Los Angeles Lakers-New Orleans Hornets 88-85

Bryant gioca la peggior partita dell’anno ma è lui a deciderla con l’aiuto di Bynum, vana l’ottima prestazione di Jack e degli Hornets.

 

 

 

Los Angeles Lakers – New Orleans Hornets 88-85 (20-14; 43-39; 61-67)

Lakers: World Peace 8, Gasol 21 (11 rimb), Bynum 19 (10 rimb), Bryant 11, Sessions 10 (10 ass), Blake 9, Barnes 8, McRoberts 2, Ebank ne, Goudelock ne, Morris ne, Murphi ne.
All. Brown

Hornets: Aminu 10, Thomas 6, Smith 17 (10 rimb), Belinelli 8, Jack 18 (10 ass), Johnson 6, Henry 8, Vasquez 12, Ariza ne, Kaman ne, Okafor ne.
All. Williams

Top performance:
Rimbalzi: Gasol 11 (2 off, LAL)
Assist: Sessions 10 (LAL)
Recuperi: Aminu 4 (NOH)
Palle perse: Gasol 3 (LAL)
Stoppate: Gasol 2 (LAL)

MVP: Kobe Bryant (LAL) 11 punti (3/13, 1/8, 4/5), 3 rimbalzi (1 off), 5 assist, 3 recuperi, 1 persa

Italian Job: Belinelli 8 pt (2/8, 1/4, 1/2), 3 rimb, 3 ass, 1 rec, 1 persa

I Tempo

L’orario di gioco (12:30 a L.A) non favorisce di certo il gioco e, come spesso accade, le percentuali dal campo sono le prime a risentirne infatti gli Hornets (privi di Gordon, Ariza, Kaman e Okafor) nei primi 6’ del 1° quarto sparano a salve, specie Jack e il Beli; World Peace a 7’40” segna una tripla dall’angolo sulla sirena dei 24”, da li un break di 13-0 Lakers chiuso proprio con una boma del “fu” Ron Artest, 20-6 giallo-viola a 5’10” dalla prima sirena.
Con l’entrata delle seconde linee i padroni di casa mollano un po’ la presa senza più segnare e consentono agli avversari di finire il primo quarto sotto solo di 6, per Jarret Jack 6 punti con 3/8 dal campo mentre 0 punti (0/5) per Kobe.

Nel secondo quarto si sblocca Belinelli segnando in contropiede il canestro del -5 (25-20) dopo 3’ con il 2° quintetto di Brown che continua a faticare. Steve Blake scalda mano segnano 3 triple in 3’ e riportando la doppia-cifra di vantaggio (34-24) a 7’54”, New Orleans torna a tirare a salve (campo e liberi) ma alla fine al riposo lungo sono sotto di 4.

I Numeri all’Intervallo

– Top Scorer del match Pau Gasol con 12 punti ()
– Kobe Bryant 0 punti con 0/7 dal campo (non gli succedeva dall’11/04/2004)
– Per gli Hornets 12 punti per la coppia Henry-Vasquez
– Battaglia a rimbalzo equilibrata (21-16) mentre negli assist 15 a 6 per i giallo-viol

II Tempo

Kobe continua il suo calvario col canestro con l’attacco di Brown totalmente statico ed affidato agli 1 Vs 1 di Gasol, dopo 4’ arriva il sorpasso ospite (47-48) con una schiacciata in campo aperto di Aminu.
Il Beli torna a bruciare la retina e lo fa col marchio di fabbrica, dopo l’ennesimo attacco pietoso dei Lakers, l’ex Fortitudo spara la tripla del primo allungo Hornets, 54-58 a
3’48” dalla sirena della terza frazione.

New Orleans non si scioglie e riesce a chiudere avanti 61-67 e Bryant è 0/15 dal campo!!!!

Inizio di 4° con 4-0 Hornets, +10 e fischi del pubblico dopo appena 50” di gioco, Brown chiama in panchina Bynum dopo 3’ con gli ospiti che prendono fiducia tenendo 10 punti di vantaggio anche grazie alla difesa a zona.

A 7’31 inizia la partita di Kobe Bryant, jumper del -8, gioco da 3 punti e assist per Bynum per il -5 (72-77) a 5’58”, il #24 ha anche nelle mani il tiro del -3 ma il suo tentativo va sul secondo ferro.

Nell’ultimo minuto e mezzo succede di tutto; a Vasquez viene fischiata un’irregolarità per aver preso un rimbalzo offensivo dopo esser uscito dal campo, Bynum schiaccia il -3, Barnes recupera e Bryant fa 1/2 dalla lunetta: 81-83 a 56”.

Vasquez sbaglia la tripla-killer piedi a posto e poi……..Kobe, forzato, da 3 e sorpasso Lakers (11 punti tutti negli ultimi 6’)!!!!!
Jarret Jack si prende l’ultimo tiro ma la sua entrata non trova gloria, Barnes subisce fallo e non trema dalla linea della carità, rimessa Hornets inguardabile e vittoria giallo-viola.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B