Brand saluterà Philadelphia con l’amnistia

È stato l’acquisto più oneroso degli ultimi 10 anni da parte dei Sixers e adesso la franchigia ha deciso di salutare la sua ala grande.

Nell’estate del 2008 i Philadelphia 76ers, ancora non lo sapevano, ma stavano commettendo probabilmente uno degli errori più fatali della loro storia mettendo sotto contratto Elton Brand (33 anni), offrendogli un contratto da 5 anni per un ammontare di $82 milioni! Sfortuna per loro che Brand non era più quello dominante ai tempi dei Clippers e, una volta capito che non era stato un grande affare, Philly ha cercato in tutti i modi di liberarsene ma con quel contratto nessuna franchigia NBA voleva assumersi tale fardello, ma il nuovo CBA è venuto incontro alla squadra della città dell’amore fraterno.

Numeri alla mano questa stagione non è stata la migliore per il prodotto di Duke, 11.0 punti e 7.2 rimbalzi, ma col suo contributo i Sixers sono arrivati fino a Gara7 delle Semifinali della Eastern Conference contro i Boston Celtics, adesso è arrivato però il tempo di girare pagina, la dirigenza vuole rinnovare la squadra e lui sarà tra i primissimi a salutare Phila; infatti continuano a moltiplicarsi le voci che danno i Sixers pronti ad applicare la famosa amnistia al giocatore liberandosi finalmente del suo contratto, di conseguenze più spazio salariale per cercare di ingaggiare nuovi giocatori.

Oltre a Brand i nomi più caldi sono quelli di Andre Iguodala (28 anni) ricercato (per ora) dai Golden State Warriors e dai Toronto Raptors, e Lou Williams (25 anni) che sta vivendo una situazione di stallo ma l’owner Rod Thorn teme: “Non so nulla ma credo che uscirà”.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • alert70

    Era scontato. Perlomeno il lockout ha permesso alle franchigie di porre rimedio a degli errori.

  • lilin

    era scontato, ora possono costruire qualcosa di buono se sono bravi, oppure rimanere nel limbo…
    vedremo cosa faranno, mi auguro una squadra competitiva per alzare il livello dell’est che con toronto che può diventare una squadra futuribile e phila si renderebbe piu interessante anche in ottica play off futuri