Rondo demolisce gli Heat, Bryant ne fa 40

Oklahoma vince lo scontro al vertice con Chicago, Rondo tripla-doppia contro Miami, Indiana all’over time e Bryant 40!

 

 

 

OKLAHOMA CITY THUNDER – CHICAGO BULLS 92-78

Boston Celtics – Miami Heat 91-72
BOS: Pierce 7, Bass 16 (10 rimb), Garnett 10, Bradley 13, Rondo 16 (11 rimb, 14 ass)
MIA: James 23, Wade 15, Battier 11

Un super Rajon Rondo, da tripla doppia (16+11+14), demolisce letteralmente degli irriconoscibili Miami Heat, ai quali è evidentemente mancato il supporting cast a Lebron James (20 punti) e Chris Bosh (4 punti con 2/11 dal campo). La gara è completamente girata all’uscita dagli spogliatoi dopo l’intervallo lungo, sul 51-48, Rondo da in là ad un parziale devastante di 29-8, che permette ai Celtics di andare all’ultimo riposo sul +24; nell’ultima frazione gesticono bene il vantaggio.

Toronto Raptors – Washington Wizards 99-92
TOR: Bargnani 18, DeRozan 15, Calderon 15, A.Johnson 10
WAS: Singleton 15, Vesely 10, Seraphin 16, Crawford 18, Wall 13 (11 rimb), Mason Jr. 12

Italian job: Bargnani 18 pt (6/12, 0/3, 6/6), 8 rimb, 4 ass, 3 rec, 1 persa

Il nostro Andrea Bargnani conferma l’ottimo momento di forma sfiorando la doppia doppia, e trascina alla vittoria i Toronto Raptors contro dei buoni Washington Wizards, i quali vanno con ben 6 uomini in doppia cifra. Nell’ultimo e decisivo quarto, dopo essere stati sotto di 15 punti, i Wizards piazzano un parziale di 15-7 tornando in partita a 2′ dalla fine (89-86); ma Johnson a 1.03 dalla sirena piazza una schiacciata che indirizza definitivamente la gara, negli ultimi secondi Forbes e Anderson mettono in ghiaccio dalla lunetta il match.

Orlando Magic – Denver Nuggets 101-104
ORL: Turkoglu 11, Anderson 20, Davis 18 (16 rimb), Nelson 27, Redick 15
DEN: Afflalo 22, Lawson 25, Harrington 18, Miller 15

Per la prima volta in stagione Dwight Howard salta salta una gara e gli Orlando Magic ne risentono, subendo una sconfitta in casa sanguinosa contro i Denver Nuggets di Lawson e Afllalo (25+22). Nell’ultimo quarto dopo un equilibrio sostanziale, i Nuggets vanno avanti, anche d 7 punti, i Magic non mollano la presa senza però riuscire mai a capitalizzare la rimonta, e Miller è freddo dalla lunetta chiudendo il match.

Italian Job: Gallinari DNP

Houston Rockets – Indiana Pacers 102-104 OT
HOU: Granger 32, West 12, Hibbert 15, Collison 11, Barbosa 10
IND: Parsons 14, Scola 13, Camby 10, Lee 20, Dragic 22

Gli Indiana Pacers di un ottimo Danny Granger (32 punti) espugnano il Toyota Center di Houston, tenendo il passo dei Boston Celtics in chiave 4° posto ad Est, tutto questo dopo un over time. I Rockets hanno chiuso il terzo quarto avanti di 10 punti e sembrano aver indirizzato il match, ma Indiana rimonta, Collison ha la possibilità a 14″ dalla sirena finale di mettere un possesso pieno di vantaggio tra le due compagini ma fa 1/2 ai liberi invece Dragic non trema subito dopo dalla lunetta e porta il match all’over time. George e Granger partono forte nell’over time dando il +6 ai Pacers (95-101 a 2.03 dalla sirena), Dragic e PArsons non ci stanno e a 39″ dalla fine trovano il -1 (100-101); dopo un paio di liberi di Granger e un lay-up di Parsons, Collison trema ancora dalla lunetta facendo 1/2, ma sulla sirena Granger stoppa da tre punti Parsons chiudendo il match.

Phoenix Suns – New Orleans Hornets 92-75
PHO: Brown 16, Frye 14 (11 rimb), Gortat 13, Dudley 21, Lopez 10
NOH: Smith 14, Belinelli 14, Jack 13

Vittoria abbastanza agevole per i Phoenix Suns contro i New Orleans Hornets del nostro Marco Belinelli (14 punti), grazie ad una doppia doppia di Frye (14+11) e ad una buonissima prova di Shannon Brown (16 punti). All’intervallo lungo i Suns sono avanti di 9 lunghezze (50-41) alla ripresa del gioco piazzano un parziale di 16-6, dal quale gli Hornets non si riprendono più.

Italian Job: Belinelli 14 pt (5/10, 1/4, 1/1), 7 rimb, 1 ass

Portland Trail Blazers – Minnesota Timberwolves 119-106
POR: Batum 24, Hickson 15, Aldridge 26, Matthews 18, Felton 10 (11 ass), Crawford 12
MIN: Williams 21, Love 26, Ridnour 21, Ellington 12

Vittoria casalinga per i Portland Trail Blazers del solito LaMarcus Aldridge (26 punti), sui Minnesota Timberwolves, ai quali non basta Kevin Love e Luke Ridnour (26+21). La gara è girata nel terzo periodo quando sul +7 Blazers, Batum capitalizza dalla lunetta un gioco da 4 punti per poi propiziare con una stoppata un contropiede chiuso in schiacciata da Aldridge, i Wolves non hanno le energie sufficienti per tentare la rimonta nell’ultimo e decisivo quarto.

Los Angeles Lakers – Golden State Warriors 120-112
LAL: Gason 26 (11 rimb), Bryant 40, Sessions 23
GSW: Wright 14, Lee 27, Thompson 18, Jenkins 10, Jeffersons, Robinson 17

C’è bisogno di un Kobe Bryant da 40 punti ai Los Angeles Lakers per avere la meglio dei Golden State Warriors, di un David Lee da 27 punti. I losangelini continuano nella loro discontinuità all’interno dei 48′, in quanto la partita già a fine terzo periodo poteva essere chiusa a loro favore (89-76), nell’ultimo periodo i Warriors arrivano a -3 grazie ad un gioco da tre punti di Lee (115-112 a 1.21 dalla sirena finale), poi c’è un botta e risposta di Bryant e Jefferson; subito dopo ci pensa Metta World Peace con una tripla a spegnere le speranze di rimonta Warriors (118-112 a 1.09 da giocare), i Warriors non torvano più la via del canestro.

 

Nico P

Appassionato di ogni tipo di sport, con il basket a svettare nella sua classifica, tifo Lakers e Broncos con la preferenza sempre verso la squadra più debole. Nickname: Nico P