Meeting: ci sono progressi, si continua oggi!

Malgrado la deadline, giocatori e proprietari hanno fatto progressi e l’ottimismo è tornato in voga.

E’ stato un incontro a ranghi pieni, per i giocatori erano presenti Derek Fisher, Billy Hunter, Maurice Evans, Roger Mason, l’economista Kevin Murphy e gli avvocati Jeffrey Kessler e Ron Klempner; per i proprietari David Stern, Adam Silver e Peter Holt (San Antonio).

Il meeting è iniziato alle 13 e NON è finito alle 17 come era stato stabilito dal Commisioner, infatti alle 17 (ora NY) un portavoce dell’NBA è uscito dichiarando che le parti stavano ancora trattando.

Per fortuna non è successo l’irreparabile ma anzi, a fine meeting (durato la bellezza di 12 ore), le due fazioni hanno concordato di fermassi e riprendere nella giornata di oggi (alle 12 a NY, 18 qui da noi) i negoziati in quanto ci sono stati progressi! Fonti dicono che i miglioramenti sono stati trovati su 3 dei 5 “system issues” anche se Stern preferisce mantenere un profilo basso: “Non abbiamo elaborato niente oggi” consigliando a tutti, soprattutto i media, di non dar ascolto alle voci sia di pessimismo che di ottimismo, alla domanda se i proprietari possono di loro iniziativa decidere di trovare un accordo: “Non credo abbiano l’autorità per farlo”.

Anche Derek Fisher ha confemrato l’evolversi della situazione: “Non posso dire che abbiamo compito progressi, ma quello che abbiamo fatto ci ha consento di rivederci domani” ribadendo ancora una volta la disponibilità della NBPA a trattare: “Siamo pronti ad arrivare ad un accordo se loro si dimostreranno flessibili con noi” concludendo che si augura di poter risolvere tutto entro il meeting di oggi.

Il braccio destro di Fisher, Billy Hunter, è convinto che si è (anche se non del tutto) su una buona strada e che i negoziati potranno protrarsi per diversi giorni.

Ci fa molto piacere che non è finita come nella nostra simulazione, appuntamento a stasera sulla nostra Fan-Page di Facebook (e anche su Twitter)  per gli aggiornamenti in tempo reale

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B