McGrady batte Miami, Dallas i Thunder, ok Gallo

Gli Heat cadono in casa contro gli Hwaks, i Thunder a Dallas, Minnesota continua a vincere, bene ancora il Gallo e Bargnani.

 

 

 

Phoenix Suns – Golden State Warriors 102-91
PHX: Frye 10 (10 rimb), Dudley 15, Nash 21, Brown 10, Morris 16
GSW: McGuire 14, Ellis 18 (11 ass), Curry 10, Udoh 11, Rush 13

I Warrios (con Ellis ma senza David Lee, influenza) tengono ai Suns e si arrendono solo nel finale; Phoenix scappa sul +12 (81-69) dopo pochi minuti del 4° periodo con un break di 9-0, gli ospiti rispondono con le triple del rookie Thompson ma a dare il colpo di grazie agli uomini di Jackson sono state due triple consecutive sparate da Dudley e Nash (11 punti dei suoi 21 negli ultimi 5′) che hanno dato il +11 (94-83) a 2’25”, molto bene Markieff Morris.

Boston Celtics – Washington Wizards 100-92
BOS: Pierce 21, Garnett 10, Stiemsma 13, Alle 27, Rondo 6 (13 ass), Bass 14
WAS: Blatche 28, McGee 17 (14 rimb), Young 10, Wall 11

Il back-to-back tra Boston e Washington sorride ancora Celtics anche se faticando; nell’ultimo quarto i capitolini sono sotto solo di 1 (77-76) dopo 4′ di gioco, Daniels e Rondo danno una prima fiammata allungando le distanza sul +8 (84-76), poi a 5′ dalla fine Ray Allen firma un 5-0 tutto suo he chiude i giochi sul +9 Celtics (89-80), bene il rookie Stiemsma partito titolare per i verdi.

New Jersey Nets – Indiana Pacers 94-108
NJN: James 10, Williams 22, Gaines 12, Brooks 21
IND: Granger 15, West 13, George 21, Hansbrough 12, Jones 11

Salgono a 5 i K.O consecutivi per i New Jersey Nets, impotenti anche stanotte contro i Pacers di Paul George; Indiana comanda per tutta la partita e trova la doppia-cifra di vantaggio a 4′ dalla sirena del 3° quarto con un parziale di 11-2 per il +15 (62-77), vani i 43 punti dell’accoppiata Williams-Brooks.

New York Knicks – Toronto Raptors 85-90
NYK: Anthony 35 (11 rimb), Chandler 11 (10 rimb), Douglas 22
TOR: Bargnani 21, Butler 13 (10 rimb), Calderon 9 (12 ass), DeRozan 21, Barbosa 10

Italian Job: Bargnani 21 pt (7/11, 0/2, 7/8), 5 rimb, 1 ass, 3 perse

Ancora senza stoudemire i Knicks stavolta cadono in casa contro i Toronto Raptors, guidati dal duo Bargnani-DeRozan (21 a testa); dopo un primo quarto chiuso avanti 23-22, NY subisce un break di 10-2 ad inizio secondo trovandosi sotto 25-32, poi ne subisce un altro a 5′ dall’intervallo di 13-4 (due triple consecutive firmate DeRozan e Butler) per la fuga canadese sul +17 (32-49). Nel finale i Knciks rimontano fino al -3 (85-88) con 17″ sul cronometro ma Carmelo Anthony (13/31 dal campo) fallirà la tripla del pareggio.

Miami Heat – Atlanta Hawks 92-100
MIA: James 28, Bosh 19, Wade 12 (10 ass), Haslem 4 (10 rimb), Battier 11, Cole 10
ATL: Horford 16, Johnson 21, Teague 15, McGrady 16

Prima sconfitta stagionale per i Miami Heat per mano degli Atlanta Hawks di Tracy McGrady; dopo esser stata avanti di 10 nel primo periodo, Miami conferma di soffrire la difesa a zona ed Atlanta la costringe a giocare ragionando, la svolta per i falchi arriva a 7′ dalla fine del 4° periodo quando T-Mac prima spara da tre e poi regala l’assist per la tripla di Pargo, +8 Atlanta (74-82), sarà sempre McGrady ad uccidere gli Heat con un’altra tripla a 2’26” per il +7 (84-93) che segna di fatto i giochi.

Detroit Pistons – Orlando Magic 89-78
DET: Prince 14, Jerebko 8 (11 rimb), Monroe 10, Gordon 26, Stukey 14
ORL: Turkoglu 13, Anderson 13, Howard 19

Ben Gordon si riscopre leader e porta i Pistons al trionfo contro dei magic provati dalla rimonta contro Toronto; match deciso a 4’25” dalla sirena finale da un 4-0 targato Prince-Gordon che ha spedito i Magic da -5 a -9 (81-72), ospiti che d 3 hanno tirato col 36% (8/22) e che si son fatti dominare a rimbalzo (39 a 28).

Minnesota Timberwolves – San Antonio Spurs 106-96
MIN: Beasley 19, Love 24 (15 rimb), Milicic 10, Johnson 14, Ridnour 19
SAS:Jefferson 16, Duncan 16, Parker 11, Splitter 12

Dopo i Mavericks anche gli Spurs devono uscire a testa bassa dal Target Center di Minnesota; T-Wolves padroni del campo sin dalla palla a due, a 7’48” dalla fine della terza frazione i texani accorciano sul -7 (75-68) ma di risposta arriva un break spezza gambe di 10-0 (triple di Love e Johnson) che chiude definitivamente i giochi. Infortunio alla mano sinistra per Manu Ginobili!

Dallas Mavericks – Oklahoma City Thunder 100-87
DAL: Marion 17, Nowitzki 26, Carter 14, Terry 15, Mahinmi 10
OKC: Durant 27, Ibaka 10, Westbrook 18, Narden 16

I Mavericks tornano a sorridere le lo fanno fermando niente meno che la miglior squadra ad Ovest, i Thunder; dopo un primo tempo equilibrato Dallas scappa via ad inizio ripresa con un terrificante parziale di 14-4 (6 di Nowitzki e 6 di Marion) volando sul +15 (68-53), gli ospiti in parte aiutano i texani tirando con percentuali inquietanti, vedi Westbrook (8/20 dal campo) e anche Durant (10/21).

Denver Nuggets – Milwaukee Bucks 91-86
DEN: Gallinari 21 (10 rimb), Lawson 16, Harrington 17, Brewer 10
MIL: Jackson 17, Bogut 12, Delfino 14, Jennings 12

Italian Job: Gallinari 21 pt (4/7, 1/5, 10/12), 10 rimb (2 off), 2 ass, 4 perse, 1 stop

Ancora un’ottima prestazione per Danilo Gallinari che aiuta i Nuggets a vincere in volata sui Bucks; match tirato tanto che a 28″ i nuggets guidano 87-86 e, da non crdere, un’ottima difesa di Al Harrington su Bogut ha costretto l’australiano ha sbagliare il gancio del sorpasso, successivamente Lawson ha segnato il layup del +3 a 10″ dal termine. Jennings non troverà la tripla del pareggio.

Utah Jazz – New Orleans Hornets 94-90
UTA: Jefferson 22, Harris 19, Howard 13, Miles 11
NOH: Jack 27 (11 ass), Smith 16, Kaman 14, Aminu 11

Italian Job: Belinelli 6pt (0/5, 2/4 da 3), 4 rimb, 1 ass, 1 rec, 3 perse

I New Orleans Hornets tirano col 50% dal campo ma si devono arrendere in volata ai Jazz; infatti a 2’21” Kaman segnava il punteggio sull’86 pari, a risolvere la partitata è stata un tripla di Devin Harris seguita da una schiacciata di Paul Millsap che hanno dato il +5 a 55″ dal termine.

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B