Anthony e la difesa NY, Bryant riposa

La stella dei Knicks parla della difesa dei suoi, Rivers parla per la prima volta della trade che ha mandato Perkins ad Oklahoma City, Kobe migliora e riposa e si mette a disposizione nel prossimo match, parla LeBron del rush finale dei suoi Heat.

PARTITE DELLA NOTTE (17/3/11)

“GO TIME”, EP.7

Il record dei New York Knicks, dopo l’arrivo di Carmelo Anthony (26 anni), è di 7 vittorie e 6 sconfitte ed il problema evidenziato da molti addetti ai lavori è la difesa; troppe volte alcuni giocatori del quintetto tendono ad ometterla o per prendersi un turno di riposo o perché non rientra nei canoni del loro gioco e tra questi soggetti le due superstar occupano i primi due posti della classifica, D’Antoni si è giustificato così: “E’ normale quando si costruisce un gruppo nuovo, servono molte ore di allenamento, una specie di traning camp e col tempo che abbiamo a disposizione è difficile avere dei miglioramenti immediati. Siamo molto frustrati perché sappiamo che abbiamo un’ottima difesa”.
Stoudemire almeno ha una media stoppate pari a 2.0 ad uscita e nei momenti caldi prova fare del suo meglio, mentre per Melo il discorso è diverso: per i media locali l’ex Nuggets non ci prova neanche e lui ha risposto così: “Stiamo cercando di migliorare nel breve tempo possibile ma non pensiate sia semplice, alcuni giocatori (rivolgendosi ai nuovi, ndr) devono ancora imparare”.

L.A Lakers: Kobe riposa
Dopo aver giocato “a sorpresa” lunedì contro gli Orlando Magic, Kobe Bryant (32 anni) ha saltato l’ultimo allenamento per precauzione ma la sua caviglia migliora giorno dopo giorno, a parlare è stato il suo coach che ha dichiarato a ESPN Los Angeles: “Migliora sempre più, oggi non è stato dei nostri perché ha preferito riposarsi. L’ho sentito e gli ho chiesto se se la sente di giocare contro Minnesota e lui mi ha dato un parziale ok dicendomi che potrebbe esserci” aggiungendo in pieno stile Phil Jackson: “Penso che tutte le lesioni possibili le abbia affrontate l’anno scorso e che con l’esperienza fatta sa che è meglio essere al 100% per i playoffs che per una/due partite di stagione regolare”.

Miami: James e le ultime settimane
I Miami Heat hanno vissuto grandi momenti di euforia vincendo contro i Los Angeles Lakers e i San Antonio Spurs, euforia spenta ieri dagli Oklahoma City Thunder e LeBron James (26 anni) ha voluto parlare di queste ultime 4 settimane di regular season: “Queste 4 settimane che ci attendono sono molto importanti per la nostra crescita in vista dei Playoffs, dobbiamo cogliere ogni singola occasione per ritoccare quegli aspetti che poi potrebbero danneggiarci in futuro”.

Boston: Rivers su Perkins
Doc Rivers è recentemente tornato a parlare della discussa trade di febbraio che visto Kendrick Perkins (26 anni) andare ad Oklahoma City in cambio di Jeff green, ecco le parole del coach Celtics: ” E’ stata davvero dura come situazione, è coem se avessi detto adio ad un mio figlio, Perk è cresciuto sotto la mia ala, ma questo lo sappiamo che è un business”. Dalla parte opposta il giocatore ringrazia sempre i Celtics anche se: “Ho passato 8 anni meravigliosi coronati anche con un anello, l’unica cosa è che quando lo scambio era in avvio il coach mi disse che lui non voleva mandarmi mia, ma questo è un business”.

CURIOSITA’
Il sito HoopsHype ha nominato il PG dei Phoenix Suns Steve Nash (36 anni) come “Tweater of the year”, se volete seguire il canadese ecco il suo profilo Twitter; @SteveNash

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B