Orlando bombarda Miami, TP9 passa a Philly!

I Magic  si prendono al Florida, Spurs Phila, Nowitzki vince a Denver, Sessions trascina i Cavs sui Clippers, Lin ancora W.

 

 

 

Toronto Raptors – Milwaukee Bucks 99-105
TOR: DeRozan 25, J.Johnson 15, Barbosa 11, Kleiza 12, Claderon 9 (15 ass)
MIL: Delfino 25, Mba a Moute 10, Gooden 20, Jennings 11, Jackson 17, Dunleavy 18

Italian Job: Bargnani DNP

I Bucks interrompono la striscia negativa di 3 K.O e espugnano l’Air Canada Centers; Carlos Delfino è stato l’uomo della partita firmando a referto il suo season-high (25 punti, 7/12 dal campo) condito da ben 6 triple su 8 tentativi, proprio la sesta bomba dell’argentino ha chiuso la pratica a 2’52” dando il +9 (85-94) ospiti.

Philadelphia 76ers – San Antonio Spurs 90-100
PHI: Iguodala 17, Brand 11 (13 rimb), Holiday 15, Young 16, Williams 22
SAS: Duncan 16 (11 rimb), Parker 37, Neal 18, Splitter 15

Gran successo sterno per i San Antonio Spurs che vincono niente meno che a Philadelphia con Tony Parker ancora dominatore del parquet; nell’ultimo quatto Lou Williams prova la rimonta ma ogni suo tentativo viene costantemente ribattuto dal duo Duncan-TP9, dopo la tripla del -5 (90-95) a 1’46” il francese ha realizzato il jumper del +7 mandando i titoli di coda.

Washington Wizards – New York Knicks 93-107
WAS: Booker 17, Wall 29
NYK: Chandler 25 (11 rimb), Fields 16, Lin 23 (10 ass), Shumpert 17, Novak 19

Terza vittoria consecutiva per i New York Knicks (privi di Stoudemire e Anthony) che equivale alla terza superba prestazione di Jeremy Lin; il prodotto di Harvard ha realizzato 12 dei suoi 23 punti nel 3° periodo compreso il layup a 24″ dalla fine che ha chiuso un break di 7-2 per il +9 (68-77).

Orlando Magic – Miami Heat 102-89
ORL: Anderson 27 (11 rimb), Howard 25 (24 rimb), Nelson 12, Redick 11
MIA: James 17, Bosh 12, Wade 33

Vittoria di carattere da parte degli Orlando Magic che riempiono di triple (17/42) i Miami Heat nel derby della Florida; primo tempo equilibrato chiuso sopra di 3 per i Magic he poi si scatenano nel 3° quarto, parziale di 17-2 per il 73-56 a 2’14” dalla sirena della frazione. LeBron James stecca la partita (17 punti con 5/15 dal campo), Heat distrutti a rimbalzo 48-38 con 17 rimbalzi offensivi concessi.

Cleveland Cavaliers – Los Angeles Clippers 99-92
CLE: Jamison 27, Varejao 15 (11 rimb), Gibson 17, Sessions 24 (13 ass)
LAC: Butler 21, Griffin 25 (15 rimb), Foye 15, Paul 16 (12 ass)

Cadono i Clippers a Cleveland malgrado l’assenza di Kyrie Irving, ottimamente rimpiazzato da Ramon Sessions; finale in volata dove Boobie Gibson si ricorda di essere un tiratore, sua la tripla del 90-87 a 1’20” dal termine, Mo Williams non riesce a replicare e sul capovolgimento Sessions conquista 2 liberi per il +5 a 56″. Cavs che hanno chiuso con il 50% (36/71) dal campo contro i 41% degli avversari (32/78).

New Jersey Nets – Detroit Pistons 92-99
NJN: She.Williams 11, Williams 34, Humphries 9 (16 rimb), Farmar 22
DET: Prince 15, Monroe 20 (12 rimb), Stuckey 12, Knight 13, Jerebko 16, Gordon 14

I Detroit Pistons mandando ben 6 uomini in doppia-cifra nella vittoria a New Jersey contro i Nets del solo D-Will; momento chiave della partita ad inizio secondo quarto quando, grazie anche ad un fallo antisportivo di Petro, i Pistons piazzano un 9-0 che li porta sul 24-33, vantaggio difeso fino alla fine.

Atlanta Hawks – Indiana Pacers 97-87
ATL: Smith 28 (12 rimb), Johnson 20, Hinrich 17, McGrady 13
IND: Granger 21, West 15, Hibbert 10 (13 rimb), Hansbrough 15

Agli Hawks di coach Drewn basta un eccellente primo tempo per archiviare i Pacers; infatti nei primi due quarti i padroni di casa toccano il +21 (58-39) che poi diventerà +19 con la tripla di David West sulla sirena del 2° quarto.

Memphis Grizzlies – Minnesota Timberwolves 85-80
MEM: Gay 19, Speights 6 815 rimb), Gasol 12, Pondexter 17, Mayo 10, Cunningham 12
MIN: Williams 13, Pekovic 10, Beasley 13, Barea 17

I T-Wolves non riescono ripetersi senza Kevin Love e cadono, di misura, a Memphis contro i Grizzlies; che concedono un break di 10-0 agli ospiti per il +6 (56-50) ma a loro volta rispondo con un devastate parziale di 15-4 che li porta sul +17 ad inizio ultima frazione su 71-54.

New Orleans Hornets – Chicago Bulls 67-90
NOH: Okafor 10, Belinelli 13, Kaman 17
CHI:Boozer 18, Noah 13, Korver 12, Gibson 14

Italian Job: Belinelli 13 pt (3/8, 1/1, 4/8), 2 rimb, 2 ass, 3 perse

Comodo successo per i Bulls a casa degli Hornets, successo arrivato anche senza un super Derrick Rose (6 punti in 22′); Chicago ha dominato il primo quarto portandosi sul 8-21 a 2’49” dal termine, frazione chiusa poi sul +9 (14-23). Nei quarti successivi gli uomini di Thibodeau non avranno problemi ad ampliare il vantaggio e a conservarlo.

Denver Nuggets – Dallas Mavericks 95-105
DEN: Nene 16 (10 rimb), Afflalo 12, Lawson 16 810 ass), Fernandez 17, Miller 11, Harrington 17
DAL: Marion 13, Nowitzki 25, Carter 17, Beaubois 13, Wright 10

Italian Job: Gallinari DNP

Anche i Nuggets mandano 6 uomini in doppia-cifra a referto ma nulla hanno potuto contro Dirk Nowitzki & Vince Carter; gli uomini di Karl accorciano subito sul -7 ad inizio 4° quarto poi però arriva un 4-0 mavs che segna il +11 (80-91) che di fatto spegne le speranze locali. Dallas si è presa la bellezza di 90 tiri dal campo (44/90) contro i 72 di Denver (33/72).

Portland Trail Blazers – Houston Rockets 96-103
POR: Wallace 20, Aldridge 13, Matthews 17, Batum 10, Crawford 21
HOU: Scola 12, Lowry 12, Lee 16, Budinger 22, Patterson 11, Dragic 10

Bel colpo fuori casa da parte dei Rockets che sfruttano la serataccia di LaMarcus Aldridge (4/14 dal campo) e superano i Blazers; negli ultimi 7′ e mezzo i texani hanno messo al muro Portland con un complessivo parziale di 21-8 che li ha portati all’intervallo lungo sul 46-60. Da evidenziare l’ottima prestazione della panchina di coach McHale che ha tirato 24/43 (55%) con Chase Budinger autore di 22 punti.

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B