Finals 2011, preview

Come nel 2006 in finale i Miami Heat e i Dallas Mavericks di Dirk Nowitzki si contenderanno il titolo. La differenza principale da quelle Finals è sicuramente il fattore campo, questa volta a favore di Miami, ma per Nowitzki e compagni non sarà certo questo fattore a farli preoccupare per vendicarsi di quella serie che riscontrò non poche polemiche.

NBA FINALS 2011

Miami Heat (#2 EC) – Dallas Mavericks (#3 WC)

Scontri diretti stagionali: DAL-MIA 106-96; MIA-DAL 96-98

Qui Miami: Come pronosticato prima della serie contro Chicago, chi ha più superstars vince, ma oltre a questo Miami ha sfoderato una difesa granitica contro un attacco sicuramente non  scintillante. Se da una parte si difende alla morte e si spendono numerose energie, dall’altra ci pensa il trio Bosh-James-Wade a togliere le castagne dal fuoco. Proprio Chris Bosh ha dimostrato di saper giocare anche nei playoff, in una serie intensa, in una battaglia sanguinosa lui ha saputo tirare fuori dal cilindro sia difesa che attacco, le sue mani nei momenti decisivi non hanno mai tremato e probabilmente molto della serie passerà da lui. Nonostante le gare giocate siano meno di quelle previste, Miami ha lasciato sul campo parecchie energie nelle serie tra Celtics e Bulls, questo alla lunga potrebbe farsi sentire, ma quando si arriva a questo punto della stagione si è trascinati dalla adrenalina e dall’entusiasmo. Per James ad inizio anno un unico obbiettivo, e lo vorrà con tutto se stesso, se poi ad aiutarlo ci sono Dwayen Wade e Chris Bosh.

Qui Dallas: Dopo aver battuto i Los Angeles Lakers con lo sweep, in molti a Dallas hanno pensato alla vendetta, in molti hanno pensato finalmente a quel momento che dopo 5 lunghi anni potrebbe arrivare, l’hanno fatto soprattutto Dirk Nowitzki e Jason Terry, gli unici due reduci da quella serie finale. Finalmente quell’occasione è arrivata, l’occasione per scacciare quei fantasmi che circolano sopra l’American Arlines Center: non esistono altri risultati, solo la vittoria, altrimenti tutto quello che di buono è stato fatto fino adesso non servirà a nulla; se non sarà così probabilmente per i Dallas Mavericks sarà veramente la fine di tutto. I Mavs hanno dimostrato di essere solidi mentalmente, di saper reagire subito, come visto nella serie contro Oklahoma, dopo aver perso per la prima volta in casa nei playoff in gara-2, hanno dominato la gara successiva ad Oklahoma City senza problemi. Nowitzki è probabilmente il miglior giocatore dei playoff, si dovrà aspettare una marcatura asfissiante e lui dovrà dimostrare una volta per tutte che oltre a tutte quelle belle cose mostrate nella sua carriera sa anche vincere un anello.

Chiave tattica: Un nome, un rebus per qualsiasi difesa o difensore in Nba, Dirk Nowitzki. Gli Heat dovranno trovare un giocatore che possa dargli fastidio, che possa limitarlo in qualche modo offensivamente, a Miami è difficile trovarlo, ad Oklahoma c’era Nick Collison, ha fatto quello che ha potuto, poi però i risultati son sempre stati quelli. Fin’ora nei playoffs non c’è stato un singolo giocatore che abbia messo in difficoltà Nowitzki dall’altra parte, che l’abbia stancato in difesa, forse è stato bravo anche coach Carlise a metterlo in condizione di difendere su giocatori non all’altezza, forse è stato anche fortunato (vedi problemi fisici per Gasol). Un grande attacco contro una grande difesa, una sfida difficile da decifrare, ma io vedo personalmente favoriti gli Heat per un semplice motivo: Wade e James sono stati contenuti fino ad un certo punto dalla grande difesa di Tom Thibodeau, non credo che Dallas possa contenerli come hanno fatto i Bulls. Nowitzki è uno, loro sono due che qualche volta diventano tre con l’aggiunta di Chris Bosh. Le spaziature dell’attacco dei Mavs dovranno essere perfette come nei turni precedenti, e se vogliono vincere la serie avranno bisogno di un giocatore in grado di vincere le partite insieme a Nowitzki altrimenti per Dallas sarà veramente dura.

Duello, James-Marion: Come nella serie precedente, James si dovrà confrontare con un grande atleta, un grande difensore, come ha potuto provare sulla sua pelle Kevin Durant, inoltre il buon Marion ha mostrato buoni segnali anche offensivamente in questi playoff, soprattutto contro i Thunder. La serie finale passa anche da qui, James non ha trovato nessuno che si opponesse a lui, fin dall’inizio dei playoffs quando ha deciso di vincere una partita nell’ultimo quarto, l’ha vinta senza problema. Ora “King James” ha di fronte l’ultimo ostacolo, quello più difficile da superare, e la determinazione che ha messo in questi playoff, la consapevolezza di se stesso che ha acquisito gara dopo gara probabilmente gli permetteranno quell’anello che ormai manca da troppo tempo, Marion permettendo….

Pronostico: MIA 60% (4-2)

Nico P

Nico P

Appassionato di ogni tipo di sport, con il basket a svettare nella sua classifica, tifo Lakers e Broncos con la preferenza sempre verso la squadra più debole. Nickname: Nico P