Anthony cede: “Non c’è feeling in campo”

L’ex Nuggets ammette le difficoltà che lui in primis e i suoi Knicks stanno affrontando in questo terribile mese.

Nella notte i New York Knicks versione “Noche Latina” hanno loto il loro 6° K.O consecutivo allo United Center di Chicago, in questo mese il record è di 0 vittorie e appunto 6 sconfitte per di più nella Eastern Conference si sono fatti raggiungere dai Milwaukee Bucks (18-24) all’8° posto!

Carmelo Anthony (27 anni) ha chiuso stanotte a referto con 21 punti e 8/21 dal campo, le critiche all’ex Nuggets iniziano a farsi sempre più insistenti e lui non può fare altro che ammettere i problemi: “Brutta storia la situazione in cui ci troviamo ora” aggiungendo: “Non è una c’è una buona sensazione in questo momento, specialmente per come perdiamo queste partite,  speriamo di risorgere nei prossimi giorni ma stanotte non ho avuto una buna sensazione”.

Dal duo ritorno i Knickerbockers hanno vinto solo 2 partite su 8: “Dobbiamo tornare a giocare insieme, di squadra, e non perderci di morale” concludendo desolatamente: “Siamo in un brutto periodo, non c’è molto ottimismo nell’aria, non abbiamo altra scelta che continuare a giocare e sperare che le cose vadano per il meglio”.

Non ci sono rumors che momentaneamente coinvolgono direttamente la franchigia della Grande Mela, CLICCA QUI per ascoltare il flash-podcast sulla situazione attuale della banda di Mike D’Antoni.

SHORT NEWS: WARRIORS, SPUNTA BOGUT! L.A NON MOLLA RONDO

 

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • XaNdEr86

    Qualcuno aveva qualche dubbio sul fatto che appena ritornato Melo i Knicks si sarebbero inceppati…è normale Melo è un grandissimo talento effensivo ma è l’antitesi del gioco di D’Antoni,lui vuole la palla in mano vuole giocare in isolamento non vuole correre in campo aperto praticamento fa l’opposto dei principi su cui dovrrebbe essere ‘basato’ l’attoco di NY.