Wade gelido e 12 W, Rose no, NY K.O

I Philadelphia 76ers sfruttano al meglio la super trade che ha visto coinvolto gli Orlando Magic vincendo alla Amway Arena con ben tre giocatori a quota 20 punti (Williams 24), per i padroni di casa inutile la super doppia-doppia da 26 punti e 20 rimbalzi di Dwight Howard.
A differenza dei Magic i Wizards invece hanno dato un gran filo da torcere ai Miami Heat di LeBron James (32 punti): capitolini a +4 a 16″ dalla fine (93-89), gli sopiti dalla lunetta con Bosh e Jones impattano a quota 93. Negli ultimi 12″ Kirk Hinrich fa 1/2 dalla lunetta (94-93) ma l’ultima parola è di Dwyane Wade che si prende il fallo, fa 2/2 (94-95) e regala la vittoria consecutiva numero 12 ai suoi Miami Heat, con l’ultimo tentativo di Hinrich che non va a segno.
Piccolo momento di crisi per i New York Knicks che cadono a Cleveland contro i Cavaliers che interrompono così la striscia negativa di 10 K.O trazie alla doppia-doppia di Mo Williams (24+14 assist) il quale a realizzato il running-shot a 3″ che ha mandato tutti ai supplementari; Knicks a contatto (99-97) con Stoudemire prima che Jamison e Williams lanciano al fuga portandosi sul 105-97 e segnando di fatto il match. Malissimo il Gallo con 7 punti e 1/10 da tre.
Colpo dei Los Angeles Clippers che vincono la seconda patta consecutiva e lo fanno espugnando di misura lo United Center di Chicago: ospiti che col solito e super Blake Griffin (29+12) segnano il +7 a 42″ (93-100), i Bulls non ci stanno e provano la super rimonta con Boozer e Rose, proprio Rose ha la chance di pareggiare dalla lunetta (98-100) a 8 decimi dalla fine ma gli spettri del passato tornano a fare visita all’ex Kansas che fa 1/2. Kevin Love firma il suo career-high (43 punti) ma non è servito per vincere a Denver contro Melo Anthony (24 punti), altra partita con finale punto a punto è stata quella che ha visto i Portland trail Blazers contro i Golden State Warriors; LaMArcu Aldridge realizza il libero del +3 (96-93), Ellis accorcia sul -1 a 33″ poi i Blazers sprecano con Matthews e sempre Monta Ellis ha la palla della vittoria ma il suo tentativo non è andato in porto. A Tony Parker (37 punti) e ai suoi Spurs è servito un supplementare per superare i Grizzlies: nell’ultimo minuto dei regolamentari gli uomini di coach Pop vanno nel pallone e un 5-0, culminato con la tripla di O.J Mayo a 21″, a siglato la parità sul 100-100. Nel supplementare  decisivo un mini break di 6-1 che ha consentito a San Antonio di portarsi sul +6 (110-104) a 62″ dalla sirena finale.

ORLANDO RIBALTATI: VIA LEWIS, ARRIVA J-RICH!

Orlando Magic – Philadelphia 76ers 89-97
ORL: Bass 18, Howard 26 (20 rimb), Nelson 17
PHI: Iguodala 21, Brand 20 (13 rimb), Williams 24

Washington Wizards – Miami Heat 94-95
WAS: Thornton 10, Blatche 20 (12 rimb), Young 30, Hinrich 13 (12 ass), Armstrong 13
MIA: James 32, Bosh 20, Wade 20

Cleveland Cavaliers – New York Knicks 109-102 OT
CLE: Parker 17, Jamison 21, Warejao 14 (17 rimb), Gibson 11, Williams 23 (14 ass), Sessions 12
NYK: Chandler 13, Stoudemire 23 (11 rimb), Fields 11, Felton 23 (11 ass), Williams 12

Italian Job: Gallinari 7 pt (2/4, 1/10, 0/0), 2 rimb, 2 ass, 1 rec

Chicago Bulls – Los Angeles Clippers 99-100
CHI: Deng 17, Boozer 25, Rose 34
LAC: Griffin 29 (12 rimb), Gordon 15, Davis 16, Smith 13, Butler 11

Milwaukee Bucks – Utah Jazz 86-95
MIL: Douglas-Robert 13, Bogut 19, Salmons 18, Gooden 12, Dooling 14
UTA: Kirilenko 12, Millsap 15, Jefferson 18, Williams 22 (11 ass), Miles 16

San Antonio Spurs – Memphis Grizzlies 112-106 OT
SAS: Jefferson 12, Duncan 13 (12 Rrimb), Ginobili 15, Parker 37, Neal 11, Quinn 10
MEM: Allen 15, Randolph 24 (21 rimb), Gasol 11 (11 rimb), Maxo 27, Conley 13, Young 11

Denver Nuggets – Minnesota Timberwolves 115-113
DEN: Anthony 24, Afflalo, 17, Lawson 23, Smith 18, Harrington 15
MIN: Beasley 17, Love 43 (17 rimb), Webster 12, Flynn 12

Portland Trail Blazers – Golden State Warriors 96-95
POR: Fernandez 15, Aldridge 17, (12 rimb), Cunningham 13, Matthews 13, Miller 17, Mills 12
GSW: Wright 12, Lee 13 (11 rimb), Williams 16, Ellis 26, Carney 10

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B