Parla Bryant e lo fa con fiducia nel futuro

Dopo la deludente eliminazione contro i Thunder il “Black Mamba” guarda al futuro e lo fa con ottimismo, sperando i nuovi aiuti.

CI ha provato con i suoi 42 punti ma per Kobe Bryant (33 anni), anche quest’anno, l’avventura nei Playoffs si è conclusa alle semifinali di conference contro gli Oklahoma City Thunder, in una serie dove i giallo-viola hanno tanto da recriminarsi visto le occasioni gettate al vento in Gara2 e Gara4, ma adesso è tempo di pensare al futuro (CLICCA QUI per leggere il Focus)

L’aspetto più preoccupante è stato lo sguardo sfiduciato di Kobe verso i suoi compagni (Sessions e Gasol in primis, ndr) nell’ultima partita della serie, il treno Chris Paul (26 anni) difficilmente ripasserà e in estate i Lakers dovranno sedersi e capire cosa fare, specie con Pau Gasol (32 anni) e il suo oneroso contratto, intanto però il “Black Mamba” bacchetta i suoi e fa anche l’ottimista: “Non andiamo da nessuna parte così!” aggiungendo: “Non voglio fare la fine dei Pistons che, dopo esser stati battuti dai Bulls sono spariti, io non voglio questo. Non è facile capire cosa possiamo fare per migliorare la squadra, sono sicuro che quest’estate Mitch (Kupchak, ndr) saprà come muoversi, in questi ultimi 10 anni ha svolto un grande lavoro, adesso deve tornare a farlo”.

Poi Kobe conclude d’orgoglio: “Non sono la persona più paziente del mondo come del resto anche la franchigia, voglio e vogliamo vincere subito, dobbiamo rimboccarci le maniche tornare in alto, lo abbiamo sempre fatto e lo faremo”.

 

 

 

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • Luigi

    Scusa ma la traduzione è sbagliata. Bryant ha detto “We’re not going anywhere” nel senso “rimarremo ad alti livelli” e poi “non faremo come i pistons che perdono contro i bulls e poi scompaiono” quindi era una previsione sul futuro e non un rimprovero ai compagni. “Voglio” non l’ha detto e non lo voleva intendere.

  • francesco

    a casa!!