Lock-out: recap e news

In questa settimana è successo un po’ di tutto quindi ecco un breve riassunto per chi si fosse perso qualche episodio o non abbia colto qualche particolare di questa telenovela infinita che ci accompagna dal 1° di luglio: giovedì il meeting tra i giocatori e i proprietari non ha dato esito positivo quindi il commissionar David Stern ha deciso di cancellare le 43 partite di pre-season e posticipare al 15 di ottobre l’inizio dei training-camp, che originariamente dovevano cominciare il 3 di ottobre. Il fulcro di tutto era e rimane il tetto salariale di tipo “hard” dove i proprietari non sono disposti a scendere sotto il 52% anche se fonti dicono massimo il 49%, nella giornata di venerdì una persona vicina ai proprietari ha dichiarato che c’è voglia di negoziare che che ci sono movimenti in atto, l’intento sarebbe quello di arrivare ad un’ accordo verso la metà di novembre cosicché si possa giocare tutta la regular-season 2011/12 senza nessun tipo di taglio.

Steve Kyler, giornalista di “HoopsWorld”, ha analizzato la situazione evidenziando le due scelte che i giocatori possono fare: accettare il 53% con tetto salariale di tipo hard o il 50% con tetto salariale di tipo soft (quello che c’è sempre stato).

Molto probabilmente settimana prossima le due fazioni si incontreranno di nuovo a New York, ancora da stabilire il giorno ma sappiamo che martedì prossimo i giocatori si riuniranno a Miami!
Di solito il randevouz dei players era in quel di Las Vegas ma, all’ultimo meeting nella città del peccato, erano presenti solo 40 giocatori (pari al 10% del sindacato), quindi il presidente Derek Fisher e l’Executive Director Billy Hunter hanno scelto la città della Florida sperando che il clima e la vita notturna possano invogliare più giocatori a presentarsi.

NEWS: L’ULTIMA DI SABATINI PER CONVINCERE KOBE!

MULTIMEDIA: LA PONDEXTER RIDIMENSIONA TELFAIR!

 

 

 

 

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B