Regular-Season finita, situazione conference!

Siamo giunti al termine della regular season, ecco quello che è successo nelle conference più importanti del college basketball

 

 

 

Atlantic Coast Conference
Forse la conference più importante del panorama collegiale, nessuna sorpresa in testa alla classifica con Duke e North Carolina a lottare per il primo posto con Florida State che ha aspettato invano qualche passo falso delle due Big che però non arriverà. La palma di miglior giocatore del campionato è una sfida a 3 fra Harrison Barnes, John Henson e Austin Rivers, con quest’ultimo leggermente indietro alle due star di North Carolina

Big 12
Nella Big 12 vince Kansas con due gare di vantaggio su Missouri che fino alle ultime partite è stata incollata ai JayHawks salvo poi perdere lo scontro diretto alla terzultima partita dopo 1 overtime sotto i colpi di Tyshawn Taylor a Thomas Robinson che si contenderanno il premio come MVP della conference. Qualche rimpianto per Baylor che dopo una partenza da record ha mollato un po nella seconda parte di stagione.

Big East
Conference a senso unico, Syracuse domina dalla prima all’ultima partita rischiando di fare la stagione perfetta senza sconfitte che però non si materializza causa sconfitta contro Notre Dame. Clamoroso crollo di Connecticut nella seconda parte di stagione che sprofonda in 10° posizione, da segnalare il netto miglioramento di South Florida che passa da 10-23 a 19-12. Per il premio di miglior giocatore il favorito è Darius Johnson-Odom.

Big 10
3 squadre con lo stesso record in conference, Ohio State, Michigan State e Michigan concludono con 13 vinte e 5 perse la stagione regolare, ma a vincere sono i Buckeyes di Ohio State grazie al miglior record generale. Da segnalare gli Indiana Hoosier e Cody Zeller che dopo un’inzio promettente vanificano il tutto perdendo qualche partita di troppo a gennaio. Jared Sullinger di Ohio State è il favorito numero 1 per vincere il premio di MVP della conference

Pac 12
Conference un po cosi…Ucla non è piu quella di qualche stagione fa e stenta a ritrovare il filo del programma, le altre squadre ne approfittano e a vincere la conference sono i Washingotn Huskies gia vincitori nel 2009. USC chiude con un pessimo 1-17 in conference dopo le annate di OJ Mayo e Hackett. Il freshman Tony Wroten è il candidato numero 1 per il giocatore dell’anno.

Southeastern Conference
Anche in questa conference si sfiora la perfect season, Kentucky chiude la conference imbattuta con 16 vittorie distanziando di 6 partite Tenneesse, Vanderbilt e Florida. L’unica sconfitta della R.S. arriva contro gli Indiana Hoosier del gia citato Cody Zeller. Il premio di miglior giocatore dell’anno, slavo clamorose decisioni dovrebbe essere di Anthony Davis autore di una stagione da grande protagonista.

Ohio Valley Conference
La vincente di questa conference è gia scritta dopo poche giornate, Murray State, trova pochi avversari lungo la sua regular season, l’esplosione di Isaiah Canaan, candidato al premio di miglior giocatore di conference, è stata fondamentale alla causa dei Racers. In questa conference è gia stato disputanto anche il torneo e la vincente è stata anche li Murray State che ha sconfitto in finale Tennesse State per 54-52 in una partita tiratissima

Missouri Valley Conference
Exploit di Doug McDermott in questa conference, il sophomore di Creighton è decisivo per le sorti della squadra di Omaha. Creighton rimane in testa per quasi tutta la stagione ma 3 sconfitte consecutive nelle prime partite di febbraio la fanno rallentare e Wichita state prende il comando della conference arrivando in 1° posizione con 2 gare di vantaggio. Il torneo di questa conference si è concluso domenica e Creighton ha portato a casa la vittoria dopo 5 stagioni. Doug McDermott è gia stato nominato MVP del Torneo e della Conference.

S.Bei

S.Bei

Sono di Rieti e ho una passione viscerale per il college basketball. Il mio giocatore preferito è Doug McDermott, non seguo particolarmente le vicende dei top team ma mi piace scovare giocatori promettenti nelle cosidette Mid-Major perchè a trovare il fenomeno a Kentucky, Duke o Louisville sono capaci tutti…il bello è trovarli dove non guarda nessuno! Nickname: Ste