Meeting: 6 ore di nulla!

La scorsa notte si è tenuto a New York il secondo meeting ufficiale tra i giocatori e i proprietari in merito alla faccenda del lock-out, l’incontro è durato ben 6 ore ma con il solito e deprimente risultato: le parti sono sempre distanti! C’è una novità però rivelata dal presidente dell’unione giocatori Derek Fisher: “Se non si trova una accordo, perdiamo tutti! L’1 ottobre dovrebbe iniziare la sessione dei traing-camp e il tempo non ci è amico, abbiamo capito oggi che c’è questo senso d’urgenza ma fisseremo altri incontri”.
Ecco, in 6 ore hanno capito che le lancette dell’orologio stanno correndo e loro sono ancora fermi ai blocchi partenza ma almeno, se vogliamo vedere il “bicchiere mezzo pieno”, entrambe le fazioni sono d’accordo sul fissare altri incontri. I giocatori, ancora una volta, hanno chiesto ai proprietari di cambiare la loro posizione e che loro non hanno intenzione di muoversi dalla loro, a risponderli è stato il vice-commissioner Adam Silver: “”Non vedo alcun beneficio nel caratterizzare le nostre posizioni, vogliamo evitare di ritardare la stagione ma soprattutto vogliamo che si giochi”.
Invece il commissionar David Stern non percepisce questo “sense of urgency” emerso durante la riunione: “Non abbiamo nessuna scadenza in testa, l’unico pensiero fisso è quello di trovare un accordo e di fissare altri incontri” inoltre ha voluto parlare di come ci si stia relazionando con la stampa con una frecciatina verso i players: “Dobbiamo moderare tutti i termini, si tende a parlare troppo fuori dalla stanza e poi rischiamo i malintesi di inizio agosto”.

VIDEO: SPETTACOLO DURANT, MA VINCE JAMES!

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B