Billups gela i Mavs! Spurs d’orgoglio ad ORL

L’ex NY salva per la seconda volta i suoi, male Gallinari am Denver vince a Philadelphia, Spurs ok ad Orlando, crollano i Thunder nella capitale.

 

 

 

Philadelphia 76ers – Denver Nuggets 104-108 OT
PHI: Iguodala 11 (10 rimb), Brand 16, Holiday 13, Young 22, William 10, Turner 20 (11 rimb)
DEN: Nene 20, Afflalo 14, Lawson 13, Harrington 12, Miller 28

Italian Job: Gallinari 3 pt (1/1, 0/2, 1/1), 5 rimb (1 off), 1 ass, 2 rec

I Denver Nuggets rifilano il 1° K.O casalingo ai Sixers e lo fanno dopo un tempo supplementare, il tutto con un Gallinari invisibile (3 punti in 33′); ospiti che nell’ultimo minuto oso sulle spalle di Andre Miller (28 punti uscendo dalla panchina), il quale realizza gli ultimi 9 punti dei suoi nei regolamentari portando Denver sul +1 (95-96) a 7″ dalla sirena. Iguodala conquista la lunetta ma farà solo 1/2, Miller non troverà l’appuntamento con il buzzer-beater e si andrà all’overtime. Philly tiene botta nei primi 4′ guidando 104-102, poi a 1’44” il buoi totale con i Nuggets che scapperanno via con Afflalo e sempre Miller.

Washington Wizards – Oklahoma City Thunder 105-102
WAS: Blatche 12 (10 rimb), McGee 7 (11 rimb), Young 24, Wall 25, Crawford
OKC: Durant 33, Ibaka 6 (10 rimb), Westbrook 36, Harden 13

Kevin Durant e e Russel Westbrook combinano 69 punti tirando 25/50 dal campo, ma non basteranno per evitare la sconfitta nella capitale; punto di svolta ad inizio quarto periodo quando coach Brooks mette a riposo le sue due stelle, Washington da -4 (72-76) trova il sorpasso con una tripla di Young sulla’86-84 a 7′ dal termine. Sempre la guardia dei Wizards darà un ulteriore scossa alla partita con una tripla a 3’22” per il +5 (93-88), vantaggio che fio alla fine gli uomini di Saunders difenderanno.

Orlando Magic – San Antonio Spurs 83-85 OT
ORL: Anderson 17 (11 rimb), Howard 24 (25 rimb), Redick 13, Wafer 15
SAS: Jefferson 11, Duncan 17 (10 rimb), Parker 25, Splitter 10

Gli Spurs si rifanno subito dopo la batosta subita a Miami ed espugnano la Amway Arena dopo un supplementare, malgrado la doppia-doppia di Howard; Magic salvti nei supplementari da J.J Redick che realizza gli ultimi 6 punti compresi gli ultimi 2 liberi che daranno il 75-75, nel finale Tony Parke non riuscirà a chiudere il match. A decidere il match è stato Gary Neal, sua la bomba a 28″ che sbloccato l’overtime e la partita dando il +3 (81-84), brivido finale per i texani sulla tripla mancata a 2″ da Ryan Anderson. Per Orlando 4/21 da 3 /19%).

Boston Celtics – Toronto Raptors 96-73
BOS: Garnett 15, Rondo 21, Bass 13, Pietrus 12
TOR: DeRozan 11, Forbes 18

Italian Job: Bargnani DNP

Unica vittoria agevole della notte arriva da parte dei Boston Celtics che asfaltano i Toronto Raptors; partita sciolta negli ultimi 6ì del primo quarto quando i verdi hanno piazzato un break di 13-0 toccando il +14 (23-9) a 1’48” dalla prime serena. Per i Raptors parlano i numeri, 16 palle perse, 26/69 dal campo.

New Jersey Nets – Golden State Warriors 107-100
NJN: Humphries 18 (15 rimb), Okur 13, Brooks 22, Williams 24 (10 ass), She.Williams 10, Morrow 13
GSW: Wright 17, Lee 12 (10 rimb), Ellis 30, Thompson

Tornano al successo anche i Nets del duo Williams-Brooks che supera i 30 punti di Monta Ellis; match equilibrato segnato a 4’53” dalla fine con un break di 7-0 (5 punti di D-Will) che ha consentito ai padroni di casa di andare sul +9 (105-96), distacco mai più colmato dagli ospiti.

New York Knicks – Phoenix Suns 88-91
NYK: Anthony 12 (11 rimb), Stoudemire 23, Fields 17, Shumpert 20
PHX: Hill 14, Gortat 11 (12 rimb), Nash 26 (11 ass), Brown 14

Carmelo Anthony tira 5/22 dal campo, Stoudemire 7/22 e i Knicks subiscono il 2° K:O consecutivo tra le mura “amiche” del MSG, loro carnefici i Suns di Steve Nash; l’incontro è stato tirato fino alla sirena finale, a 6″ dalla fine Melo realizzava la tripla del -1 (88-89), fallo sistematico di Shumpert su Nash il quale non trema (6/6 negli ultimi 16″), a 2″ ultima chance NY e se la prende proprio il rookie ma la sua tripla non andrà a segno.

Atlanta Hawks – Portland Trail Blazers 92-89
ATL: Willaims 12, Smith 17 (11 rimb), Johnson 24, Teague 13, Pachulia 5 (11 rimb)
POR: Aldridge 20 (11 rimb), Matthews 10, Crawford 22

Gli Atlanta Hawks battono i Blazers ma non senza tremare nell’ultimo quarto; i falchi guidano per tutto il match iniziando l’ultima frazione sul +13 (75-62), Portland non ci sta e a 4′ dal termine tocca il -2 con Aldridge (82-80), a 1’45” il momento chiave, segna Josh Smith che successivamente perde palla ma Joe Johnson riesce a scipparla a Matthews nella stessa azione alzando l’alley-oop per Teague, risultato: 86-90 Hawks e match in congelatore a 1’25”. Senza Al Horford gli Hawks hanno vinto le ultime 4.

New Orleans Hornets – Memphis Grizzlies 87-93
NOH: Ariza 18, Smith 14, Belinelli 10, Jack 27
MEM: Gay 12, Gasol 22 (12 rimb), Allen 12, Conley 18 (10 ass), Mayo 16

Italian Job: Belinelli 10 pt (1/2, 1/5, 5/5), 3 rimb, 1 ass, 2 perse

Cadono ancora in casa i New Orleans Hornets, stavolta per mano dei Grizzlies; Memphis guida nel primo tempo poi si fa riprendere ad inizio di 3° quarto con un break Hornets di 7-0 per il 55-55, contro-risposta dei Grizzlies con un altro 7-0 che di fatto segnerà l’incontro dando il +7 (55-62) agli ospiti.

Minnesota Timberwolves – Detroit Pistons 93-85
MIN: Johnson 11, Love 20 (17 rimb), Tolliver 11, Pekovic 11
DET: Prince 29, Monroe 13 (12 rimb), Gordon 18, Stuckey 10

Kevin Love firma la 14esima doppia-doppia consecutiva e aiuta i T-Wolves a battere i Pistons, il tutto nell’ultimo quarto; dopo un fallo tecnico fischiato a J.J Barea, con il quale Detroit è andata sul +2 (76-78), il duo Ellington-Tolliver si scatena segnando 10 punti e portando Minnesota da -2 a +8 (89-81) a 3’57”, Detroit non vedrà più la via del canestro e Rubio chiuderà i giochi dalla lunetta.

Sacramento Kings – Indiana Pacers 92-88
SAC: Cousins 13 (19 rimb), Thompson 9 (10 rimb), Garcia 16
IND: Granger 16, West 13, Hibbert 13, George 10, Collison 16

Anche i Kings rivedono la luce del successo e lo fanno però con l’aiuto dei Pacers; a 3’04” Indiana guida di 1 (86-87) ma poi va nel pallone con palle perse, falli in attacco e tiri sbagliati, i King segneranno gli ultimi loro 6 punti dalla lunetta ringraziando gli avversari. Fredette 0 punti in 6′ con 0/5 dal campo.

Los Angeles Clippers – Dallas Mavericks 91-89
LAC: Griffin 14 817 rimb), Jordan 19, Billups 21, Williams 26
DAL: Nowitzki 17, Marion 12 810 rimb), West 17, Kidd 5 (10 ass), Terry 12, Mahinmi 13

Torna Mo Williams nelle file dei Clippers ma ancora una volta è lo “Smooth Criminal” ha salvare L.A, Chauncey Billups; partita avvincente ed equilibrata tanto che è stata decisa negli ultmimi 5″, prima la bomba da 3 di Jason Terry per il sorpasso Mavericks sull’88-89 e poi, ad 1″ dalla sirena, tripla di Billups che manda i titoli di coda. Senza Chris Paul il record dei Clippers è di 2-1, due vittorie firmate dall’ex Pistons.

Billups batte Dallas
[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=XoqqwL784nM]

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • mauro

    Billups il vero grande acquisto dei clippers, nonostante l’età è sempre il migliore!! Playoff quasi assicurati quest’anno…