Dallas risorge, Melo bate Durant

Quarto K.O nelle ultime 4 per i New York Knicks che, malgrado il solito Stoudemire (25 punti) non trovano la W in Texas sul parquet degli Houston Rockets trascinati da Kevin Martin (21 punti), per il Gallo 11 punti ma con 4/11 dal campo.
Stessa sorte sempre in Texas per i Raptors che però affrontavano i San Antonio Spurs; Bargnani stecca dopo tante partite buone chiudendo con 14 punti ma 6/20 dal campo, dall’altra parte Ginobili e Blair padroni del campo con 23 e 22 punti.

Sempre più nel baratro i Cleveland Cavaliers al loro 13° K.O filato che neanche tra le mura amiche riescono a trovare la vittoria, stavolta loro carnefici i Phoenix Suns dell’arzillo Grant Hill (27+12 rimbalzi), per Nash 15 assistenze.
Secondo K.O nel tour ad Est per gli Utah Jazz, inciampati in quel del New Jersey sotto i colpi di Brook Lopez (20 punti), decisivo il 3° periodo che ha consentito agli uomini di Avery Johnson di entrare nell’ultimo periodo sopra di 13 (77-64).

Ogni volta che Sixers e Magic si fronteggiano ne esce, per lo più delle volte, un finale thriller, e così stato anche stavolta; Philly sul +4 (90-86) a 22″ ma un’ingenuità di Iguodala consente a J-Rich di piazzare un gioco da 4 punti che impatta la parità, nel finale Luois Williams prima e Anderson poi avranno la palla della vittoria, niente da fare e quindi Overtime! E’ un duello tra Iguodala e Redick che ha visto per la seconda voltà un’ altra ingenuità Sixers, sul +1 locale (96-95) J.J segna da 3 col fallo (di Williams), +3 Magic a 1’43”, Williams non riesce a farsi perdonare sbagliando la tripla del pareggio ma a 43″ Teddy Young schiaccia il -1 (98-99). C’è ancora una speranza sull’errore di Nelson, Iguodala si prende il jumper ma lo sbaglia, rimbalzo offensivo del rookie Turner ma il suo gancio a 1″ non troverà il fondo del canestro.

I Celtics di Paul Pierce (22 punti) escono nel 4° periodo e superano i Detroit Pistons; sul 76 pari a 5′ dal termine i “Big Three” firmano un break di 9-1 gelando la partita.
Lo 0 sulla tabella di vittorie in trasferta dei Washington Wizards rimane tale, nella notte John Wall (10+13 assist) e i suoi sono caduti a Milwaukee grazie ai 44 punti del duo Dooling-Maggette (23 e 21 punti).

Secondo overtime della nottata NBA andato in scena a New Orleans tra Hornets e Grizzlies; Chris Paul segna da 3 per il -1 a 1’09”, Rudy Gay sbaglia sul capovolgimento e di nuovo CP3 ha la palla del sorpasso, sbaglia, rimbalzo di Okafor e fallo su di lui. L’ex Bobcats fa solo 1/2 e quindi supplementare! Punto a punto fino a 20″ dove, sul +4 ospite (98-102), CP3 si ripete con la tripla del -1, Conley perde palla e stavolta Marcus Thornton non trema e realizza il lay-up del sorpasso e vittoria Hornets.

E’ servito un supplementare (3° della notte) agli sfortunati Blazers (anche Camby si opererà al ginocchio) per aver la meglio sui Kings; Landry porta tutti all’overtime con 2/2 dalla lunetta (85-85) con 26″ in quanto Aldridge non riuscirà nel “buzzer beater”, nel supplementare è Andre Miller a sbloccare la parità sul 90-90 a 1’49” con il jumper, Sacramento avrà ben tre chance di pareggiare e superare gli avversari ma Evans e Casspi falliranno, 2 liberi di Nicolas Batum a 7″ manderanno i titoli di coda.

Quello che non è successo a LaMarcus Aldridge prima è successo a Monta Ellis (36 punti) nel match vinto sulla sirena dai Warriors sui Pacers di Danny Granger (32 punti); Golden State sul +3 (108-105) a 21″, Darren Collison piazza il gioco da 3 punti per la parità a 18″ e Monta Ellis con 6 decimi sul cronometro segna il jumper della vittoria!

Tornano al successo e con stile i Dallas Mavericks, superando tra le mura amiche i Los Angeles Lakers di Kobe Bryant (21 punti); ospiti sul +5 (65-69) a metà del terzo quarto con la tripla di Artest ma stavolta i Mavs non crollano e piazzano un break di 17-2 firmato dal duo Kidd-Marion che porta Dallas sul +13 (90-77) ad inizio 3° periodo.

Nella sfida tra bomber è stato Carmelo Anthony (35 punti con 12/25 dal campo) a superare Kevin Durant (22 punti con 6/8); padroni di casa che entrano nell’ultima frazione sul -1 (85-86), a 3’09” si troveranno sul +1 (104-103) e sarà li che un brea di 6-0 spingerà gli uomini di Karl sul +7 (110-103) a 1’55”, segnando di fatto il match. Inoltre dal New Jersey sono arrivate le voci dell’owner dei Nets Prokhorov su Carmelo: “Non ci sarà nessuna trade” chiudendo di fatto la nostra amata telenovela “Melo & i Nets“!

Nessuno svegli i Los Angeles Clipper e Blake Griffin! Il rookie ferma contro i T-Wolves la striscia consecutiva di doppie-doppie ma grazie ai 72 punti confezionati dal trio Griffin-Gordon-Davis i Clippers centrano la terza W consecutiva e superano senza problemi Kevin Love e i suoi.

Cleveland Cavaliers – Phoenix Suns 98-106
CLE: Jamison 23, Hickson 16 (15 rimb), Harris 10, Sessions 19, Gibson 16
PHX: Hill 27 (12 rimb), Frye 18, Nash 15 (15 ass), Gortat 16 (12 rimb)

New Jersey Nets – Utah Jazz 103-95
NJN: Outlaw 13, Favors 12, Lopez 20, Harris 14, Vujacic 15, Farmar 11, Humphries 12
UTA: Kirilenko 17, Jefferson 21, Williams 20 (10 ass), Miles 13

Philadelphia 76ers – Orlando Magic 98-99 OT
PHI: Iguodala 15, Holiday 16, Williams 19, Turner 10, Young 17
ORL: Turkoglu 12, Bass 11 (10 rimb), Howard 18, Nelson 16, Anderson 20

Boston Celtics – Detroit Pistons 86-82
BOS: Pierce 22, Garnett 11, S.O’Neal 12 (12 rimb), Davis 11
DET: Prince 13, Monroe 13, Stuckey 15, Gordon 10, Villanueva 11

Milwaukee Bucks – Washington Wizards 100-87
MIL: Maggette 21, Dooling 23, Boykins 19
WAS: Blatche 23, Young 21, Wall 10 (13 ass)

New Orleans Hornets – Memphis Grizzlies 103-102 OT
NOH: Ariza 11, West 19 (11 rimb), Okafor 11 (11 rimb), Paul 20 (12 ass), Thornton 17
MEM: Gay 22, Randolph 17 (10 rimb), Gasol 12 (10 rimb), Conley 22, Mayo 10

Italian Job: Belinelli 8 pt (4/5, 0/2 da 3), 1 rimb, 2 ass, 2 perse

Houston Rockets – New York Knicks 104-89
HOU: Battier 12, Scola 13, Hayes 8 (12 rimb), Martin 21, Lowry 18, Brooks 12, Budinger 13
NYK: Chandler 10, Gallinari 11, Stoudemire 25, Felton 14, Douglas 13

Italian Job: Gallinari 11 pt (3/7, 1/4, 2/2), 6 rimb (3 off), 3 perse, 1 stop

San Antonio Spurs – Toronto Raptors 104-95
SAS: Duncan 10 812 rimb), Blair 22 (11 rimb), Ginobili 23, Parker 17, Hill 14
TOR: Bargnani 14, DeRozan 28, Calderon 14, Bayless 10, Davis 6 (11 rimb)

Italian Job: Bargnani 14 (5/15, 1/5, 1/1), 7 rimb (1 off), 1 ass

Dallas Mavericks – Los Angeles Lakers 109-100
DAL: Pavlovic 11, Nowitzki 14, Chandler 6 (10 rimb), Kidd 21 (10 ass), Marion 22, Terry 22
LAL: Gasol 23, Bynum 10, Bryant 21, Odom 20 (10 rimb)

Denver Nuggets – Oklahoma City Thunder 112-107
DEN: Anthony 35, Martin 7 (11 rimb), Nene 16, Billups 16, Lawson 11
OKC: Durant 22, Green 11, Westbrook 28 (10 ass), Ibaka 16

Sacramento Kings – Portland Trail Blazers 90-94 OT
SAC: Evans 16, Udrih 20, Casspi 10 (11 rimb), Dalembert 15 (12 rimb), Landry 10
POR: Batum 24, Aldridge 23, Miller 20, Przybilla (11 rimb), Fernandez 13

Golden State Warriors – Indiana Pacers 110-108
GSW: Wright 21, Lee 21, Ellis 36, Curry 11
IND: Granger 32 (13 rimb), Hansbrough 16, Collison 14, Dunleavy 14, Foster 3 (15 rimb)

Los Angeles Clippers – Minnesota Timberwolves 126-111
LAC: Gomes 13, Griffin 29, Jordan 11 (12 rimb), Gorfon 23, Davis 20, Diogu 10
MIN: Beasley 21, Love 26 (11 rimb), Brewer 12, Ridnour 16

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B