Lettera degli agenti, risposta di Fisher

Siamo a poche ore dall’inizio dell’ultimo meeting utile per far si che si giochi tutta la stagione 2011/12, nella giornata di ieri (dopo 4 ore di dialoghi) il commisioner David Stern ha dichiarato che sul tavolo di oggi ci saranno documenti importanti, oltre ad un maggior numero di partecipanti.
Ma proprio ieri, dopo l’incontro 3 vs 3, 6 degli agenti più importanti del panorama NBA (che tra l’altro sono le punte di diamante delle 6 agenzie più importanti) hanno scritto una lettera all’unione giocatori evidenziando dei punti, a detta loro cruciali, indicando anche quale sarebbe la decisione da prendere.

Ecco i punti più salienti/cruciali:
– L’NBA durante l’ultima stagione ha raggiunto il massimo del fatturato mai fatto.
– L’unione giocatori ha proposto un abbassamento dei profitti fino dal 57% al 52%, questo vuol dire che ci sarà un trasferimento da oltre $200 milioni o un minimo di $500 mila all’anno per giocatore che tornerà ai proprietari.

Propio in merito a quest’ultima nota gli agenti chiedono espressamente ai giocatori di NON accettare nessuna proposta sotto il 57%!!

Proseguendo con i punti:
– I proprietari stanno allestendo uno scenario apocalittico, non lasciate che siano loro ad avere l’ultima parola
– L’NBA cerca cambiamenti senza precedenti e ingiustificati alla contrattazione collettiva.
– La carriera di un giocatore è breve, con un tempo limitato per massimizzare i guadagni. Se non si lotta per questi diritti ora, si pagherà il prezzo di ogni singolo stipendio per il resto della carriera.

A titolo informativo vi trascriviamo i nomi con rispettive agenzie dei protagonisti: Arn Tellem di Wasserman Media Group, Bill Duffy dello Sport BDA, Dan Fegan di Lagardere, Jeff Schwartz di Excel Sports Management, Leon Rose e Henry Thomas di Creative Artists Agency, infine e Mark Bartelstein di Priority Sports and Entertainment.

La risposta dei giocatori
Logicamente il presidente dei players nonnè rimasto con le mani in tasca e a sua volta ha subito scrito una lettera ai direttininteressati

“Come potete immaginare gli agenti non sono a conoscenza del mio vedere la faccenda, io somo un giocatore e so che ogni mio collega deve analizzare tutto. Educate voi stessi (riferito agli agenti)
, ndr), fate domande, fate quello che ritenete necessario ma non tutto, come avete fatto di recente”

Non stiamo qui a riportare tutto il contenuto, ma vi riportiamo l’ultimo pezzo dove il campitano dei Lakers parla dell’incontro di oggi: “Domani (chebsarebbe oggi) avremo un altro duro incontro, noi non ci muoveremo dalle nostre posizioni, chiunque dica qualcosa di diverso non é a conoscenza di quello che stiamofacendo. Stiamo uniti.”

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B