I Clippers ne segnano 120, cadono i Thunder

Vincono bene sia i Lakers che i Clippers a San Antonio trascinati da Paul. Cadono in casa i Thunder per mano dei Cavs, ok Boston, Denver e Phila.

 

 

 

 

Philadelphia 76ers – Utah Jazz 104-91
PHI: Iguodala 10 (10 ass), Turner 16 (12 rimb), Holiday 16, Williams 21, Young 21
UTA: Millsap 15, Jefferson 14, Harris 10, Favors 14, Hayward 13

Thaddeus Young e Lou Williams con 21 punti a testa segnano la gara contro gli Utah Jazz. Iguodala con 5/5 dal campo e 10 assist da il là ad inizio secondo tempo sul 49 pari all’allungo dei 76ers che chiuderanno i conti a 2’ dalla fine sul +15 (100-85).

Charlotte Bobcats – New Jersey Nets 74-83
CHA: Maggette 19, Biyombo 11 (11 rimb),
NJN: Humphries 20 (15 rimb), Morrow 17, Farmar 11

Senza Brook Lopez i Nets espugnano comunque la Time Warner Cable arena grazie alla doppia-doppia di un grande Kris Humphries (20+15). Padroni di casa in partita fino agli ultimi cinque minuti, poi ricordandosi di essere la peggior franchigia della lega, mettono la bellezza di due soli canestri negli ultimi minuti sei di gara, consegnando di fatto la vittoria agli ospiti.

Boston Celtics – Portland Trail Blazers 104-86
BOS: Pierce 22, Garnett 10, Allen 22, Pavlovic 10, Bradley 12
POR: Aldridge 22, Matthews 10, Babbitt 10

Ventunesima vittoria peri Celtics di Doc Rivers che trainati dal trio Pierce, Allen, Garnett battono i Blazers del solo LaMarcus Aldridge (22). Decisivo per i padroni di casa il parziale di 46-13 (!!) tra la fine del primo quarto e l’inizio del terzo. Tutto il disappunto lo mostra al termine della gara coach McMillan: “Abbiamo avuto un approccio poco professionale alla gara e per larghi tratti della partita non abbiamo giocato a basket contro i Celtics”.

Detroit Pistons – Atlanta Hawks 86-85
DET: Prince 17, Maxiell 19 (12 rimb), Monroe 20, Stuckey 11, Jerebko 10
ATL: Williams 16, Smith 21, J. Johnson 18, I. Johnson 10

Emozioni forti al Palace of Auburn Hills dove I padroni di casa vincono al photo finish contro gli Hawks. Partita equilibrata fino a 24” dal termine quando Tayshaun Prince piazza il jumpshot del +1 Detroit. A 1” dalla fine dopo una difesa perfetta, Joe Johnson spara sul ferro il tiro dell’ave maria e il tap in di Monroe arriverà dopo la sirena consegnando così la quattordicesima vittoria ai Pistons.

Oklahoma City Thunder – Cleveland Cavaliers 90-96
OKC: Durant 23, Ibaka 13, Westbrook 19, Harden 15
CLE: Parker 14, Hollins 11, Jamison 21, Gee 12, Sessions 10

Nona sconfitta per i Thunder (la seconda in casa, dopo quella subita per mano di Portland il 3 gennaio) di un opaco KD (9/18 dal campo). Il rookie Kyrie Irving ne mette solo 9 ma negli ultimi due minuti inizia il parziale di 12-0 con un assist per Jamison e due jump shot che deciderà la gara in favore degli ospiti.

Minnesota Timberwolves – Los Angeles Los Lakers 102-105
MIN: Johnson 11, Williams 22 (10), Pekovic 25 (13), Ridnour 10, Rubio 15 (10 ass), Beasley 15
LAL: Gasol 12 (11 rimb), Bynum 26 (10), Bryant 34,

Decisivo ancora una volta il Black Mamba per i Lakers che chiudono il giro di tre trasferte consecutive con una bella vittoria nel finale sui T-Wolves. Padroni di casa privi di Kevin Love (dolore alla schiena) che mandano comunque in doppia cifra ben sei uomini, il doppio dei giallo viola. Partita decisa negli ultimi minuti, dopo il jump shot di Pekovic del +1 Minnesota (102-101) Bryant va due volte in lunetta, fa un 4/4 glaciale e Ridnour manderà sul ferro il tiro da tre punti che sarebbe valso il supplementare.

Milwaukee Bucks – New York Knicks 119-114
MIL: Jennings 25 (10 ass), Ilyasova 26, Delfino 14, Gooden 12, Dunleavy 25
NYK: Anthony 22, Lin 20 (13 ass), Fields 18, Stoudemire 27

Il trio Jennings-Ilyasova-Dunleavy ne segna 76 per i padroni di casa, condannando i Knicks alla quarta sconfitta consecutiva in trasferta e portandosi a -2 lunghezze dall’ottavo posto ad est, occupato proprio dagli arancio-blu.
Decisiva nel finale una serie di presunti tiri da tre da parte di Anthony e Lin che però, causa piede sulla linea, varranno solo due punti; una differenza che nel finale di gara giocherà a sfavore della squadra di Mike D’Antoni.

Sas Antonio Los Spurs – Los Angeles Clippers 108-120
SAS: Duncan 17, Green 16, Neal 18, Ginobili 22, Leonard 10
LAC: Butler 14, Griffin 15, Foye 15, Paul 36 (11 ass), Williams 33

Cadono in casa gli Spurs privy di Parker ma con un grande Ginobili (22) per mano dei Clippers del mostruoso duo Chris Paul – Mo Williams (69 punti). Nelle ultime gara la squadra di Popovich aveva avuto la meglio grazie al tiro dalla distanza, mentre questa volta i losangelini hanno difeso alla grande sul perimetro lasciando indietro già i texani ad inizio seecondo quarto con un break di 15-3; vantaggio che verrà gestito fino alla fine.

Denver Nuggets – New Orleans Hornets 110-97
DEN: Nene 12, Afflalo 28, Lawson 11, Harrington 20 (10 rimb)
NOH: Kaman 10, Belinelli 12, Jack 17, Thomas 18, Henry 12

Italian Job: Gallinari 9 pt (2/5, 1/5, 2/4) 3 rimb, 2 ass, 1 persa / Belinelli 12 pt (2/6, 2/6, 2/2), 2 rimb, 3 ass, 1 persa

Vincono bene I Nuggets trascinati da Arron Afflalo e Al Harrington (48). Sull’81-74 nell’ultimoperiodo, una tripla di Harrington e punti di Afflalo e Nene manderanno i titoli di coda per l’allungo decisivo (95-78) non colmato dagli Hornets.

Sacramento Kings – Dallas Mavericks 110-97
SAC: Evans 17, Greene 11, Cousins 15, Thornton 17, Thomas 14, Garcia 10, Salmons 10
DAL: Marion 14, Nowitzki 13, Mahinmi 12, Terry 23

Bella vittoria per I Kings che mandano tutto il quintetto base in doppia cifra per avere la meglio sui Mavericks di Jason Terry (23) e di uno spento Dirk Nowitzki (13). Padroni di casa che prendono il largo già nel primo tempo e nel finale sul 108-89 amministraranno la gara consentendo ai texani solo di rendere il passivo meno pesante.

-Ns-

N.S

N.S

Sangue Romagnolo ma cresciuto 19 anni a Como, si innamora della palla a spicchi nell’ormai preistorico 2001 (militando in squadra con FMB), al Pianella di Cantù per il derby contro i cugini varesotti. Tifoso Lakers, Packers e del Cesena calcio, venera Jason Williams, le IPA fortemente luppolate e la jersey viola dei Raptors di Damon Stoudamire. Nickname: N.S