Le parole di Fisher

Ricapitoliamo la situazione, nelle giornate di mercoledì e giovedì ci sono stati ben due meeting per discutere la situazione del lock-out; nel primo si era intravisto uno spiraglio di ottimismo mentre nel secondo invece non ci furono novità se non che è tutto rimandato a martedì prossimo (13 settembre).
Abbiamo ascoltato le parole ottimiste di Billy Hunter, quelle premurose di David Stern ma non ancora quelle del presidente dell’unione giocatori Derek Fisher, che subito parla della novità di martedì sulla presenza di più giocatori e proprietari: “Ad un certo punto, prima di cercare di fare ogni tentativo di ogni progresso di grandi dimensioni, è necessario coinvolgere tutti i rispettivi membri che poi avranno l’ultima parola, così abbiamo pensato che era meglio per tutti se martedì ci saranno più figure, noi batteremo un colpo” ha dichiarato il capitano dei Los Angeles Lakers.
In questo momento i proprietari si sono riuniti a Dallas, Fisher ha detto che il sindacato parlerà ai giocatori a Las Vegas, dove almeno 40 sono hanno in programma di giocare la famosa “Vegas League“.
Infine il pensiero su settimana prossima: “Ho il sospetto che entro il giovedì prossimo avremo più di un’occasione, in particolare col gruppo più ampio per continuare a scambiare idee” aggiungendo: “Io credo che ci sarà uno sforzo, almeno da parte nostra, per avere qualche tipo di sensazione. Non condivdo a pieno l’idea di urgenza che ha dichiarato il Commissioner, non vedo un termine pre-stabilito, so che comunque che martedì sarà un giorno molto importante”.

 

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B