Rivincita Heat, Spurs sul filo, derby ai Lakers

Bargnani ancora super, Miami si rifà sui Thunder, Spurs, Suns e Warriors vittorie in volata, Ellis batte Cleveland, Hollywood ai Lakers!

 

 

 

Philadelphia 76ers – Toronto Raptors 78-99
PHI: Brand 20, Hawes 10, Holiday 20
TOR: Anderson 13, Bargnani 24, DeRozan 18, Calderon 12 (13 ass), Davis 4 (14 rimb), Kleiza 10

Italian Job: Bargnani 24 pt (5/8, 3/7, 5/5), 5 rimb, 2 ass, 2 perse

Altra vittoria per i Raptors di un ormai ritrovato Andrea Bargnani, reo di 24 punti a casa dei Sixers; padroni di casa che stanno in partita fino a 2’46” dalla fine del 3° quarto (71-75), poi crollo vertiginoso per gli uomini di coach Collins che realizzeranno solo 7 punti (13 errori consecutivi al tiro) nel 4° contro i 20 dei canadesi.

Washington Wizards – Indiana Pacers 96-109
WAS: Seraphin 19 (10 rimb), Crawford 28, Wall 13, Cook 10
IND: Granger 20, Hibbert 13, Collison 17 (11 ass), Hansbrough 14, Barbosa 14

Gli Indiana Pacers di Danny Granger consolidano sempre più il loro 3° posto ad Est vincendo nella capitale; al riposo lungo Indiana guida solo di 1a lunghezza (51-52) poi nel 3° periodo tira 16/22 dal campo e con un 8-1 a 2’18” dalla sirena riesce a toccare il +13 (71-84), Washington non andrà le forze per rimontare.

Boston Celtics – San Antonio Spurs 86-87
BOS: Pierce 15 (10 rimb), Garnett 16, Rondo 17 (11 ass), Bradley 19
SAS: Duncan 10 (16 rimb), Green 14, Parker 10, Bonner 10 810 rimb), Neal 13

Neanche i Celtics sono riusciti a stoppate la corazzata di Greg Popovic, alla sua 9^ vittoria consecutiva; a 3′ dalla conclusione Bass sigla il +2 Boston (83-81) poi black-out per i verdi che subiscono un 6-0 chiuso con un dumper di Bonner a 46″ per il +4 (83-87). I Celtics trovano subito la tripla con Ray Allen e, a 15″, hanno anche la palla per la vittoria ma il fade-away di Pierce non andrà a segno.

Atlanta Hawks – Charlotte Hawks 120-93
ATL: J.Johnson 16, Smith 24, Teague 17, Williams 14, Green 17, Pargo 12
CHA: Williams 10, Henderson 15, Brown 11, Walker 21, Carroll 12

Agli Atlanta Hawks basta un super 2° quarto per archiviare la pratica Bobcats; dopo aver chiuso la prima frazione avanti di 2 (27-25), i falchi scappano via a metà del 2° piazzando un break di 16-7 per il +16 (57-41) che di fatto segna la partita.

Miami Heat – Oklahoma City Thunder 98-93
MIA: James 34 (10 ass), Bosh 12, Wade 19, Chalmers 13
OKC: Durant 30, Westbrook 28, Harden 12

I Miami Heat e LeBron James si prendono la loro rivincita sui Thunder vincendo il 2° scontro diretto stagionale; Oklahoma comanda per gran parte del primo tempo toccando diverse volte la doppia-cifra di vantaggio poi arriva la svolta pro-Miami, a 5’45” dall’intervallo Perkins commette un antisportivo su Wade e da li Miami entra in partita e con un 7-2 negli ultimi 2′ trova il vantaggio sul 50-49. Il match prosegue sul filo dell’equilibrio tanto che a 2’34” Durant schiaccia per il -1 (94-93) e a 1’30” OKC ha la palla del sorpasso, Miami piazza una signor difesa e fa commettere la violazione de 24″. Sul capovolgimento di fronte Wade assiste Bosh per il dumper che +3 a 62″ dal termine, Perkins fa 0/2 dalla lunetta, James sbaglia a sua volta ma la tripla sbagliata da KD a 16″ segna di fatto le ostilità. James e Durant chiudono rispettivamente con 10/20 e 11/21 dal campo, male Westbrook on 9/26!

Milwaukee Bucks – Cleveland Cavaliers 107-98
MIL: Ilyasova 18, Udoh 11, Ellis 30, Jennings 19, Udrih 11
CLE: Gee 12, Jamison 17, Thompson 12, Parker 27, Sloan 12

I Bucks di Monta Ellis sfruttano l’assenza di Kyrie Irving nelle file dei Cavs per vincere e tenere ancora acceso il lumino per la post-season; partita già indirizzata dopo i primi 12′ con gli ospiti avanti di 15 punti (14-29). Cleveland arriva fino al -6 (87-93) a 3’26” ma Ellis realizzerà gli ultimi 14 dei suoi rispondendo ad ogni canestro degli avversari.

New Orleans Hornets – Denver Nuggets 94-92
NOH: Ariza 15, Smith 10, Kaman 14 (10 rimb), Gordon 15, Vasquez 11 (10 ass), Landry 12
DEN: Faried 13, Afflalo 15, Lawson 22, Harrington 14

Italian Job: Belinelli 5 pt (1/4, 1/3 da 3), 1 rimb, 2 ass, 1 rec / Gallinari DNP

Ritorno col botto per Eric Gordon, oltre ai 15 punti a referto, l’ex Clippers ricomincia da dove aveva lasciato ovvero decide la partita nel finale; con un 5-0 in 10″ Denver impattava a quota 92, ultima azione Hornets e fallo di Afflalo su Gordon quando sul cronometro mancano solo 2″, la guardia non trema e il suo 2/2 decide l’incontro.

Minnesota Timberwolves – Golden State Warriors 94-97
MIN: Johnson 12, Love 29 (12 rimb), Pekovic 10, Barea 15, Ellington 17
GSW: Wright 11, Lee 31, Thomspon 13, Jenkins 19, Jefferson 13

Anche a Mineapolis finale in volata tra T-Wolves e Warriors che ha visto gli ospiti scamparla; Barea segna da 3 per il pareggio sul 94-94 a 1’24” dalla conclusione, Love sbaglia a 40″ il jumper del sorpasso mentre Jenkins non sbaglia il layup del +2 a 20″. Nell’ultimo possesso sarà Barea a prendersi il tiro ma anche per lui niente fortuna, basterà 1 libero sempre a Jenkins per segnare la fine a 1″.

Dallas Mavericks – Memphis Grizzlies 95-85
DAL: Marion 16, Nowitzki 23 (10 rimb), West 14, Terry 15, Mahinmi 4 810 rimb)
MEM: Gasol 10, Conley 11, Mayo 17

Altra rimonta vincente per i Mavericks che rimontano nell’ultimo periodo contro i Grizzlies; a 9’39” Memphis è avanti 68-73 poi buoi totale per gli uomini di Hollins che in 6′ subiscono un terrificante 21-4 di parziale che da il +12 (89-77) ai texani.

Utah Jazz – Phoenix Suns 105-107
UTA: Miles 22, Millsap 25, Jefferson 16, Hayward 20 (10 rimb)
PHX: Dudley 10, Frye 13, Gortat 14, Brown 11, Nash 13, Redd 19, Morris 11

I Suns mandano 7 giocatori in doppia-cifra a referto ma è il sempre e solo Steve Nash che decide la sfida; a 9″ dalla fine Jefferson segna il pareggio sul 105-105 poi Steve si inventa il jumper della vittoria con 1″ sul cronometro, Miles cercherà l’appuntamento col buzzer -beater ma niente da fare.

Portland Trail Blazers – New Jersey Nets 101-88
POR: Batum 20 (10 rimb), Aldridge 24, Felton 14, Hickson 18
NJN: Humphries 21 (11 rimb), Morrow 20, Green 20

Ritornano al successo i Blazers e lo fanno con l’accoppiata Batum-Aldridge; incontro avvincente che vede gli ospiti in partita nel 4° periodo, a 3’40” (89-96) Portland decide di chiudere i giochi piazzando un 9-0 per il +12 a 1’20”.

Los Angeles Clippers – Los Angeles Lakers 108-113
LAC: Butler 28, Griffin 15 (14 rimb), Jordan 11 (13 rimb), Foye 11, Paul 22 (16 ass), Young 13
LAL: Gasol 12, Bynum 36, Bryant 31, Sessions 16

Ritorno sfavillante per Andrew Bynum (36 punti con 13/20 dal campo) che trascina, con Kobe, i Laers alla vittoria nel 3° derby dell’anno contro i Clippers, ai quali non è stata sufficiente la straordinaria doppia-doppia di Chris Paul; tanto per cambiare il “Black Mamba” ci mette lo zampino, dopo il fade-away di CP3 per il -2 Clips a 42″ (108-106), Bryant risponde immediatamente col tiro del +4, Paul d’orgoglio cerca la tripla del -1 ma non la troverà e Bynum con un libero darà il +5 a 18″.

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • mik

    1) Peccato per gli infortuni che hanno bloccato il Mago quest’anno, perchè mi sembra che sia il suo anno migliore, cresciuto in entrambi i lati del campo. Speriamo che questo finale di campionato gli permetta di approdare in qualche franchigia un po’ più competitiva.
    2) A me gli Spurs mettono paura. Con gli scambi che hanno fatto sono tornati in corsa. Hanno esperienza, grandi giocatori e una panchina che li supporta alla grande. Per me gli outsider della fase finale.
    3) Per a me a Miami ce n’è uno di troppo!!
    4) Los Angeles le sta vincendo tutte, ma se le deve sudare giorno dopo giorno… in che stato arriveranno ai PO?!?