Jackson punzecchia gli Heat

PhilJacksonLo Zen parla per la prima volta di Miami, NY in pole per Anthony, Noah sempre più lontano dai Bulls e le nuove divise dell’Adidas.

MARKET EAST 2010

MARKET WEST 2010

FREE-AGENCY 2010

Dei Miami Heat hanno parlato quasi tutti e non poteva mancare la parola del coach campione in carica con i Los Angeles Lakers, Phil Jackson, il quale (come sempre) non le manda a dire e scocca qualche bella frecciatina: “Miami? Hanno un alto tasso di talento ma a volte troppo talento non basta per vincere”.
Jackson invita tutti a ricordare quando i Lakers schieravamo Elgin Baylor, Wilt Chamberlain e Jerry West: “Tre dei più grandi realizzatori di tutti i tempi, ma in quattro anni di convivenza non hanno mai vinto un titolo”. Il coach “Zen” quindi non ha perso tempo e, ancor prima del pre-campionato, ha iniziato i suoi “mind-game”. La sfida è già partita, appuntamento il giorno di Natale allo Steaples Center.

NBA: continuano le trattative
L’NBA e l’associazione dei giocatori  hanno recentemente completato un’altra negoziazione aggiungendo che andranno avanti, con riunioni a piccoli gruppi, cercando di arrivare ad un accordo per evitare il lock-out.
Non è ancora data a sapere la data della prossima riunione, le parti hanno dichiarato che vi sono molte faccende di cui discutere.

PILLOLE DI MERCATO
Joakim Noah (25 anni) e i Chicago Bulls sono sempre più lontani in merito alla questione del rinnovo del giocatore; ciò potrebbe portale il figlio di Yannick ad una trade, magari con i Denver Nuggets per Anthony.
– Fonti vicine a Carmelo Anthony (27 anni) narrano che in cima ai desideri di melo ci sono i New York Knicks
Eric Dampier (35 anni) sarebbe molto vicino a firmare con i Miami Heat.
– I Washington Wizards hanno invitato al loro training-camp l’ala Javaris Crittenton (23 anni), squalificato nella scorsa stagione per la vicenda negli spogliatoi con Gilber Arenas.

CURIOSITA’
– Sulla fan-page di Nba-Evolution potrete osservare in esclusiva le nuove divise NBA prodotte dall’Adidas.

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B