Rose è tornato, D-Will 38 al MSG, Spurs a forza 11!

Rosa torna col botto, Anthony e NY K.O contro Williams, sorridono Lakers e Mavs, Ellis ferma i Clippers, Spurs alla 11esima!

 

 

 

Chicago Bulls – Atlanta Hawks 90-79
CHI: Deng 10, Boozer 16, Brewer 13, Rose 23, Noah 5 (16 rimb), Lucas 10
ATL: Johnson 12, Smith 17 (12 rimb), Pargo 19

Dopo 5 gare d’assenza Derrick Rose torna e i Bulls ritrovano il successo archiviando in 24′ gli Atlanta Hawks; a 5′ dalla fine del primo quarto, sul 17-13 Bulls, Rose e Deng lanciano il parziale di 18-4 (con tre triple consecutive) per il 35-17 alla fine del primo periodo. Al riposo lungo Chicago guiderà di 18 (55-37) con D-Rose reo di 14 dei suoi 23 finali.

New York Knicks – New Jersey Nets 92-100
NYK: Anthony 11, Stoudemire 17, Chandler 14, Fields 10 (11 rimb), Lin 21
NJN: Stevenson 11, Humphries 14 (14 rimb), She.Williams 2 (10 rimb), Brooks 18, Williams 28

Ritorno in campo anche per Carmelo Anthony (11 punti con 4/11 dal campo) ma i Knicks cedono difronte ad uno strepitoso Deron Williams (38 con 10/22 dal campo); i Nets trovano il comando nel secondo quarto tenendo sempre almeno 8/10 punti di vantaggio, a rompere la partita è stato lo steso D-Will con 8 punti consecutivi (due triple nell’arco di 16″) a 3′ dalla fine del 3° quarto, +19 ospiti (59-78) e partita in gelo. New York, dopo un buon primo quarto è tornata alle vecchie usanze abbandonando le penetrazioni e affidandosi solo ai tiri dalla media.

Milwaukee Bucks – Orlando Magic 90-93
MIL: Ilyasova 15 (15 rimb), Leuer 10, Jennings 22, Sanders 13 (12 rimb), Dunleavy 18
ORL: Turkoglu 13, Anderson 9 (11 rimb), Howard 28 (16 rimb), Redick 11, Nelson 15, Davis 12

Vittoria esterna e di misura per i Magic sul campo dei Bucks; padroni di casa avanti 90-88 a 31″ dalla fine grazie al dumper di Jennings, risposta dei Magic con bomba di Anderson arrivata dopo un rimbalzo offensivo di Jameer Nelson. A 12″ Jennings perde palla e dalla lunetta Nelson sancisce il risultato finale. Vani i 3 tentativi (a vuoti) di Sanders negli utili 3″.

Houston Rockets – Memphis Grizzlies 97-93
HOU: Scola 10, Martin 22, Lowry 24
MEM: Gay 23, Speights 12, Gasol 11, Allen 10, Conley 16

Il duo Martin-Lowry (46 punti) fa ancora una volta le fortune dei Rockets, battuti stavolta i Grizzlies di Rudy Gay; Houston guida di 7 (91-84) a 2’20”, Memphis rimonta fino al -2 (91-89) con 27″ da giocare, da li in poi gli uomini di McHale non tremeranno dalla lunetta realizzando un 6/6 che spegnerà le speranza di Memphis.

Dallas Mavericks – Boston Celtics 89-73
DAL: Marion 11, Nowitzki 26 816 rimb), Terry 16
BOS: Pierce 20, Allen 15, Bradley 12

I Mavericks tornano subito in carreggiata e battono i Celtics, con quest’ultimi privi di Garnett (Infortunio) e Rajon Rondo (sospensione); Dirk Nowitzki decide la partita nel 2° quarto realizzando un personale break di 10-2 per il +14 (23-37) a 4’46” dall’intervallo, distacco mai più ricucito dai verdi.

Oklahoma city Thunder – New Orleans Hornets 101-93
OKC: Durant 31, Ibaka 9 (13 rimb), Perkins 5 (13 rimb), Westbrook 31
NOH: Kaman 12, Belinelli 10, Vasquez 15, Jack 18, Aminu 14

Italian Job: Belinelli 10 pt (2/6, 2/2 da 3), 2 rimb, 2 rec, 3 perse

La premiata ditta Durant-Westbrook, dopo i 91 contro Denver, stanotte ne ha confezionati ben 62 contro i New Orleans Hornets; primo tempo chiuso con 60 punti a referto per i Thunder con 22 di vantaggio (60-38), dopo 2’30” del 3° periodo il divario saliva a 26 punti (68-42).

Denver Nuggets – Minnesota Timberwolves 103-101 OT
DEN: Brewer 12, Faried 10 (14 rimb), Afflalo 20, Lawson 13, Miller 5 (12 ass), Harrington 31
MIN: Love 22 (13 rimb), Ridnour 12, Rubio 16, Beasley 17, Webster 10

Italian Job: Gallinari DNP

Vittoria di misura e al supplementari per i Nuggets contro i T-Wolves, con Big Al Harrington eroe del match; proprio una tripla dell’ex NY sigla la parità sul 93-93 a 1’39” dal termine dei regolamentari, addirittura Denver avrà ben 2 chance con Harrington e Afflalo di vincere ma nulla di fatto. Nell’overtime la svolta arriva a 33″ dal termine con Afflalo che realizza il canestro del +2 (97-95), Stone stoppa Beasley e dalla lunetta Brewer porta i suoi sul +4 (99-95) a 16″ dal termine. Vana al rimonta nel finale di Minnesosta.

Utah Jazz – San Antonio Spurs 102-106
UTA: Howard 12, Millsp 16 (11 rimb), Jefferson 20 (11 rimb), Harris 15, Miles 13
SAS: Duncan 20, Blair 15, Parker 23 (11 ass), Bonner 20, Neal 14

Neanche gli Utah Jazz sono riusciti a fermare la devastante marcia dei San Antonio Spurs, alla loro 11esima vittoria filata; successo arrivato nel finale anche per i texani e a decidere l’incontro è stata una tripla di Richard Jefferson a 6″ per il +5 Spurs (100-105)! Duncan e Parker combinano per 43 punti con Bonner che chiude con 5/6 da 3.

Phoenix Suns – Washington Wizards 104-88
PHX: Hill 11, Frye 19 (11 rimb), Gortat 20, Nash 12 (11 ass), Redd 14
WAS: Booker 16, McGee 10, Wall 10, Crawford 20, Mason Jr. 10

Seconda vittoria consecutiva invece per i Phoenix Suns che sull’asse Nash-Gortat superano i Wizzards; nel 3° periodo Phoenix realizza 16 punti consecutivi passano dal -1 (54-55) al +15 (70-55) in soli 4′, il parziale della frazione sarà di 32-13 tant’è che il vantaggio sarà di 24 lunghezze (85-61) ad inizio ultima frazione.

Los Angeles Lakers – Portland Trail Blazers 103-92
LAL: Gasol 16 (12 rimb), Bynum 14 (19 rimb), bryant 28m Blake 17
POR: Aldridge 18, Camby 5 (13 rimb), Batum 18, Crawford 15

Ai Lakers bastano solo 12′ per archiviare degli irriconoscibili Portland Trail Blazers; alla prima sirena il tabellone luminoso dice 29-7 Lakers con i Blazers che hanno tirato 2/22 dal campo, il vantaggio giallo-viola toccherà i 30 punti ad inizio della seconda frazione (37-7).

Golden State Warriors – Los Angeles Clippers 104-97
GSW: Lee 24 (13 rimb), Ellis 32, Curry 11, Udoh 19
LAC: Griffin 21, Foye 10, paul 24, Williams 22, Evans (12 rimb)

Monta Ellis si ricorda di essere un cannoniere e ne firma 32 a referto (11/20 dal campo) nella vittoria dei suoi Warriors contro i 67 punti del trio Griffin-CP3-Williams; a 2’21! Udh strappa un prezioso rimbalzo offensivo dal quale poi scaturirà la tripla di Rush per il sorpasso Golden State (98-97), i padroni di casa realizzeranno altri 6 punti che sanciranno il risultato finale.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B