Colpo Clippers, Melo sulla sirena, super Beli!

Notte di emozioni con finali in volata e colpi a sorpresa, tra questi spicca su tutti quello dei Los Angeles Clippers a Boston malgrado Blake Griffin non abbia brillato (12 punti e 7 rimbalzi); ospiti che dominano il 1° tempo toccando all’intervallo il +18 (42-60), l’orgoglio Celtics non tarda ad arrivare e a 5’12” dell’ultimo quarto il tabellone recita -4 (85-89). Clippers che restano concentrati grazie soprattutto a Mo Williams (28 punti), proprio lui ha dato i via ad un parziale di 7-2 che ha dato il +10 (87-97) a 3’59”. Boston arriva sul -3 (102-106) con la tripla di Ray Allen, ma un 2/2 di Randy Foye gelerà il match.

Al FedEx Forum di Memphis Carmelo Anthony (31 punti) si prende in mano i New York Knicks e li fa vincere in volata; Zac Randolph (20 punti) pareggia con un gioco da 3 punti a 14″ sul 108-108, ultimo possesso New York nelle mani di Melo che stavolta non commette nessun fallo e col jumper segna e decide il match!

Tra i protagonisti della notte non si può non citare la super prestazione 8anche se condizionata da un flagrant) di Marco Belinelli (21 punti) nella vittoria di misura dei suoi Hornets contro Dallas; si decide tutto gli ultimi 8″ quando un fallo (molto dubbio) di Jason Kidd ha mandato in lunetta per 3 tiri liberi Jarret Jack (21 punti), l’ex Raptors fa 3/3 e +1 (93-92) Hornets, palla a Nowitzki che tira sbilanciato e non trova l’appuntamento con il buzzer beater.

Derrick Rose (20 punti) guida i i Chicago Bulls alla quarta vittoria consecutiva grazie ad un break a cavallo tra 3° e 4° periodo di 11-0 che ha portato gli uomini di Thibodeau da -1 (68-67) a +10 (69-79) dopo 3′ dell’ultimo quarto, il break ch spaccherà la partita verrà a metà quarto quando un 10-0 (Korver 7 punti) chiuderà i giochi sul +19 (75-94). La brutta notizia per i Bulls è l’infortunio alla gamba sinistra per Carlos Boozer.

I Nets tornano da Londra e proseguono il loro buon momento superando anche i Golden State Warriors grazie ai 20 punti e 10 rimbalzi di Brook Lopez; proprio Lopez ha deciso il match con un gioco da 3 punti a 1’10” che ha dadato il sorpasso sul 92-90.

Sconfitti sulla sirena invece i Toronto Raptors di Andrea Bargnani (assente) contro gli Utah Jazz; Barbosa pareggia da 3 per il 94 pari a 42″ dalla fine, Watson sbaglia per Utah ma Reggie Evans commette fallo a rimbalzo a 17″, Devin Harris si butta dentro, sbaglia ma ecco il tap-in sulla sirena di Al Jefferson (34 punti) ad ammutolire l’Air Canada Center

Dopo aver passeggiato a Washington, i Milwaukee Bucks continuano il loro tout turistico andando a vincere a Cleveland; a Jennings & Co. bastano i quarti centrali per segnare il match ed entrare nell’ultima frazione sul +23 (67-90).

E’ servito un supplementare agli Oklahoma City Thunder per fermare i caldi 76ers; la tripla di Kevin Durant (34 punti) a 6″ ha firmato il 101-101, Iguodala perde palla e Durant sulla sirena ha ancora la palla della vittoria, ma il suo tiro non va e quindi overtime! Supplementare che vede un finale in volata con Philly sul -1 a 1’34” (105-106) Durant va a segno col jumper del +3, Meeks ha la possibilità di pareggiare ma sbaglia la tripla a 53″, un altro jumper ma di Westbrook a 22″ segnerà il match.

Sempre più nella storia Kevin Love che nella note ha siglato la sua 52esima doppia-doppia consecutiva, scavalcando le 51 di Moses Malone! Tra l’altro vittoria agevole per i suoi T-Wolves contro degli spenti Indiana Pacers (29% dal campo, 4/23 da 3!)

San Antonio torna sulla retta via superando tra le mura amiche i Detroit Pistons del rientrante Tracy McGrady (15 punti); ai texani è bastato un ottimo 1° quarto chiuso sul +14 (40-26), top-scorer Tony Parker con 23 punti.

Infine torna Dwight Howard (16+15) nelle file degli Orlando Magic e li guida al successo esterno in quel di Sacramento; Kings che arrivano sul -2 (100-102) a 1’01” grazie ad un tiro libero di Cousins (29 punti) ma segnare il match ci ha pensato la tripla di Hedo Turkoglu a 40″ per il +5 decisivo (100-105).

DAILY ZAP

Charlotte Bobcats – Chicago Bulls 84-101

CHA: Diaw 10, Brown 11 (11 rimb), Henderson 20, Cunningham 15, White 10
CHI: Boozer 10, Noah 12 (13 rimb), Rose 20, Gibson 14, Brewer 10, Korver 20

New Jersey Nets – Golden State Warriors 94-90
NJN: Vujacic 16, Humphries 11 (15 rimb), Lopez 26 (10 rimb), Morrow 22
GSW: Wright 10, Lee 17 (10 rimb), Ellis 16, Curry 15, Williams 10

Philadelphia 76ers – Oklahoma City Thunder 105-110 OT
PHI: Iguodala 14, Brand 13 (15 rimb), Meeks 17, Holiday 22, Williams 22
OKC: Durant 34 (16 rimb), Westbrook 27 (12 ass), Harden 11, Collison 13 (10 rimb)

Toronto Raptors – Utah Jazz 94-96
TOR: Davis 12, DeRozan 17, Calderon 14, Weems 16, Evas 2 (11 rimb)
UTA: Miles 23, Jefferson 34, Harris 23

Italian Job: Bargnani DNP

Boston Celtics – Los Angeles Clippers 103-108
BOS: Pierce 19, Garnett 16, Krstic 20, Allen 23, Rondo 13
LAC: Gomes 12, Griffin 12, Jordan 21, Williams 28, Kaman 10

Memphis Grizzlies – New York Knicks 108-110
MEM: Randolph 20 (11 rimb), Gasol 12, Allen 22, Conley 20, Arthur 21
NYK: Anthony 31, Stoudemire 26, Fields 16, Douglas 18 (10 ass), Mason Jr. 10

Milwaukee Bucks – Cleveland Cavaliers 110-90
MIL: Salmons 12, Jennings 18, Bogut 3 (10 rimb), Brockman 11, Douglas-Roberts 13, Sanders 12, Boykins 18
CLE: Gee 12, Samuels 15, Parker 11, Sessions 10, Gibson 13, Eyenga 11

Minnesota Timberwolves – Indiana Pacers 101-75
MIN: Beasley 16, Love 16 (21 rimb), Ridnour 13, Tolliver 14, Randolph 14
IND: Granger 10, Hansbrough 21 (10 rimb), Price 13

New Orleans Hornets – Dallas Mavericks 93-92
NOH: West 16 (10 rimb), Jack 21, Belinelli 21, Landry 15
DAL: Nowitzki 26, Chandler 16 (13 rimb), Terry 10, Barea 12

Italian Job: Belinelli 21 pt (4/8, 4/7, 1/3), 5 rimb, 1 ass

San Antonio Spurs – Detroit Pistons 111-104
SAS: Jefferson 12, Duncan 15 (12 rimb), Ginobili 17, Parker 23, Bonner 11, Neal 15
DET: Prince 16, Monroe 16, Gordon 12, McGrady 15, Hamilton 20

Sacramento Kings – Orlando Magic 102-106
SAC: Cousins 29, Dalembert 5 (10 rimb), Thornton 22, Thompson 16
ORL: Turkoglu 13, Howard 16 (15 rimb), Richardson 19, Nelson 26, Arenas 12

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B