Woodson resta a NY, Smith-Van Gundy alla fine?

I Knicks vicini alla conferma dell’allenatore, ad Orlando si riflette sul futuro, Gay premiato, astio ad Utah tra Bell e Corbin.– La permanenza di coach Mike Woodson sulla panchina dei New York Knicks potrebbe prolungarsi, malgrado l’uscita per 4-1 contro gli Heat al primo turno dei Playoffs, la dirigenza dei Knickerbockers tramite il GM Glen Grunwald è stata convinta e sta valutando l’estensione del contratto. Si suppone che si vada per un contratto triennale.

– Chi invece potrebbe lasciare la panchina a fine stagione è coach Stan Van Gundy degli Orlando Magic; malgrado le continue telefonate con Dwight Howard (26 anni) durante la serie con i Pacers e malgrado la sua voglia di rimanere, i piani alti dei Magic sono più propensi per un “Grazie e arrivederci!”; ma non solo coach Stan potrebbe lasciare la Florida, anche il GM Otis Smith è molto vicino alla porta d’uscita e si fa già il nome del suo sostituto, un ex giocatore dei Magic, Adonal Foyle, anche se ha smentito di esser stato cercato.

Nicolas Batum (23 anni) strizza l’occhiolino ai San Antonio Spurs dicendo che potrebbero essere un’opzione che terrà in considerazione quest’estate quando sarà free-agent.

Rudy Gay (25 anni) è stato premiato con il “Community Assist Award” per il su, essendo che il suo numero è il #22o impegno nel sociale; la stella dei Grizzlies infatti ha donato al St. Jude Children’s Research Hospital di Memphis ben $$22,222.22 visto che il suo numero di maglia è il #22.

– Gli Utah Jazz sono stati eliminati 4-0 dagli Spurs e stanno emergendo tutti i problemi interni, recentemente Raja Bell (35 anni) non ha avuto perli sulla lingua nel parlare del suo coach: “Non credo che il mio futuro sarà con i Jazz, non c’è feeling con coach Corbin, non è un allenatore professionale”.

Greg Oden (24 anni) torna a far parlar di se ma stavolta non per l’ennesima operazione al ginocchio, il centro teoricamente dei Portland Trail Blazers ha ammesso che, durante il periodo di stop forzato per via dell’infortunio, era solito ad “alzare il gomito” con i drink: “Mi ero lasciato andare e non c’era nessuno che mi seguiva o aiutava”.

– Sempre rimanendo a Portland ci sono sviluppi sulla telenovela su chi sarà il GM dei Blazers, l’ultimo nome è quello di Jeff Bower (ex New Orleans, ndr) che lunedì prossimo incorrerà Paul Allen.

ESPN Stat ci riporta una curiosa statistica su Kobe Bryant (33 anni); con lo 0/2 da 3 negli ultimi 20″ di Gara5 il “Black Mamba” é salito (in carriera) a 1/11 da 3 negli ultimi 24″ del quarto periodo in situazioni di possibile sorpasso o pareggio, NON vincere!

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B