Portland asfalta gli Spurs, splende Irving!

Portland massacra gli Spurs, Miami centra la sua 7ima vittoria consecutiva, Irving ancora decisivo, Indiana all’overtime mentre Phila in crisi.

 

 

 

Cleveland Cavaliers – Detroit Pistons 101-100
CLE: Jamison 32 (10 rimb), Irving 25, Gee 16 (11 rimb)
DET: Monroe 19 (11 rimb), Stuckey 16, Knight 24, Gordon 16

La stella di Kyrie Irving splende ancora e i Cavs battono i Pistons dell’altro rookie, Brandon Knight; finale in volata con Gee che a 25″ sbaglia il dumper, si prende il rimbalzo e schiaccia per il +2 Cavaliers (95-95), sul capovolgimento di fronte Ben Gordon sbaglia il layup del pareggio ed Irving non trema dalla lunetta per il +4 a 11″. Gordon si fa perdonare accorciando sul -2 ma, stavolta Gibson, gelerà il match dalla linea della carità.

Indiana Pacers – New Orleans Hornets 117-108 OT
IND: Granger 14, West 16, Hibbert 30 (13 rimb), George 20, Collison 18, Price 11
NOH: Ariza 21, Kaman 17, Belinelli 15, Jack 19 (10 ass)

Italian Job: Belinelli 15 pt (2/4, 3/7, 2/2), 6 rimb, 1 ass, 1 stop

È servito un supplementare agli Indiana Pacers di Roy Hibbert per aver la meglio sui coriacei Hornets; overtime raggiunto dagli ospiti grazie al dumper di Trevor rizza a 5″ dal termine dei regolamentari (100-100), George non troverà l’appuntamento col buzzer-beater. I primi 3′ dell’overtime sono decisivi in quanto Indiana piazza un 13-2 aperto con una tripla di Granger e chiuso con una schiacciata di Collison, 113-10 a 1’45” ed ennesimo K.O stagionale per New Orleans.

Miami Heat – Sacramento Kings 120-108
MIA: James 18, Bosh 20 (10 rimb), Wade 30 (10 ass), Chalmers 20, Haslem 10, Cole 12
SAC: Thornton 23, Thompson 16 (10 rimb), Evans 21 (10 ass), Thomas 24, Garcia 11

Per la prima volta in stagione Miami manda più di 3 uomini in doppia-cifra a referto (6 stavolta) e archivia i Sacramento Kings, quest’ultimi che hanno avuto ancora un’ottima prestazione da Isaiah Thomas; Miami va sotto nel 1° periodo (26-32), recupera e lotta punto a punto fino ad inizio dell’ultima frazione quando, con James e Wade in panchina, le seconde linee guidata da Chris Bosh brekkano 9-0 i Kings allungando sul +14 (106-92) dopo 5′ di gioco.

Memphis Grizzlies – Philadelphia 76ers 89-76
MEM: Gay 14, Speights 12, Gasol 15 (14 rimb), Mayo 13
PHI: Iguodala 11, Allen 14, Holiday 22

Quarta sconfitta consecutiva per i Philadelphia 76ers, stavolta caduti a Memphis; Philly chiude sotto di 20 il 1° quarto (30-10) per chiudere sotto solo di 5 (47-42) all’intervallo lungo. La partita si decide ad 8′ dalla fine, Memphis sempre a +5 (77-72) e per 3′ pieni nessuna delle due squadre trova il canestro, sarà una tripla di Rudy Gay a 5′ dalla fine che lancerà il parziale finale di 12-4.

Portland Trail Blazers – San Antonio Spurs 137-97
POR: Wallace 19 (10 rimb), Aldridge 21, Batum 19, Crawford 20, Felton 16, Matthews 11, Williams 17
SAS: Leonard 24 (10 rimb), Blair 10, Green 16, Joseph 13, Neal 13, Anderson 11

Greg Popovich decide di rinunciare Parker e Duncan e la striscia di 11 vittorie consecutive viene interrotta bruscamente dai Portland Trail Blazers; match già segnato nel primo quarto quando alla prima sirena il tabellone recita 41-23 Blazers, quarto chiuso con un 12-0 (tre triple di elton e 3 tiri liberi di Crawford) con 15 punti (su 20 finali) di Jamal Crawford. Portland chiuderà la partita col 59% dal campo contro il solo 38% dei texani, col 53% dalla lunga distanza (15/28) e con ben 31 assist contro i soli 13 di San Antonio.

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • Come si spiega questo crollo clamoroso degli spurs??? Duncan e Parker sono decisivi ma essere sul 41 a 23 nel primo quarto è davvero grave..