Randolph-Perk, è una questione personale!

Nella presentazione delle semifinali vi avevamo evidenziato come il duello tra l’ala forte più calda della Lega, Zach Randolph (29 anni), e il centro dei Thunder Kendrick Perkins (26 anni) sarebbe stato il fulcro della serie; in Gara1 Zaccaria ha abusato dell’ex Celtics chiudendo con 34 punti e 10 rimbalzi, vittoria esterna dei Grizzlies e 1-0 nella serie.
L’ex Clippers è voluto tornare sul confronto con Perk e non ha usato mezzi termini per descrivere la sua superiorità: “Perk è bravo, ma tutto quello che può fare su di me è commettere fallo. Non può fermarmi è troppo lento e quindi può solo farmi fallo, in questo momento nessuno nella Lega è in grado di fermarmi, non solo Kendrick, al quale gliel’ho pure detto in faccia durante Gara1”. A confermare il suo momento ci ha pensato anche la superstar dei Thunder, Kevin Durant (22 anni) il quale ha dichiarato: “Randolph è la miglior ala forte che c’è in NBA, ha talento e adesso è anche ben motivato, sarà molto dura batterlo è come un animale”, peccato che il suo compagno di squadra, impregnato fino al midollo del “Celtics Pride” non ci stia: “Lui pensa così? Io no! Non consento a nessun avversario di andarmi sopra, se KD pensa così è una sua opinione, la serie non è finita e io non mollo mai!”.
Il carattere e la spavalderia all’ex New York non sono mai mancati ma la domanda che molti si chiedono è per quanto Zach potrà tenere queste cifre e questo livello di gioco, è un pro da 9 anni e non lo si è mai visto così se non a sprazzi, in questi playoffs viaggia a 23.3 punti e 9.30 rimbalzi, se Memphis e lui non caleranno, attenzione perché l’upset rifilato agli Spurs potrebbe non essere l’unica sorpresa che gli uomini di Hollins hanno compiuto PERO’…mai sottovalutare l’orgoglio da Boston Celtics di Perkins!

PLAYOFFS 2011: SEMIFINALI DI CONFERENCE

MVP: DERRICK ROSE!

F.M.B

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B