Butler-UConn 41-53, UConn champion!!!

Dopo il peggior primo tempo della storia della manifestazione, UConn cambia la partita nella prima metà del secondo tempo con una difesa ermetica che manda nel panico i Bulldogs. Male Howard mentre sufficienti Mack e Walker, il quale però si porta a casa il trofeo!

Butler Bulldogs [8] – Connecticut Huskies [3] 41-53 (22-19)

Bulldogs: Mack 13, Stingall 9, Howard 7, Vanzant 5, Smith 5, Nored 2, Hopkins ne, Marshall, Han.
All.Smart

Huskies: Walker 16, Lamb 12, Oriakhi 11, Olander 2, Napier 4, Coomb-McDaniel, Okwandu 2, Beverly 2, Giffey 4
All.Calhoun

Top performance:
Rimbalzi: Orikahi 11 (2 off, UConn)
Assist: Napier 2 (UConn)
Recuperi: Vanzant 3 (Butler)
Palle perse: Walker 2 (UConn)
Stoppate: Oriakhi 4 (UConn)

MVP: Alex Oriakhi (UConn) 11 punti (5/6, 1/1 tl), 11 rimbalzi (2 off), 4 stoppate

Cronaca:
E’ una finale e il peso/importanza si sente in campo e nelle mani dei giocatori: nel primo tempo c’è davvero poco da dire, regna alla perfezione l’equilibrio, addirittura a tratti le squadre facevano fatica a segnare tanto che solo una tripla ad 1” dalla sirena del primo tempo firmata da Shelvin Mack ha dato il +3 (22-19) ai Bulldogs. UConn sta difendendo molto bene l’area e costringendo a molte forzature gli avversari mentre Butler è riuscita a limitare il pericolo #1 Kemba Walker con ottimi raddoppi.

Qualche numero: le percentuali dal campo dicono tutto con Butler che tira col 22% (6/27 e 5/14 da 3) e UConn con il 20% (9/31 e 0/5 da 3). 
Tra i protagonisti citati nel pre-gara Mack e Walker sono a quota 7 punti, con la differenza che il leader degli Huskies ha tirato con 3/11 (molte forzature) rispetto al 2/7 (2/5 da 3) dell’avversario, per Howard 5 punti ma solo 2 rimbalzi.
Ultimo dato, la somma dei punti del primo tempo è il totale più basso della storia del torneo con 41 punti!

Il secondo tempo inizia decisamente a marce più alte con Butler che trova subito il +6 (25-19) con la bomba di Chase Stigall ma che in 1’ vede la rimonta col sorpasso di Connecticut grazie ad un break di 7-0, andando a guidare (25-26) il match con la tripla di Jeremy Lamb. Butler continua, come nel primo tempo, a non trovare spazi all’interno della difesa avversaria (0 punti!) e continua di conseguenza a cercare soluzioni perimetrali per evitare le stoppate dei lunghi (già a quota 7).
Decisamente una partita diversa rispetto al primo tempo e un Walker diverso con gli “occhi della tigre in difesa” e più per i compagni in attacco.
Proprio la difesa del pitturato e le continue forzature di Howard hanno consentito a UConn di allungare il parziale sul 14-1 e di portarsi sul +7 (26-33) col jumper dall’angolo del sempre prezioso Jeremy Lamb a 12’ dalla sirena finale.
I Bulldogs non riescono proprio s trovare una soluzione dentro l’area avversaria continuando a prendersi stoppate e tirando mattonate sul ferro, il dato dei punti nel pitturato dice tutto: 20-0 UConn e un layup in entrata di Kemba registra, a 10’ dalla fine, il massimo vantaggio degli uomini di coach Calhoun: +11 (28-39)!

Butler sbaglia tutto da 3 (0/4 negli ultimi 4 possessi) e segna il suo primo canestro da sotto a 6’ dalla fine con Smith ma la risposta arriva dall’intimidatore e dominatore delle plance (9 rimbalzi e stoppate), Alex Oriakhi, che schiaccia col fallo e il suo tiro libero vale il nuovo massimo vantaggio sul 30-44 con 5’49” da giocare.
Mack è bloccato da Walker e quindi è Shawn Vanzant a prendersi le responsabilità, sua la tripla del -11 (35-46) a 4’39”, Walker sbaglia da 3, Howard ha la possibilità di rosicchiare ancora qualche punto ma il suo semi-gancio dai 2 metri viene (ancora una volta) stoppato da Oriakhi!

Il distacco non cambia con gli Huskies che giocano col cronometro e i Bulldogs che sparano tutte le cartucce rimaste da 3: Mack ne spara 2 consecutive per il -8 (41-48) a 1’31” mettendo pressione a Cnnecticut.
Walker è freddo dalla lunetta per il +10 (41-51), Vanzat sbaglia il jumper (Butler chiuderà col 18% dal campo) e le ultime speranze di Butler svaniscono regalando la vittoria del torneo a Kemba Walker e alla sua UConn (terza volta nella storia) ma, mai come stasera, gli Huskies sono stati così squadra!

Kemba vince il trofeo di MVP (141 punti segnati) della manifestazione, per Butler c’è anche la beffa di esser stata la peggior squadra della storia delle finali in quanto rea del punteggio più basso mai segnato: 41 punti col 18% dal campo più l’inquietante dato dei punti realizzati nel pitturato, 26-2 UConn!

Francescom. Bertoli

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B