VCU-Butler 62-70

Shelvin mack trascina Butler ma è sempre il solito guerriero Matt Howard a decidere il match, vani i 27 di un super Skeen ma di una troppo fallosa VCU, Bulldogs ancora in finale!

Virginia Rams [11] – Butler Bulldogs [8] 62-70 (28-34)

Rams: Rodriguez 3, Nixon 2, Haley 2, Skeen 27, Burgess 15, Brandenberg 1, Theus 2, Reddic 4, Veal 4, Rozzell 2
All. Smart

Bulldogs: Vanzant 11, Howard 17, Mack 24, Stigall, Smith 4, Hahn 8, Nored, Marshall 9
All. Stevens

Top performance:
Rimbalzi: Howard 8 (4 off, Butler)
Assist: Rodriguez 7 (VCU)
Recuperi: Howard 2 (Butler)
Palle perse: Skeen 2 (VCU)
Stoppate: Burgess 2 (VCU)

MVP: Matt Howard (Butler) 17 punti (3/5, 0/5, 9/10), 8 rimbalzi (4 off), 2 assist, 2 recuperi, 1 stoppata

Cronaca:
Shelvin Mack parte col botto segnando i primi 5 punti del match poi VCU e il suo bomber Skeen si ricordano del loro credo cestistico: aprire il campo e cercare il tiro pesante e con 3 triple consecutive, più l’appoggio dello stesso #2,1 firmano un break di 11-0 per l’11-5 dopo i primi 5’ di gioco. I Bulldogs soffrono la difesa “soffocante” dei Rams, concentrata specialmente nel raddoppiare Mack e 12’ dalla fine del primo tempo Bradford Burgess mette a segno la sue terza tripla del match per il +8 Rams (15-7).

Come ogni partita NCAA che si rispetti i parziali vanno e vengono e la risposta di Butler non si fa attendere: con le seconde linee ecco un break di 8-0 per il pareggio a metà frazione. Coach Stevens rimette in campo il suo quintetto ma il suo leader, Matt Howard (0/2 dal campo), continua a faticare contro la difesa di VCU che alterna una difesa a uomo ad una “zona press” dopo canestro segnato.
Skeen (12 punti) è una vera spina nel fianco per i Bulldogs ma Mack (13 punti) non è da meno per i Rams e un altro personale break di 5-0 ha dato il +3 (24-27) ai suoi a 3’30” dalla sirena.
VCU, a differenza dei primi 10’, cerca molto il pitturato e meno il tiro da 3 portando però a casa molto poco, il primo tempo si chiude con Butler avanti di 6 (28-34) grazie al primo canestro dal campo di Howard (9 punti).
Intervallo che arriva al momento giusto per gli uomini di coach Smart, visti un po’ impallati negli ultimi minuti del primo tempo.

Qualche numero: 11 dei 34 punti di Butler sono arrivati dalla lunetta (11/13, 84%) mentre solo 2 (2/4, 50%) il fatturato dalla linea della carità per i Rams; Skeen e Mack stanno rispettando le aspettative, Howard sta pian piano salendo di colpi mentre non pervenuto il PG giallo-nero Joey Rodriguez con solo 2 assist e un solo tiro (sbagliato) preso.

Primi minuti del secondo tempo che vedono entrambe le squadre sbagliare molto con attacchi “a testa bassa”, specialmente Butler che vede il suo vantaggio annullarsi dopo 3’ dopo il jumper dalla punta di Reddic per il 35-34 VCU.
A metà della seconda frazione le squadre si trovano sul 45-47 Butler dopo una serie di continui botta-e-risposta che hanno visto Jamie Skeen toccare quota 20 punti ma anche molti errori sotto area (appoggi contro il vetro o contro il ferro) per i Rams.
Dopo un letargo di 11’, per la terza volta nell’incontro Shelvin Mack (21 punti) risponde al suo diretto avversario con un personale parziale di 5-0 (sempre tripla+entrata) per il massimo vantaggio Bulldogs della serata, 45-52 a 9’39” dalla fine.

Butler forza e sbaglia ma VCU continua sugli standard precedenti sbagliando sempre nei pressi del canestro, a 5’ dalla sirena finale i Bulldogs guidano di 6 sul 52-58.
La palla inizia a pesare per entrambe le squadra quando entriamo negli ultimi 3’, Skeen deraglia contro Smith e sullo scadere dei 35” Mack serve nell’angolo Shawn Vanzant che spara una pesantissima tripla per il nuovo +7 (54-61) a -2’57”!
Attacco importante per i Rams e…tripla più fallo per Skeen (25 punti), l’asso di coach Smart però non convertirà il tiro libero supplementare (57-61) e successivamente sbaglierà l’ennesimo appoggio a canestro; momento caldo e Matt Howard tira fuori gli attributi: rimbalzo offensivo con seguente canestro del +6, rimbalzo difensivo con fallo subito e per finire 2/2 dalla lunetta per il +8 Butler sul 57-65 a 45” dalla fine!!!
Rodriguez perde palla e sempre dalla lunetta (15/20 contro l‘8/13 degli avversari) Vanzant mette in ghiaccio il match sul +10 (57-67) regalando di fatto il back-to-back al suo college!

Francescom. Bertoli

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B