Indiana sorprende NY, Love si ferma a 53!

Colpo esterno della notte messo a segno dagli Indiana Pacers (privi di Granger), vincenti al Madison Square Garden di New York; a metà del terzo quarto gli uomini di coach Vogel sono scappati via portandosi da +9 (54-63) al +20 (63-83), protagonista assoluto l’ala Tyler Hansbrough (29 punti), autore di 11 punti nel break che ha spaccato il match. Per i Knicks solita solfa: STAT e Melo (28 e 25 punti) si sono presi 37 tiri degli 82 totali della squadra (Anthony 9/22, Stoudemire 8/15), con un desolante 5/30 da tre punti.

Notizia del giorno riguarda Kevin Love che si è fermato! Infatti il lungo UCLA non ha firmato a referto una doppia-doppia nel K.O a Golden State contro i Warriors, per lui 6 punti e 12 rimbalzi, il record è dunque di 53 doppia-doppi-consecutive! La partita è stata decisa nel 3° quarto quando i T-Wolves nei primi 6′ hanno segnato solo 2 punti andando incontro ad un break di 13-2 che ha dato il +16 (62-46) a Stephen Curry (24 punti) & soci.

A Cleveland Kevin Durant (19 punti) e Russel Westbrook (20 punti) segnano 23 dei 25 punti di Oklahoma nel 3° quarto portando i Thunder dal +10 di inizio frazione (40-50) al +19 (56-75), per i Cavs K.O filato numero 4.

Ai Boston Celtics basta un primo difensivamente superbo (20-9) per sbrigare la pratica Milwaukee Bucks, a 2’03” dalla fine del 2° quarto Paul Pierce (14 punti) segna il jumper del +21 (39-18).

Ai Toronto Raptors non sono bastati i 17 punti del Mago Bargnani per evitare il K.O interno contro i Charlotte Bobcats di D.J Augustin (23 punti); ospiti che guidano nel quarto finale ma i canadesi, grazie alla schiacciata di DeRozan, riescono ad arrivare sul -3 (90-93) a 1’36”, Diaw sbaglia da 3 ma Calderon si fa scippare la palla da Henderson che subisce fallo da Barbosa a 59″ dalla fine. Henderson non trema e da il +5 ai suoi, Toronto non troverà più la via del canestro sbagliando ben 3 triple consecutive.

I Magic di Dwight Howard (26+15) archiviano senza troppi patemi i Suns (privi di Nash) a Phoenix; dopo aver condotta per gran parte del match, gli uomini di Van Gundy danno lo strappo decisivo a cavallo tra il 3° e 4° periodo con un break di 12-0 che li ha portati sul +25 (65-90), per la franchigia dell’Arizona parlano le statistiche: 31/80 dal campo (38%) contro il 39/86 (45%) degli avversari.

Cleveland Cavaliers – Oklahoma City Thunder 75-95
CLE: Samuels 10 (10 rimb), Hickson 8 (15 rimb), Gibson 13
OKC: Durant 19, Ibaka 8 (14 rimb), Mohammed 11, Westbrook 20, Harden 16

Toronto Raptors – Charlotte Bobcats 90-95
TOR: Bargnani 17, DeRozan 11, Calderon 13, Evans 6 (17 rimb), Barbosa 15
CHA: Jackson 15, Diaw 15, Henderson 18, Augustin 23

Italian Job: Bargnani 17 pt (5/10, 1/2, 4/6), 3 rimb, 1 rec, 2 perse

Phoenix Suns – Orlando Magic 88-111
PHX: Carter 11, Brooks 19 (10 ass), Gortat 12, Pietrus 14, Dudley 10
ORL: Turkoglu 13, Bass 17, Howard 26 (15 rimb), J.Richardson 10, Nelson 14, Arenas 16, Anderson 11

Boston Celtics – Milwaukee Bucks 87-56
BOS: Pierce 14, Krstic 11 (14 rimb), Allen 17, Green 11, Murphy 12
MIL: Barron 10

New York Knicks – Indiana Pacers 93-106
NYK: Anthony 25, Stoudemire 28, Sha.Williams 13
IND: Hansbrough 29, Jones 18, Collison 16, Hibbert 12

Golden State Warriors – Minnesota Timberwolves 100-77
GSW: Wright 16, Ellis 16, Curry 24, Amundson 11
MIN: Ridnour 13, Webster 16, Love 6 (12 rimb)

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B