Andersen in guai molto seri, pedopornografia!

L’eccentrico centro dei Nuggets rischia davvero tanto stavolta, investigato per pedofilia via internet, si attendo sviluppi.

Per quelli attenti non può non esservi sfuggita la domanda di Federico Buffa durante la Gara1 della faida tra i Los Angeles Lakers e i Denver Nuggets, domanda che riguardava un personaggio delle fine di coach Karl: “Ma che fine ha fatto Birdman?”, a tal proposito si è scherzato ma non si è andati oltre, sta di fatto che Chris Andersen (33 anni) deve affrontare una brutta vicenda.

Giovedì pomeriggio, la casa del “Birdman” è stata perquisita dallo sceriffo della contea di Douglas riguardo un’indagine relativa alla pedopornografia, i Nuggetts lo hanno sospeso a tempo indeterminato da tutte le attività riguardanti la squadra intanto il portavoce dello sceriffo, Ron Havanan, ha confermato che dalla ricerca fatta giovedì non è stato inviato nessun mandato d’arresto.
Il dipartimento, ha iniziato a studiare la “vicenda Andersen” già nel mese di febbraio dopo aver ricevuto notizie rilevanti da un’agenzia di applicazione della legge in California; Hanavan ha rifiutato di rilasciare dettagli, compresa la natura di eventuali oneri in corso,  vuole infatti che il caso venga chiuso il prima possibile.

È stato proprio lo steso Andersen  ad aprire la porta della sua residenza a Larkspur, Colorado, e a lasciare che la polizia desse inizio alle operazioni, l’unità che indaga su pedopornografia ha inotlre dichiarato di aver preso dal computer di Andersen gran parte degli hardware. Ovviamente ancora non si hanno molte informazioni su tutta la vicenda visto che senza arresti o specifiche accuse è meglio non indagare troppo.

Per in Nuggets non è comunque una perdita “pesante” sul campo, considerando che nella serie contro i Lakers Birdman non ha mai giocato, potrebbe risultare invece più come una distrazione, infine ricordiamo ch eil prodotto di Blinn College era già stato sospeso in passato per abuso di droghe e test anti-droga risultati positivi, ma in questo caso si parla di tutt’altra faccenda.