Rivers vuole essere protagonista al Draft!

La guardia ormai ex Duke non si vuole accontentare di una scelta secondaria e punta e crede die sere tra le prime.

In questa march-madness la presenza dei Blue Devils di coach Krzyzewski è durata appena una notte visto che si son fatti eliminare al 1° da Lehigh, un gran peccato visto che in molti volevano vedere all’opera il giocator rivelazione di Duke, Austin Rivers (19 anni).

Il figlio del coach dei Boston Celtics ha giocato una stagione di alto livello culminata col clamoroso buzzer-beater rifilato in casa dei Tar Heels, in molti si aspettavano una sua conferma in NCAA giocando un altro anno da sophomore sotto gli ordini di coach K ma “Subzero” non vuole perdere altro tempo; settimana scorsa ha ufficialmente dichiarato che entrerà al prossimo Draft, i mock-draft per ora non lo danno nelle primissime scelte ma lui ha molta fiducia nei suoi mezzi e vuole puntare in alto: “Ho molte possibilità di essere essere li in cima, devo solo continuare a lavorare duramente” ha dichiarato all’Orlando Sentinel.

La scelta di passare subito nei Pro è stata studiata e decisa insieme al padre e Austin non si nasconde: “Sono migliorato molto in questa stagione e sono lanciato nel fare molto bene, mi allenerò molto e se ci si allena con giusto metodo e mentalità possono nascere ottime cose” infine ha aggiunto: “Alla fine della giornata saranno i Gm e gli osservatori che decideranno o reperiranno se valgo o no”.

In questa sua unica stagione a Duke Rivers ha viaggiato con 15.4 punti, 3.4 rimbalzi e 2.1 assist.

Intanto Coach K potrebbe ricevere un nuovo gioiello da tirar su, infatti Shabazz Muhammad ha fatto sapere che l’11 di aprile prenderà la sua decisione e le tre squadre finaliste nella sua scelta sono UCLA, Kansas e proprio Duke!

ROAD TO FINAL 4, LE SEMIFINALI!

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B