Rose supera Howard, Heat massacrati

Cominciamo dal big-match della Eastern Conference dove i Chicago Bulls di Derrick Rose (24 punti) hanno vinto alla Amway Arena di Orlando contro i Magic del suo rivale alla corsa dell’MVP, Dwight Howard (20+10) il quale salterà la prossima partita per aver raggiunto il limite di falli tecnici stagionali; dopo aver chiuso sul 21 pari il primo quarto, i Bulls piazzano un break di 19-6 ad inizio 2° quarto portandosi sul +13 (27-40) a 4’08” dalla sirena, Orlando non riuscirà più a ricucire quel distacco.

A San Antonio va in scena la “Noche Latina” tra i Los Spurs e gli El Heat, peccato (per Miami) che sia andato in scena un vero massacro! A sorpresa scende in campo e gioca una signor partita Tony Parker (15 punti), il match dura solo 12′, quelli del primo quarto che hanno dato il +24 (!!!) sul 36-12 a favore degli speroni. San Antonio ha realizzato il record di triple segnate con 17/28 (60%), mentre per gli ospiti un desolante 7/20 (35&). James a parte (26 punti), gli heat non sono mai scesi in campo tanto da consentire ai texani di mandare ben 8 giocatori in doppia-cifra con Manu Ginobili top-scorer (20 punti). Per il record contro i top-team, fate 1-9!

A Philadelphia la super doppia-doppia di Kevin Love (21+23) per superare la tripla-doppia di Andre Iguodala (22+10+13); Minnesota arriva sul -1 (101-100) a 2’26” ma due jumper consecutivi di Elton Brand (21 punti) hanno dato via ad un parziale di 10-0 che ha stroncato le speranze ospiti.

Kevin Durant (29 punti) gioca ad Atlanta e, insieme a Russell Westbrook (28 punti), guida con i suoi Thuder ad Atlanta; Oklahoma City guida per tutto il matche lo strappo decisivo arriva a metà del 3° quarto quando, sul +2 (63-65), gli uomoini di Brooks firmano un break di 12-3 lanciandosi sul +11 (66-77).

Deron Williams mette la sua firma nel primo successo con i New Jersey Nets, successo storico in quanto ottenuto a Londra in quel della O2 Arena, per i Raptors vani i 30 di DeRozan.

I Boston Celtics domano i Golden State Warriors di uno scatenato Monta Ellis (41 punti con 13/24 dal campo); a 2’16” Boston guida di 2 (103-101) ed è il nuovo arrivato Jeff Green (21 punti) a rubare palla a Stephen Curry consentendo a Rajon Rondo di siglare il suo 16° assist per il layup del +5 (105-101) a 1’31” realizzato da Paul Pierce (27 punti).

I Cleveland Cavaliers dell’esordiente Baron Davis (18 punti) hanno espugnato il Madison Square Garden di New York dove non sono serviti i 41 punti (16/32 dal campo) di Amar’e Stoudemire; si decide tutto negli ultimi 58″ quando, sotto 112-110, i Cavaliers segnano due triple consecutive andando sul +4 (112-116), Stoudemire segna la tripla del -1, Sessions segna un libero e a 7″ siamo sul 115-117 Cavs. Palla a Carmelo Anthony (29 punti) che commette sfondamento! Harangody chiuderà i giochi dalla lunetta.

Chris Paul torna a fare la voce grossa (23+14 assist) bella vittoria Hornets a Memphis; a 57″ Zac Randolph (10+11) porta sul -2 (91-93) i suoi ed ecco il momento chiave, New Orleans perde palla, commette fallo ma Marc Gasol fa 0/2 dalla lunetta! Poi dalla lunetta New Orleans construirà il vantaggio che poi chiuderà il match a suo favore. Bene Belinelli con 14 punti partendo nel quintetto base.

I Mavericks suda ma supera nel quarto periodo gli Indiana Pacers, a decidere il match è stato il break di 9-2 a 2′ dalla sirena finale che ha dato il + 10 (110-100) Mavs, top-scorer Dirk Nowitzki con 29 punti.
Nessun problema per i Phoenix Suns che grazie ad un terzo quarto da 15-31 che le ha dato il +13 (63-76) e ai 400 punti del duo Frye-Pietrus (20 a testa) per vincere a Milwaukee.

Chiudiamo con la sesta vittoria consecutiva dei Los Angeles Lakers di Kobe Bryant (27 punti); giallo-viola che chiudono sul +10 (45-35) all’intervallo, ad inizio ripresa ecco il break di 11-2 che ha mandato sul +16 (56-39) i campioni.

New Jersey Nets – Toronto Raptors 116-103

Orlando Magic – Chicago Bulls 81-89
ORL: Bass 16, Howard 20 (10 rimb), J.Richardson 16, Nelson 14
CHI: Deng 16, Boozer 12, Rose 24, Asik 5 (13 rimb)

Philadelphia 76ers – Minnesota Timberwolves 111-100
PHI: Iguodala 22 (10 rimb, 13 ass), Brand 21, Meeks 12, Williams 12, Young 16, Turner 10
MIN: Beasley 15, Love 21 (23 rimb), Pekovic 16, Ridnour 8 (10 ass), Hayward 11, Randolph 12

Atlanta Hawks – Oklahoma City Thunder 104-111
ATL: Horford 15 (12 rimb), Johnson 24, Hinrich 21, Crawford 19
OKC: Durant 29, Westbrook 28, Collison 10, Harden 17

Boston Celtics – Golden State Warriors 107-103
BOS: Pierce 27, Krstic 11, Allen 27, Rodon 6 (16 ass), Green 21
GSW: Wright 11, Lee 26 (11 rimb), Ellis 41

New York Knicks – Cleveland Cavaliers 115-199
NYK: ANthony 29, Stoudemire 41, Douglas 11, Fields 17
CLE: Samuels 15, Hickson 23, Parker 13, Sessions 11, Harangody 18, Eyenga 13 Davis 18

Memphis Grizzlies – New Orleans Hornets 91-98
MEM: Randolph 20 (11 rimb), Gasol 12, Conley 12, Mayo 13, Arthur 12
NOH: Belinelli 14, Paul 23 (14 ass), Landry 14 (10 rimb), Green 15, Jack 19

Italian Job: Belinelli 14 pt (5/6, 1/1, 1/1), 1 rimb, 1 ass, 1 persa

Dallas Mavericks – Indiana Pacers 116-108
DAL: Nowtzki 29, Haywood 10, Beaubois 13, Kidd 15, Terry 21
IND: Granger 22, McRoberts 15, Hibbert 11, Rush 10, Collison 17, Hansbrough 13

Milwaukee Bucks – Phoenix Suns 88-102
MIL: Sanders 10, Jennings 16, Maggette 21, Boykins 14
PHX: Hill 14, Frye 20, Pietrus 20, Gortat 13

San Antonio Los Spurs – Miami El Heat 125-95
SAS: Jefferson 11, Duncan 11 (14 rimb), Blair 10, Ginobili 20, Parker 15, Hill 11, Bonner 18, Neal 16
MIA: James 26, Bosh 17 (14 rimb), Wade 19, Miller 12

Los Angeles Lakers – Charlotte Bobcats 92-84
LAL: Artest 11, Gasol 20 (10 rimb), Bynum 9 (17 rimb), Bryant 27, Odom 12 (11 rimb)
CHA: Augustin 22, White 11, Livingston 12

F.M.B

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B