Nowitzki 40, Love 42 e i Thunder si fermano!

Il tedesco piega i Jazz, l’ex UCLA spaventoso a Portland, Oklahoma City si ferma ad Atlanta, bene Olrando e Washington.

 

 

 

Washington Wizards – Cleveland Cavaliers 101-98
WAS: Crawford 31, McGee 9 (12 rimb), Wall 24, Mason Jr. 11
CLE: Gee 11, Jamison 29, Hollins 15, Irving 20, Sessions 11

Washington rimonta, supera e nel finale trema contro i Cavaliers; nel primo quarto gli ospiti guidano di 9 (24-33) con Antawn Jamison già a quota 15 punti (su 29 finali), ad inizio 2° quarto Roger Mason segna i primi 9 punti dei suoi (con un gioco da 4 punti) riportando i capitolini in partita, la svolta arriva a metà dell’ultim frazione con un break di 8-2 (due triple di Crawford) per il +8 (92-84) a 5′ dal termine, vantaggio difeso fino alla fine malgrado il brivido finale a 1″ con Pakrer che ha avuto la palla del pareggio.

Atlanta Hawks – Oklahoma City Thunder 97-90
ATL: Smith 30 (12 rimb), Pachulia 10 (14 rimb), Hinrich 10, Teague 16
OKC: Durant 35, Ibaka 10, Westbrook 25, Harden 10

Russell Westbrook ha stretto i denti scendendo in campo e combinando 60 punti con Kevin Durant, ma la striscia di vittorie consecutive dei Thunder si è interrotta alla Philips Arena di Atlanta; a 7′ dalla fine Westbrook trova il pareggio (79-79) poi però per 3′ abbondanti i Thunder non trovano il canestro (0/5) e Atalnta scappa via sull’87-79 con 4’42” da giocare. Oklahoma con l’orgoglio arriva al -1 (89-88) ma la tripla di Josh Smith chiude i giochi a 2′ (92-88).

Orlando Magic – Milwaukee Bucks 114-98
ORL: Turkoglu 16, Anderson 16, Howard 28 (14 rimb), Richardson 18, Nelson 8 (10 ass), Redick 14, Duhon 12
MIL: Ilyasova 18, Delfino 10, Jennings 27

Gli Orlando Magic di Dwight Howard battono i Milwaukee Bucks grazie alla tripla di Duhon; infatti l’ex NY a cavallo tra il 3° 3 4° periodo h realizzato due triple nel break di 10-0 per il +12 (92-80) dopo 1’30” dell’ultima frazione, svantaggio mai più ricucito dagli ospiti.

Memphis Grizzlies – Detroit Pistons 100-83
MEM: Gay 15, Speights 16, Gasol 17, Allen 11, Conley 10 (12 rimb), Mayo 17, Pondexter 12
DET: Prince 13, Maxiell 10, Monroe 14 (11 rimb), Stuckey 20, Knight 15

I Grizzlies mandano ben 7 uomini a referto in doppia-cifra e archiviano i Pistons; match equilibrato ma rotto in due a 8’10” dalla fine, Memphis piazza un terrificante 17-0 in 5’40” che spinge gli uomini di Hollins sul +15 (93-78) a 2’30” segnando di fatto l’incontro, durante quei 5’40” Detroit ha tirato 0/6 con 5 perse e due infrazioni di 24″.

New Orleans Hornets – Indiana Pacers 84-102
NOH: Ayon 10, Kaman 10, Belinelli 15, Jack 18, Jones 12
IND: Granger 20, West 14 (13 rimb), George 11, Collison 13, Hill 10, Amundson 11 (10 rimb)

Italian Job: Belinelli 15 pt (4/10, 2/6, 1/4), 1 rimb, 2 ass

Danny Granger trascina i Pacers alla vittoria sul campo degli Hornets nel giorno del ritorno di David West; partita segnata da un 21-4 messo a segno nel 2° periodo dagli ospiti, la tripla sulla sirena di Collison ha dato il +17 (37-54).

Dallas Mavericks – Utah Jazz 102-96
DAL: Nowitzki 40, Terry 22
UTA: Howard 10, Millsap 24, Jefferson 11 (10 rimb), Miles 13, Favors 14

All’American Airlines Center di Dallas va in scena lo show di Dirk Nowiztki che, oltre a portarsi via il referto rosa, lo sporca con ben 40 punti (14/21 dal campo)! I Mavs dominano per 3 quarti tanto che entrano nell’ultimo vanti di 22 punti (77-55), ma Utah non ci sta e rimonta fino al -6 (89-83) con ancora 3’55” da giocare. Il tedesco si mette in proprio e il suo 4-0 spegne i sogni dei Jazz, poi nel finale Dirk e Terry non sbaglieranno dalla lunetta (6/6).

Portland Trail Blazers – Minnesota Timberwolves 110-122
POR: Wallace 25 (14 rimb), Aldridge 14, Batum 29, Crawford 23
MIN: Love 42 (10 rimb), Ridnour 1, Rubio 6 (12 ass), Webster 21, Williams 15

Sfortuna per Nowitzki che la miglior prestazione della notte gliel’abbia strappata Kevin Love, autore di 42 punti conditi da 10 rimbalzi nel successo T-Wolves al Rose Garden; a decidere il match però è stato il rookie Derrick Williams, sull’84-84 di inizio ultima frazione, Minnesota è scappata via con un break di 15-2 (86-99) con il rookie autore di 7 punti compreso il gioco finale da 4 punti per il +13.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B