Sixers su Sam Mitchell, Kobe e Odom su Ron

mitch-kobe-ron Philadelphia continua la ricerca al nuovo head coach e il mirino si è spostato sull’ex Raptors Mitchell. Bryant commenta il quintetto difensivo NBA mentre Artest fa pace con Jackson, infine la situazione di JJ e la rinuncia ai Mondiali di Bogut.

PLAYOFFS: SEMIFINALI DI CONFERENCE

PLAYOFFS: RONDO SUPERLATIVO, SWEEP DEI SUNS!

I Philadelphia 76ers continuano a sfogliare l’album degli allenatori da scegliere per la prossima stagione e, dopo l’incontro con Avery Johnson e l’auto candidatura di Doug Collins, l’ultimo nome estratto è quello di Sam Mitchell.
Mitchell fu nominato miglior allenatore nella stagione 2006/07 alla guida dei Toronto Raptors, per poi essere esonerato dopo 17 partite nella stagione 2008/09: “Sam sa come allenare e ha avuto successo nella lega vincendo il riconoscimento di migliore allenatore nel 06/07. Non vedo l’ora di incontrarlo (l’incontro avverrà oggi, ndr) per scambiare le idee e capire se possa essere lui quello che ci serve” ha dichiarato il GM dei Sixers Ed Stefanki.
Oltre a Mithcell è spuntato anche il nome di Bill Lambeer, ex giocatore dei Detroit Pistons.

L.A Lakers: Kobe dice la sua, pace Artest-Jackson
Dopo il successo in Gara3 a Salt Lake City contro gli Utah Jazz, che ha regalato il 3-0 nella serie ai Lakers, Kobe Bryant (31 anni) ha voluto commentare le scelte del miglior quintetto difensivo NBA: “Non capisco come non possa esserci Ron (Artest, ndr)! E’ un vero toro in difesa, ogni sera deve prendersi il leader o il giocatore più pericoloso della squadra e il suo dovere lo fa sempre”. Ad aggregarsi ai commenti del “Black Mamba” è stato anche Lamar Odom (30 anni), spina nel fianco nella serie contro i Jazz: “Sono rimasto basito, dovrebbe esserci ogni anno! Onestamente non so chi possa difendere melio nella Lega”.
Sempre rimanendo sull’ex Indiana Pacers, è arrivata la pace tra lui e il suo coach Phil Jackson: nei giorni passati i due ebbero un fraintendimento per alcuni tweet rilasciati dal Ron Ron sulla sua pagina di Twitter.

Atlanta: Joe Jonhson si difende
Dopo la rovinosa sconfitta in Gara3 tra le mura amiche contro gli orlando Magic (3-0 per ORL) la guardia degli Atlanta Hawks Joe Johnson (29 anni) è stata beccata a fine partite con fischi e vari “buuu” dal suo pubblico.
JJ ha chiuso son 3/15 dal campo ed essendo che in questa estate sarà free-agent, molti addetti ai lavori hanno detto che il prezzo del suo cartellino è troppo alto per il gioco che ha espresso in questa serie, lui si difende: “Non mi svaluto. E’ una serie difficile, noi proviamo a dare il massimo. Fidatevi è frustrante per noi e per me accettare queste sconfitte”.

Milwaukee: Bogut niente Mondiali
Il centro dei Bucks Andrew Bout (25 anni) sarà costretto a saltare anche i Mondiali che si terranno ad agosto in Turchia.
L’australiano è stato costretto a saltare anche i playoffs che hanno visto i suoi Bucks portare a Gara7 gli Atlanta Hawks; la frattura al braccio destro che lo ha fermato nella sua stagione migliore (15.9 punti, 10.2 rimbalzi e 2.5 stoppate) non potrà essere guarita entro l’evento internazionale, ecco le sue parole: “E’ stata una decisione difficile, anche se guarissi non potrei essere di nessun contributo. Comunque voglio contribuire in qualsiasi modo per i preparativi della squadra e sono ansioso di lavorare col team mentre ci prepariamo per le Olimpiadi Londra nel 2012”.

F.M.B

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B