Philly non scherza, rivincita Belinelli a Denver

Phila si porta dietro a Miami e Chicago ad Est, derby a Belinelli, New York suda fino alla fine ma vince con Anthony, volano gli Hawks, ancora super Bargnani!

 

 

 

Toronto Raptors – Minnesota Timberwolves 97-87
TOR: Bargnani 31, Johnson 19 (11 rimb), Calderon 14, Barbosa 13
MIN: Love 13 (14 rimb), Ridnour 13, Williams 13, Rubio 10, Barea 16

Italian Job: Bargnani 31 pt (10/19, 1/6, 8/9), 9 rimb (1 off), 2 perse, 1 stop

I Toronto Raptors sfruttano a brutta serata di Kevin Loe (3/16 dal campo) e col solito Bargnani portano a casa la vittoria; partita giocata punto a punto, la svolta arriva a 3’14” dalla sirena finse quando, dopo un dumper sbagliato dal Mago, Amir Johnson vola in cielo e schiaccia il tap-in dell’82-80. Da quella schiacciata comincerà un pressantissimo break di 11-2 che segnerà le sorti del match.

Philadelphia 76ers – Indiana Pacers 96-86
PHI: Iguodala 20, Hawes 12, Holiday 12, Williams 13, Vycevic 11, Young 12
IND: Jones 12, West 15 (11 rimb), Hibbert 19, George 13, Hansbrough 10

Quinta vittoria consecutiva per i Sixers che battono i Pacers (privi di Granger) nello scontro diretto pe ril 3° posto ad Est; i padroni di casa comandano le operazioni grazie anche ai panchinari infatti, a 1’40” sul +6 Philly, Theddy Young segna un ‘importante gancio seguito 26″ dopo dal fade-away di Iguodala per il +10 (94-84). Coach Collins ha avuto ben 41 punti dalla sua panchina, con Louis Williams unico giocatore dei Sixers sempre in doppia-cifra dall’inizio della stagione.

New Jersey Nets – Atlanta Hawks 101-106
NJN: Brooks 19 (10 rimb), Humphries 13, Morrow 20, Williams 15 (14 ass), Sha.Williams 11
ATL: Radmanovi 14, J.Smith 26, Horford 14, Johnson 22, Teague 20

Terza vittoria stagionale degli Atlanta Hawks sui New Jersey Nets con il trio Teague-Johnson-Smith autore di 68 punti; a metà del terzo quarto gli sopti riescono a trovare il +11 (56-65) con un parziale di 4-0 firmato Josh Smith, ma prima di questo Morrow aveva sbagliato una comoda tripla in transizione che avrebbe potuto dare il -4. Vantaggio che i Nets non riusciranno a ricucire malgrado il 50% d 3 (11/22) e 14 assist di D-Will.

New York Knicks – Charlotte Bobcats 91-87
NYK: Anthony 22, Stoudemire 25 (12 rimb), Chandler 20 (13 rimb), Shumpert 16
CHA: Diaw 19 (10 rimb), Augustin 12, Henderson 14, White 15, Walker 10

I Knicks si rifanno sui Bobcats vincendo trascinati dal loro trio che ha confezionato 67 punti con 2 doppie-doppie; a 2’52” dalla fine Charlotte trovava il pareggio con una tripla di D.J Augustin, le squadre sono andate avanti colpo su colpo con Anthony che ha segnato 6 dei 9 punti finali di NY. A 8″ Melo non trema dalla lunetta per il +3 (90-87), Augustin si riprende la tripla per il pareggio ma non troverà il canestro. Da sottolineare il 10% dei padroni di casa da 3 (1/10).

Chicago Bulls – Detroit Pistons 92-68
CHI: Boozer 23, Brewer 12, Rose 22
DET: Prince 11, Monroe 14 (10 rimb), Gordon 11, Knight 13

Tutto facile per i Bulls contro i Pistons, con quest’ultimi spariti dal campo nell’ultimo periodo; a metà del secondo quarto Detroit non mette più un tiro (0/8) passando dal 21-21 a -9 (30-21). Chicago scapperà via e a cavallo tra il 3° e 4° periodo volerà sul +16 (75-59) dopo un break di 15-0.

Denver Nuggets – New Orleans Hornets 81-94
DEN: Gallinari 15, Afflalo 13, Lawson 15, Fernandez 14
NOH: Kaman 20, Belinelli 19, Jack 13, Landry 21

Italian Job: Gallinari (DEN) 15pt (4/6, 2/6, 1/2), 4 rimb, 3 ass, 1 rec, 4 perse, 2 stop / Belinelli (NOH) 19pt (5/9, 3/4 da 3), 2 rimb, 2 ass, 1 perse, 1 rec

Marco Belinelli si prende la sua rivincita sul Gallo aiutando gli Hornets ad espugnare il Pepsi Center di Denver; New Orleans scappa nei periodo centrali toccano diverse volte l doppia-cifra di vantaggio e resistendo agli attacchi deragli uomini di Karl. Ad inizio quarto Denver si poeta sul -11 (71-82) con 7 punti di fernandez, ma New Orleans risponderà con un 9-0 spezza gambe per il +21 (71-92). Nuggets traditi, come sempre, dal tiro pesante, 34% con 8/23.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B