Western Conference: 1° turno

Dopo esserci occupati della Eastern Conference, è tempo di dare uno sguardo ad Ovest dove i campioni in carica dei Los Angeles Lakers dovranno difendersi dagli attacchi degli Spurs, dei soliti Mavs e da KD.

PLAYOFFS 2011: 1° TURNO

PLAYOFFS, EASTERN CONFERENCE: 1° TURNO

 

SAN ANTONIO SPURS (1) – MEMPHIS GRIZZLIES (8)

Scontri diretti stagionali: SAS-MEM 112-106, 95-88; MEM-SAS 109-93, 112-104 (2-2)

Qui San Antonio: Gli Spurs dopo essere stati in testa tutta la stagione si sono fatti scippare il miglior record della lega all’ultima gara; coach Popovich nelle ultime partite ha messo a riposo i suoi titolari, con conseguenti risultati deludenti. Assieme al calo finale si è aggiunto un fastidioso infortunio al gomito per Manu Ginobili, giocatore fondamentale per San Antonio. Non sarà sicuramente una serie sul velluto per gli Speroni, che trovano anche un avversario abbastanza ostico per essere un primo turno. Ginobili o non Ginobili, non dovrebbero comunque avere grossi problemi, ma dopo?

Qui Memphis: I playoffs sono arrivati per la banda di coach Lionel Hollins, ma questo risultato non dev’essere visto come un punto d’arrivo, anche se si affrontano i San Antonio Spurs. Di talento e incoscienza i Grizzlies ne hanno in abbondanza per poter mettere in seria difficoltà chiunque. La panchina non è eccelsa ma sicuramente discreta, con la coppia Tony Allen-Shane Battier che potrà dare tanta energia quanta esperienza. Infine come pronosticato ad inizio stagione a Memphis si aspettano la definitiva consacrazione di Rudy Gay, quale miglior occasione di questa?

Chiave tattica: Memphis è una squadra che sugli esterni è molto atletica e molto veloce, gli Spurs devono stare molto attenti a non fare accendere Mayo e Conley, i quali possono essere letteralmente devastanti in contropiede. I texani dovranno mettere l’energia difensiva che li ha contraddistinti quest’anno, e come poi si dice, la miglior difesa è l’attacco. Un giocatore che potrà fare la differenza all’interno della serie sarà Dejuan Blair, in uscita dalla panchina sa essere letale; proprio la maggior solidità e profondità della panchina dovrà essere un arma che   gli Spurs dovranno far valere.

Duello: Duncan-Randolph. Non il migliore degli avversari per il caraibico, quello Zac Randolph che ai Grizzlies sembra aver trovato la sua giusta dimensione. Le sue caratteristiche sono ben note: lungo molto intraprendente che sa giocare tranquillamente fuori dall’area e sa colpire dall’arco con costanza. Duncan, forse all’ultima chiamata, quest’anno ha una sfida molto ostica; per lui però quando si parla di Playoffs la musica cambia, e i quattro anelli al dito parlano per lui.

Pronostico: Spurs 85% (4-2)


LOS ANGELES LAKERS (2) – NEW ORLEANS HORNETS (7)

Scontri diretti stagionali: LAL-NOH 101-97, 102-84; NOH-LAL 88-103, 95-101  (LAL 4-0)

Qui Los Angeles: Quest’anno più che mai la stagione dei Los Angeles Lakers è andata a corrente alternata, soprattutto negli ultimi due mesi, ma vista com’era la situazione a inizio febbraio coach Jackson si può ritenere soddisfatto di aver ottenuto il secondo posto ad Ovest. Come da 4 anni a questa parte però i giallo-viola devono fare i conti con il ginocchio di Andrew Bynum (infortunatosi nella W contro gli Spurs tre giorni fa), giocaotre decisivo nei filotti di vittorie tra febbraio e marzo. Fortunatamente per Bryant e compagni al primo turno c’è New Orleans che salvo grosse sorprese dovrebbe essere niente più che una formalità.

Qui New Orleans: Dopo un avvio folgorante in stagione regolare New Orleans ha tirato il fiato, anche per vari infortuni, raggiungendo un po’ balbettando i playoffs. Gli Hornets sono letteralmente aggrappati sulle spalle di Chris Paul, che dovrà cercare di mettere in ritmo il nostro Marco Belinelli e Trevor Ariza. Il problema principale per loro si trova nel reparto lunghi, dove Emeka Okafor e Carl Landry sotto troppo piccoli, e non potranno supplire all’assenza dell’infortunato David West. Le speranze non sono molte, ma dovranno giocare spensierati e come una squadra che non ha nulla da perdere.

Chiave Tattica: La differenza di centimetri tra le due squadre è impressionante e i Lakers la serie offensivamente la imposteranno nel pitturato, difficilmente gli Hornets potranno contenere lo strapotere tecnico e fisico di Gasol, Odom e Bynum (anche se infortunato). Paul, considerando che avrà di fronte Fishers dovrà attaccare a tutto campo il playmaker ex-Jazz, ma avrà bisogno di Trevor Ariza per dare qualche grattacapo ai losangelini. La serie sembra già scritta, ma non si sa mai con i Los Angeles Lakers in campo..

Duello :Bryant-Ariza, nell’analisi non si è contato il fattore Kobe Bryant, che sembra strano visto che quando si parla di Los Angeles non si può fare a meno di parlare di lui. In questa serie ha di fronte un ex, Trevor Ariza, alfiere di grande spessore nella vittoria del titolo di due anni fa. Marcare Kobe Bryant è una delle cose più difficili del mondo, ma Ariza ha i mezzi atletici e tecnici per farlo, ma soprattutto può metterlo in difficoltà dall’altra parte del campo.

Pronostico: Lakers 100% (4-0)

DALLAS MAVERICKS (3) – PORTLAND TRAIL BLAZERS (6)

Scontri diretti stagionali: DAL-POR 103-98, 84-81; POR-DAL 104-101, 104-96 (2-2)

Qui Dallas: Per un pelo i Mavericks non sono riusciti nel loro obiettivo di evitare l’ostacolo Blazers solamente per gli scontri diretti sfavorevoli con i Lakers. I texani come dimostrano le ultime performance sono in salute e grazie alla loro esperienza possono passare tranquillamente il turno. Più che con i Blazers dovranno fare i conti con il fattore playoffs e con se stessi.

Qui Portland: Con l’acquisto di Gerald Wallace i Blazers hanno trovato la giusta chimica di squadra, e hanno aggiunto al loro roster altro atletismo e forza fisica. Gli uomini di coach McMillan hanno tutte le carte in regola per fare l’upset e non potranno di certo ritenersi soddisfatti di uscire al primo turno. La loro panchina non è il massimo della vita e alla lunga questo fattore può risultare decisivo.

Chiave Tattica: I Blazers punteranno tutto sul grande atletismo di Nicolas Batum e Gerald Wallace, i Mavs hanno gli uomini giusti per contrastarli, e proprio per questo  Dallas è favorita. La differenza, in questa serie molto avvincente e molto combattuta, alla lunga può essere solo la panchina, come già detto in precedenza.

Duello: Aldridge-Nowitzki, oltre che sull’atletismo i Blazers andranno dal loro uomo migliore, LaMarcus Aldridge, giocatore di grande impatto ed energia, che sta giocando la stagione più importante da quando è in NBA. Dirk Nowitzki è il solito leader della sua franchigia, le sue doti le conoscono tutti, certamente limitare Aldridge in attacco non è facile, soprattutto per lui. Sarà un duello accesissimo, dove vedo favorito di pochissimo Aldridge per le sue caratteristiche difensive, migliori rispetto a quelle del tedesco, ma Nowitzki è Nowitzki e mai scommettere contro di lui.

Pronostico: Dallas 70 % (4-2)

OKLAHOMA CITY THUNDER (4) – DENVER NUGGETS (5)

Scontri diretti stagionali: OKC-DEN 114-106, 104-89; DEN-OKC 112-107, 94-101 (OKC 3-1)

Qui Oklahoma City: Chiusura di regular season in bello stile per i Thunder, i quali hanno battuto anche in un antipasto di playoffs proprio i Denver Nuggets. Ad inizio stagione l’obbiettivo era di arrivare qualche posizione più avanti, ma forse Durant & Co non sono ancora pronti per dominare la Lega. A febbraio è arrivato Kendrick Perkins, che ha portato difesa, rimbalzi e anche un po’ di esperienza: lui può risultare sicuramente fondamentale per Oklahoma.

Qui Denver: Dopo la rivoluzione del dopo Anthony in casa Nuggets hanno beneficiato in molti, ora sono tutti dalla stessa parte e hanno lo stesso obbiettivo. Non si possono considerare squadra da titolo, ma il roster è lungo e competitivo per fare l’upset ed arrivare anche più avanti del secondo turno. La tanta energia che esce dalla panchina può essere importante, e magari l’incoscienza di J.R Smith può giocare un brutto scherzo ai Thunder.

Chiave tattica: Nuggets e Thunder sono due squadre che quando possono corrono, hanno due playmaker (Lawson e Westbrook) che vanno a velocità doppia e ci sarà da divertirsi. La serie a mio parere è molto equilibrata in tutte le zone del campo, è favorita leggermente Oklahoma ma sarà decisa dai dettagli. Denver dovrà cercare poche penetrazioni visto il muro Perkins a fare da guardia, dovrà puntare molto sul tiro da fuori, visto i buoni tiratori a disposizione. E la serie più indecifrabile ed equilibrata del primo turno dei playoffs, è difficile fare un pronostico, ma chi ha il fattore campo a favore parte favorito.

Duello: Durant-Gallinari, il 50% della serie passa da questo duello, molto affascinante e parecchio interessante. Il nostro Danilo Gallinari dopo un inizio balbettante con la sua nuova casacca è diventato uno degli uomini più utilizzati come minutaggio da Karl,  le speranze sono riposte in lui; se riuscirà ad arginare le scorribande offensive di Durant, Denver avrà parecchie possibilità di passare. Non sarà una cosa semplicissima visto i numeri tecnici e i mezzi atletici a disposizione del miglior giocatore dei Mondiali 2010.

Pronostico: Oklahoma City Thunder 60% (4-3)

Nicolò Paterini

Nico P

Nico P

Appassionato di ogni tipo di sport, con il basket a svettare nella sua classifica, tifo Lakers e Broncos con la preferenza sempre verso la squadra più debole. Nickname: Nico P