Cuban si fa sentire, Bryant niente visite!

Cuban torna alla carica contro gli arbitri, Bryant rifiuta le radiografie e gioca stanotte la Gara5, NY e Walsh vicini all’estensione del contratto con Melo che vuole un ruolo più importante. A Miami dato inquietante sugli ultimi possessi.

LE PARTITE DELLA NOTTE (25/4/11)

PLAYOFF 2011: 1 TURNO

Non possono esistere Playoffs senza le polemiche/potreste dell’owner dei Dallas Mavericks Mark Cuban il quale, malgrado l’importante successo in Gara5 stanotte, non ha potuto non esimersi dal criticare l’arbitraggio di Gara4; come sempre Cuban non lancia accuse vaghe ma ben dettagliate infatti sostiene che, nel tragico K.O in rimonta a Portland, gli arbitri hanno sbagliato a fischiare il 5° fallo a Tyson Chandler a 6’30” dalla fine e non hanno fischiato un fallo su Nowitzki sul +6 Mavs (76-80) a 2’16”: “Sono disposto a farmi multare ma devono sapere che hanno sbagliato. Sarebbe un record (riferito alle multe, ndr) ma quando non ho visto fischiare fallo su Dirk, sono rimasto sbalordito ed incredulo”.
Dallas guida la serie 3-2 dopo esser stata avanti 2-0 e di 24 punti in Gara4, la vittoria in Gara5 ha scacciato i fantasmi dal passato e adesso si torna a Portland sperando di chiudere la serie, intanto il loro proprietario ha fatto il suo ufficiale ingresso nella post-season.

L.A Lakers: niente radiografie per Kobe
Nella sconfitta di Gara4 a New Orleans Kobe Bryant (32 anni) è uscito in stampelle dallo spogliatoio dopo essersi slogato la caviglia sinistra, tornato a L.A il giocatore doveva sottoporsi a delle radiografie ma il figlio di Jellybean si è rifiutato di farle, andando dal suo “2° padre”, Gary Vitti, e dicendogli che è tutto ok e che giocherà regolarmente stanotte. E’ risaputo che l’unico che può parlare con Kobe è Vitti e se lo stesso Vitti non ha fatto obiezioni allora Bryant giocherà ma, dallo staff medico, hanno fatto sapere che il giocatore soffre di una live distorsione alla caviglia e che sarebbe saggio avere delle conferme. A ESPN Los Angeles Phil Jackson ha ammesso: “Stiamo cercando di convincerlo, cosicché tutti noi possiamo sapere cos’abbia veramente ma lo conoscete…”

New York: Walsh estende, Melo e STAT con D’Antoni
Donnie Walsh e i New York Knicks sono vicini all’estensione del contratto, si presuppone che il rinnovo tenga l’ex GM dei Pacers ancora 2 stagioni nella Grande Mela ma c’è una novità; Carmelo Anthony (26 anni) vuole ricoprire un ruolo importante nella costruzione dei Knicks chiedendo di esser informato sui movimenti che la società vuole fare, un po’ come LeBron James (26 anni) quando era a Cleveland con i Cavaliers. Dopo aver udito questa notizia, anche Amar’e Stoudemire (29 anni) ha espresso la sua chiedendo a sua volta di partecipare ai movimenti manageriali dei Knickerbockers. Pare che la prima mossa del duo sia quella di volere la conferma di Mike D’Antoni come head coach anche nella prossima stagione.

Miami: manca il clutch!
A Philadelphia, dopo il K.O di Gara4 contro i Sixers, la stampa e i fanatici dei numeri si sono scagliati contro i Miami Heat in quanto, per l’ennesima volta in stagione, gli Heat non sono andati a segno con l’ultimo possesso; su 13 possessi finali per vincere/pareggiare la partita, LeBron James e Dwyane Wade hanno confezionato un tragico 1/13, per un totale di 1/19 se sommiamo il resto della squadra nei tiri presi con 10″ sul cronometro, ecco le cifre:
– James 1/8
– Wade 0/5
– House 0/2
– Chalmers 0/2
– Bosh 0/1
– Miller 0/1

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B