Players Meeting: rifiutata l’offerta dell’NBA!!!

Ecco cosa i giocatori hanno deciso di fare dopo il loro incontro durato 3 ore, c’è però la disponibilità sulle questioni economiche!

Ben 43 giocatori erano alle spalle di Derek Fisher nella conferenza stampa a fine incontro dei giocatori, come già accennato ieri la risposta all’offerta della Lega è stata negativa: “E’ chiaro che non possiamo giungere ad un accordo” sono state le prime parole del presidente NBPA: “Loro (rivolto ai giocatori, ndr) vogliono giocare, noi vogliamo tornare a fare quello che amiamo, ma non ci sono ancora i giusti propositi, vogliamo andare avanti a negoziare fino a quando non raggiungeremo un giusto accordo”.

La cosa che ha lasciato tutti sconcertati è stata che: “Siamo disposti a negoziare sull’aspetto economico (BRI) ma ci sono ancora seri problemi nei system issues” in poche parole a Fisher non interessa dell’ultimatum imposto da David Stern e non crede che la Lega abbai il coraggio di mettere in atto tale provvedimento.

Oltre al capitano dei Lakers ha parlato anche il suo braccio destro, Billy Hunter, ecco le sue parole: “Abbiamo compromesso sulle questioni economiche. Ma questo compromesso si basa sulla capacità di ottenere le cose che abbiamo bisogno di ottenere nel sistema” aggiungendo: “Siamo pronti a negoziare con obiettività ed equilibrio, ma ci aspettiamo la stessa cosa dal nostro avversario” specificando quali siano i punti di maggior disaccordo: “Mid-level, sign-and-trade, la cliff tax e il deposito di garanzia”.

Sulla deadline di domani: “Credo che avremo modo di incontrarci ancora prima della deadline imposta da Stern alle 17 di domani, se non raggiungeremo l’accordo, i match di Natale verranno cancellati” sulla discussa e certificazione: “Dovete e devono capire che i giocatori sono uniti, e noi crediamo che la gran maggioranza di loro è dalla nostra parte” e poi su Michael Jordan: “Ha avuto le stesse direttive che lui propose a Pollin 13 anni fa”

Fisher ha anche preso in giro un giornalista che gli chiedeva quali sarebbero state le mosse dell’unione: “È la tua prima volta qui?”

 

 

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B