garnett con 10 punti e segni di risveglio da parte di “Double P” con 5 punti, ma dalla lunga distanza pesa lo 0/6.

Ripresa che vede dopo pochi minuti LBJ letteralmente abbattuto in corsa da una manata in volto/naso da parte del solito Kevin Garnett che a queste scorrettezze non è nuovo, 4° fallo per lui e niente di grave per il “King”.  Padroni di casa un po’ pigri con Mo Williams che tiene in piedi da solo l’attacco, Celtics sono in partita e a -5’11” dalla sirena la tripla dall’angolo di Ray Allen sancisce la parità a quota 68!
Gli ospiti sprecano malamente i palloni del sorpasso/allungo e LeBron James non perdona e con i liberi a segno di Leon Powe riporta sul +8 la sua compagine (76-68) con 2’30” sul cronometro.
Gli uomini di coach Brown riescono a chiudere davanti anche il terzo quarto (80-72), James sale in cattedra con 19 punti mentre nelle file dei Celtics molto bene Rajon Rondo (16 punti).

Ultimo quarto che si apre con mani molto fredde da ambedue le parti con i Cavs che silenziosamente allungano dalla lunetta con West e Jamison sul +1 (85-72).
Boston è nel pallone e il parziale casalingo si allunga (21-4 dal 68-68) con LeBron che a -7’ dalla sirena spacca la partita firmando il +17 (89-72). Gli ultimi 5’ vedono una vana reazione dei Celtics con Ray Allen (reo anche di un fallo antisportivo su LeBron) ma gli uomini di coach Mike Brown non si scompongono e colgono l’occasione di perfezionare le statistiche con James che tocca quota 30 punti.

Partita non molto bella vinta dalla squadra più forte: James da protocollo, Williams e Varejao presenti e Jamison un po’ falloso ma complessivamente una buona prestazione. Per i Celtics si salva a fatica Garnett in una squadra che non ha mai dato la sensazione di poter espugnare la Quicken Loans Arena.

Francescomatteo Bertoli

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B