Bargnani passa a OKC, Bryant re del Pacifico

Colpo della notte messo a segno dai Toronto Raptors in quel di Oklahoma City contro i Thunder di un falloso Kevin Durant (20 punti con 6/21 dal campo); canadesi sotto di 3 (93-90) a 1’31”, Durant e Perkins non chiudono i conti e Leandro Barbosa (19 punti) li riapre con la tripla del pareggio a 38″ dalla fine. Ci prova Westbrook ma anche per lui serataccia al tiro (7/19 dal campo) e, a 1″ dalla fine, ecco il gancio di Amir Johnson per il decisivo +2 Raptors (93-95), in quanto KD mancherà l’appuntamento col buzzer-beater. Per Bargnani 23 punti.

John Wall (26 punti) si carica sulle spalle i Wizards e li trascinando una bella vittoria in rimonta contro i Nets privi di Deron Williams (out per 3 gare causa infortunio al polso); primo tempo firmato New Jersey con gli uomini di Avery Johnson avanti 43-56, nel terzo i capitolini rimontano e trovano anche il +3 (71-68), ma la partita si decide nel finale con un personale break di 4-0 firmato John Wall a 1’22” ha dato il +4 (94-90), poi Yi e Crawford chiuderanno dalla lunetta.

Dopo l’uragano LeBron James, Atlanta ritrova il sorriso e lo fa vincendo in volata contro i Detroit Pistons; gara equilibrata fino al 4° periodo quando i padroni i casa piazzano un break di 8-0 portandosi da +3 a +11 (92-81) dopo 5′ di gioco, vantaggio poi ben amministrato.

Ai Sacramento Kings è servito un solido 3° quarto chiuso avanti di 10 (75-85) e uno spaventoso avvio di 4° periodo (17-0!) per archiviare i T-Wolves a Minnesota dove, tra l’altro, si è anche infortunato Kevin Love (0 punti e 3 rimbalzi in 14′).

A Milwaukee i Bucks si complicano la vita ma battono i New York Knicks; 1° quarto inesistente per gli ospiti che sprofondano a -23 (32-9), poi i Bucks perdono colpi e consentono agli ospiti di tornare un partita sul -6 (47-41) all’intervallo lungo. La rimonta arriverà fino al -3 sul 75-72 in quanto i Bucks stringeranno i denti e, grazie alla tripla di un super Carlos Delfino (30 punti, career-high) che ha dato il +7 (91-84) a 1’22”, hanno portato a casa una vittoria chiave per la corsa all’ 8° posto ad Est. Male Anthony con 23 punti ma mai in partita, specie in difesa, dal suo arrivo 7 vittorie e 8 sconfitte.

Settima partita consecutiva senza doppia-doppia per Blake Griffin e K.O casalingo per i suoi Clippers contro i Phoenix Suns di Steve Nash (23+13 assist); a decidere il match è stato il parziale di inizio ultimo periodo di 10-2 che ha dato il +11 (80-91) con 6′ ancora da giocare, vantaggio che rimarrà tale fino alla fine.

Vittoria di misura per gli Houston Rockets di Kevin Martin (34 punti) ma specialmente di Kyle Lowry, autore di di una tripla-doppia (28+11+10); i Rockets devono ringraziare la freddezza dalla linea della carità di Martin e Lowry negli ultimi 25″ (6/6), rei di aver respinto i tentativi di rimonta ospite portati da Paul Millsap e Al Jefferson (35+10 e 17+19).

Dirk Nowiztki e Peja Stojakovic (20 e 17 punti) archiviano i Golden State Warriors all’American Airlines Center; texani in pieno controllo nel primo tempo dove hanno toccato pure il +16 (51-35), poi reazione Warriors guidata dal duo Ellis-Curry (18 e 11 punti) che li porta sotto fino al -3 (69-63). Dal quel momento le mani degli ospiti si raffredderanno e il break che seguirà sarà di 32-10 Mavs.

Chiudiamo con la 12esima vittorie nelle ultime 13 partite per i Los Angeles Lakers che nella notte hanno superato i Portland Trail Blazers ed aggiudicatosi il titolo della Pacific Division. Non è stata una W facile in quanto Kobe Bryant (22 punti) e soci hanno dovuto rimontare negli ultimi 3′: sotto di 4 (72-76), i giallo-viola hanno piazzato un break di 10-4 portandosi sul +2 (82-80) con 28″ da giocare, ecco rubare la scena alle stelle “Il venerabile maestro” alia Derek Fisher, suo il jumper del +4 finale a 10″.

Washington Wizards – New Jersey Nets 98-92
WAS: McGee 16, Crawford 21, Wall 26, Evans 15
NJN: Humphries 18 (17 rimb), Lopez 21 (10 rimb), Morrow 19, Farmar 10

Atlanta Hawks – Detroit Pistons 104-96
ATL: Williams 13, Smith 17, Horford 18 (10 rimb), Johnson 17, Hinrich 15, Pachulia 13
DET: Prince 10, Monroe 17 (10 rimb), Stuckey 22, Wilcox 18

Milwaukee Bucks – New York Knicks 100-95
MIL: Delfino 30 (11 rimb), Mbah a Moute 19, Bogut 13 (12 rimb), Salmons 22, Jennings 14 (11 rimb)
NYK: Anthony 23, Stoudemire 25 (11 rimb), Fields 13, Billups 21

Minnesota Timberwolves – Sacramento Kings
MIN: Beasley 13, Milicic 13, Ridnour 22, Randolph 14
SAC: Dalembert 26 (17 rimb), Thornton 23, Udrih 19, Jeter 13, Greene 13

Los Angeles Clippers – Phoenix Suns 99-108
LAC: Griffin 17, Kaman 21 (11 rimb), Gordon 10, Williams 18, Foye 13
PHX: Frye 19, Nash 23 (13 ass), Gortat 17 (13 rimb), Dudley 14, Warrick 12

Houston Rockets – Utah Jazz 110-108
HOU: Martin 34, Lowry 28 (11 rimb, 10 ass), Patterson 14 (13 rimb)
UTA: Kirilenko 10, Jefferson 17 (19 rimb), Millsap 35 (10 rimb), Miles 19, Harris 12

Oklahoma City Thunder – Toronto Raptors 93-95
OKC: Durant 20, Perkins 5 (12 rimb), Westbrook 22, Harden 23
TOR: J.Johnson 12, Bargnani 23, DeRozan 16, Evans 13, Barbosa 19

Italian Job: Bargnani 23 pt (5/14, 2/4, 7/10), 5 rimb (1 off), 1 rec, 1 persa

Dallas Mavericks – Golden State Warriors 101-73
DAL: Nowitzki 20, Chandler 7 (17 rimb), Beaubois 15, Stojakovic 17, Mahinmi 9 (13 rimb)
GSW: Lee 10 (12 rimb), Ellis 18, Curry 11

Los Angeles Lakers -Portland Trail Blazers 84-80
LAL: Artest 10, Odom 16 (11 rimb), Bryant 22, Gasil 14 (13 rimb)
POR: Batum 25, Aldridge 18, Camby 3 (10 rimb), Fernandez 10

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B