Philadelphia non muore mai, si va a Gara7!

Holiday si carica sulle spalle i suoi e Philadelphia ritorna a Boston per giocarsi la decisiva Gara7, male il supporting cast di Boston

 

 

 

Eastern Conference

Philadelphia 76ers – Boston Celtics 82-75 [TIED 3-3]
PHI: Iguodala 12, Brand 13 (10 rimb), Turner 12, Holiday 20, Williams 11
BOS: Pierce 24 (10 rimb), Garnett 20

Sotto gli occhi di Allen Iverson i Philadelphia 76ers, trascinati da Jrue Holiday, battono i Boston Celtics e li forzano alla Gara7; partita equilibrata con gli ospiti che sulla sirena del 3° accorciano sul -4 con Rajon Rondo (9 punti e 6 assist), un +4 per Philly che dura fino a 10′ dalla conclusione, infatti Holiday piazza 4 punti consecutivi che danno via ad un break di 7-0 che spinge i Sixers sul +11 (70-59) a 7’15” dal termine. Nessuna reazione da parte di Boston che, a parte il solito duo Pierce-Garnett, non ha avuto niente dal supporting cast (31 punti il resto della squadra). Per i padroni di casa una grande prova malgrado le brutte percentuali da 3 (1/9).

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • ONIC76

    Phila che nn molla.. Boston che la vinceranno alla 7 troppo esperti per perdere.. cmq nn ci voleva l’infortunio a Bradlye..squadra già cortissima adesso ridotta veramente all’osso..

  • Ammiraglio

    Bentornato Michael Philips!

  • lilin

    come dicevo ieri a chi dava già boston in finale questa serie sul 3 a 2 era molto meno scontata di mia ind.
    bene phila però boston tira3 su 13 da 3…cosi è un po dura.

    bass rientra nei ranghi mentre holiday non piacerà ma il suo lo sta facendo, senzacontare che questo ha 21 anni…
    di tempo per migliorare ne ha.
    da lui turner e hawes phila può ripartire anche perchè eventualmente hanno l carta iguodala in una trade e l’amnesty su brand. e a quel punto ci si incomincia a divertire…

  • Stiv#6

    Comunque a Phila c’hanno le palle. Bravi ragazzi.

  • in your wais

    Sono a Kobe, nome che dovrebbe garantire l’orgasmo a diversi membri del blog…anche se sarebbe stato piu’ efficace su playitusa

  • alert70

    IYW

    A “due” passi da Osaka.

    Curiosità: il Giappone è costoso? Vorrei andarci a settembre e non ho un’idea dei costi.

  • Michael Philips

    Grazie ammiraglio.

    Devo ammettere che questi sixers mi stanno sorprendendo. Certo se rose non si fosse infortunato probabilmente i bulls sarebbero passati, ma visto come phila sta facendo soffrire i celtics, c’è da pensare che anche i bulls al completo non avrebbero avuto vita facile. Il problema di un team come questo è che non ha un vero leader in grado di prendersi con continuità i tiri pesanti. Ora comunque la serie verrà decisa a boston, ma non so più cosa pensare. Se passa phila la vedo messa male a livello di accoppiamenti in una (eventuale) sfida contro gli heat.

    A proposito, la squalifica di haslem è arrivata e credo sia difficile da criticare. Saranno anche i playoffs, ma c’è un limite a tutto.

  • lilin

    non avendo niente da fare vi faccio una domanda: se si dovesse diminure di 4 squadre la lega quali fareste saltare?

    a est
    charlotte sicura
    toronto o washington dubbio..

    a ovest
    new orleans sicuro
    sacramento ?

  • zotal

    i Sixers ce la stanno mettendo tutta pero’ i Celtics senza Bradley e con questo Ray Allen non li vedo proprio benissimo,in ogni caso complimenti a entrambe le squadre che hanno dato vita a una bella serie almeno per quanto mi riguarda

  • alert70

    Brutta gara ma intensa. I Sixers vanno meritatamente alla 7ma perchè hanno giocato meglio. Holiday ispirato, Turner, Iguo consistenti, Brand e Hawes hanno fatto il loro. La chiave è sempre la stessa: se Philly riesce a battere la prima linea difensiva riesce a trovare delle soluzioni. In penetrazione al ferro oppure scaricando su Brand, Hawes… per un tiro in ritmo dalla media.

    I Celtics sono corti e onestamente stanno facendo miracoli visto anche il rendimento sotto il par di Allen e balisticamente dello stesso Rondo. Bass è ritornato a tirare mediocremente (il suo bonus lo ha già speso) mentre Pierce e Garnett da soli non possono vincere.

    Alcuni spunti: Rondo è fortissimo ma cazzarola non sa fare un layup uguale ad un altro. Ieri due errori pazzeschi per uno come lui. A malapena ha toccato il ferro!! Secondo Iguo: può tirare i liberi così male? 13/29, percentuali da Jordan/Howard……

    Le percentuali ai liberi possono di fatto sotterrare le speranze dei Sixers in caso di gara serrata. Rivers, che non è stupido, lo manderà in lunetta sempre e comunque considerato come il giocatore li tira. In generale, salvo Holiday e Meeks, tutti gli altri sono sopetti. Ieri ne hanno sbagliati 11, scollinando sopra il 60% grazie ai liberi finali di Holiday. Altrimenti erano attorno al 50%. Non se lo possono permettere.

    Vedremo se prevarrà l’esperienza o la profondità/freschezza del roster. In un finale punto a punto punterei le fiche sui Celtics.

  • alert70

    lilin

    Non mi fare incazzare…………..heheheehhehehhe

    Ad est Charlotte, Milwaukee e Atlanta. Tre franchigie che al loro massimo a malapena riempiono l’arena. I Bucks soffrono la vicinanza di Chicago mentre Charlotte ha troppe distrazioni. Le università NCAA hanno più seguito. Tra Chapel Hill, Winstom Salem, Durham, Raleigh c’è da vedere basket. Tutte centri non troppo lontani l’uni dagli altri. Atlanta è invisibile. Non ci vuole andare nessuno, la città fa schifo e il basket non è più seguito dai tempi di The Human Highlights. Hanno perso i Trashers della NHL, per scarso numero di spettatori ora trasferitosi con un nuovo nome a Winnipeg (Canada). Atlanta vive di basbeall e football americano. Il basket c’entra poco.

    Toronto è il sesto mercato della NBA, ha un seguito incredibile se pensi al loro record. L’arena può contenere più di 20 mila spettatori e quest’anno si attestavano sui 16 mila di media. Roba da far invidia a molte franchigie NBA.

    Ad ovest Hornets. Non hanno senso di esistere. Un pò come Atlanta. Basket in una città che vive e muore per il football americano.

    SacTown vive per il basket. Quello che vedi oggi per i Thunder era per loro 6 anni fa. 17317 spettatori ogni sera per 6 anni consecutivi. Parliamo di una orrenda città di 400000 abitanti. Se vai lì ti rendi conto dell’amore verso la franchigia. Cosa che non senti a Charlotte, a Milwaukee a New Orleans e ad Atlanta.

  • lilin

    ah scusa l’ignorananza ma quindi le west e la est possono essere rivisitate secondo il tuo discorso…
    una franchigia potrebbe passare da una parte all’altra?

  • alert70

    lilin

    I Suns erano all’est per poi spostarsi ad ovest.

    Quello non è un problema. Lo è eliminare le franchigie NBA.

    Perchè fino a quando si tratta di spostarle non ci sono problemi, ma se non erro nella storia dello sport professionistico americano, mai hanno ridotto le franchigie. Sarebbe saggio farlo anche se uno Stern non sarebbe disposto a farlo. Dovrebbe ammettere di aver commesso degli errori. Quindi tutt’al più vedremo degli spostamenti. A Seattle in primis.

  • lilin

    ma credo che anche per i giocatori non converrebbe perchè meno squadre ci sono vuol dire piu talento condensato, quindi stipendi meno alti per le star visto che se un giocatore con 30 squadre valeva 5 non credo che con 26 squadre accetti di valere 2…

    cmq ovvio che potendo spostare squadre è tutto un altro discorso…per me anche washington ha senso fino ad un certo punto per dire,…

  • Marimba

    stop Kobe Bryant è un giocatore finito stop

  • mad-mel

    Boston scherza col fuoco, ieri era da chiudere la serie. Le gare 7 sono sempre da evitare. MI sembrano troppo altalenanti per impensierire Miami in final di conference.
    Ah i Knicks hanno prolungato con Mike Woodson,Jeremy Lin è a rischio firma quindi siamo senza play.
    Cmq sul discorso allenatore avrei preso al volo Van Gundy fresco di licenziamento da Orlando, con lui un progetto serio si poteva iniziare. Mah

  • in your wais

    Alert

    Ti diro’…se ti sai organizzare, e’ molto meno caro di quello che ci si aspetta…io con 50 euro al giorno ci sto da Papa…gli ostelli si trovano anche a 15 euro a notte (a Tokyo con questa cifra ci dormi in camere da 6, ad Osaka o Kobe anche in stanze da 2), sono pulitissimi, la gente molto tranquilla, con internet e spesso saune o bagni giapponesi

    Per il cibo, sono diffusissimi i fast food giapponesi, di diversi brands (io vado matto per Coco Ichibanya), che preparano piatti di riso e carne, o riso e pesce, per 400-500 yen (meno di 5 euro), di ottima qualita’, con annessi acqua o the gratuiti…e molti sono aperti 24h

    L’unica cosa che costicchia sono i trasporti…nelle citta’ ti prendi i biglietti giornalieri, costano circa 7 euro ma sono benedetti, dato che i biglietti singoli costano un fottio, e la metro qui ti porta da un capo all’altro della citta’, sia anche Tokyo, in 30 minuti). Ma se ti devi muovere da una citta’ all’altra devi fare scelte molto oculate…

    Il bus costa meno che il treno, per prendere il quale devi vendere svariati organi interni. Col bus, comunque sono un 15 euro ogni 100 km, piu’ o meno, ma sono anche questi veloci, puliti e perfetti. Se prendi i bus notturni (tipo Tokyo-Kyoto), risparmi un sacco. Noi che facciamo sempre trasferimenti brevi nn li usiamo mai pero’

    Comunque, se e quando ti serviranno altre informazioni, basta chiedere

  • Michael Philips

    Usciti anche i tre quintetti ideali NBA. Direi poche sorprese questa volta.

    http://www.nba.com/2012/news/05/24/all-NBA-teams/index.html?ls=iref:nbahpt2

  • alert70

    IYW

    Grazie per le dritte.
    Immaginavo che i treni fossero fuori dalla portata di tasche normali. Se per prenderlo devo vendere un organo no….heehhehe

    Facci/fammi sapere quando vai in Corea. Mi piacerebbe avere delle informazioni.