NBA Finals 2012, analisi della sfida!

Meno di 24 ore alla palla a due tra Thunder e Heat, andiamo ad analizzare le situazioni, chiavi tattiche e uomini della super sfida.

 

 

 

 

Oklahoma City Thunder

Per la squadra emigrata da Seattle 4 stagioni fa l’entusiasmo è alla stelle, tutti i giocatori del roster sono al massimo della forma e hanno dei tifosi che si fanno sentire anche fuori dal palazzo, sono gia entrati nella storia per essere una delle squadre con l’età media più bassa a raggiungere le Finals.  Contro gli Spurs e i Lakers hanno dimostrato di poter battere chiunque anche con il minimo sforzo, Westbrook in queste ultime partite è diventato un ottimo passatore riuscendo a servire oltre 7 assist a partita nelle serie contro gli Speroni, Durant ha dimostrato che anche a 23 anni si può essere leader di una squadra vincente, Harden è diventato il Killer di questa squadra e il termometro del calore dei fans (vedere le centinaia di barbe in giro per la citta).

Miami Heat

Gli spaventi vissuti contro Indiana al 2° turno e Boston nella Finale della Eastern Conference hanno tirato fuori il meglio dalle stelle di coach Spoelstra; LeBron James ha risposto con i fatti quando è stato ad un passo dal precipitare, Wade a luci ed ombre ma pur sempre decisivo mentre Bosh ha recuperato bene dall’infortunio agli addominali e contro i Celtics è stato decisivo in Gara7. Oltre ai “Three Kings” le buone notizie giungono da Shane Battier onnipresente sui due lati del campo e dal sempre generoso Udonis Haslem. Il fattore campo è a sfavore ma potrebbe anche risultare un aspetto positivo visto l’eccessiva pressione che l’anno scorso la banda di Pat Riley ha dovuto affrontare, sotto l’aspetto mentale mai visti così focalizzati.

CHIAVI TATTICHE

Thunder: Sarà fondamentale giocare come nelle ultime 4 partite contro San Antonio, Westbrook si è finalmente reso utile al gioco di squadra e dovrà continuare su questa strada senza farsi influenzare dalla tentazione di fare 1 vs 1 contro Wade, Bosh non è ancora al 100% e di questo dovrà approfittarne lo scatenato Serge Ibaka. In difesa Thabo Sefolosha avrà l’arduo compito di dover prendere LBJ, Perkins è fondamentale nel pitturato e dovrà stare attento al suo caratteraccio e a non farsi caricare di falli. Durant non ha scelta e si prenderà Wade in quello che potrà essere il duello chiave nella serie.

Heat: Miami si prepara ad affrontare una squadra che applica il suo stesso gioco, basandosi sull’alto ritmo offensivo con giocatori capaci di portare punti da soli; Wade è l’unico che ha il passo per contenere le incursioni di Westbrook ma potrebbe pagare lo sforzo dall’altra parte del campo, Battier sarà il poliziotto di KD e l’esperienza lo potrà aiutare, in attacco invece Chris Bosh e Mario Chalmers saranno gli aghi della bilancia: il primo perché ha sia il tiro perimetrale che l’entrata e con Ibaka che tende a saltare ogni 2×3 può caricarlo di falli o portare a casa qualche gioco da 3 punti, il secondo invece col tiro pesante sugli scarichi. Poi è scontato, i Super-Amici devono stare sulle loro medie.

MEN OF THE SERIES

Thunder: Sicuramente i Thunder hanno più armi a disposizione, ma alla fine il destino degli uomini di coach Brooks passa per le meravigliose mani di James Harden; il 6° uomo è la chiave di ogni successo di OKC, Durant e Westbrook fanno l’andatura e poi lui chiude i giochi, ultimamente si è messo ad interpretare anche il ruolo di “Risolutore” nella serie contro gli Spurs. L’intelligenza tattica, l’astuzia di comprarsi i falli e l’abilità di trovare sempre il canestro lo renderanno una spina nel fianco per Miami.

Heat: Tutti sul carro di LeBron James.

PRONOSTICI NBA-EVOLUTION

Il Trailer di NBA.com

[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=YtdkqPL0hOg&hd=1]

S.Bei

Sono di Rieti e ho una passione viscerale per il college basketball. Il mio giocatore preferito è Doug McDermott, non seguo particolarmente le vicende dei top team ma mi piace scovare giocatori promettenti nelle cosidette Mid-Major perchè a trovare il fenomeno a Kentucky, Duke o Louisville sono capaci tutti…il bello è trovarli dove non guarda nessuno! Nickname: Ste

  • Stiv#6

    “In difesa Thabo Sefolosha avrà l’arduo compito di dover prendere LBJ” ” Durant non ha scelta e si prenderà Wade” …semmai il contrario..

  • Lorenzo

    Allora, prima cosa mancano piu di 24 ore alla palla a due. Poi thabo non marca lebron ne battier che marca KD. nelle altre due gare di RS si sono marcati a vicenda sarà una sfida 1contro 1.

  • LBT6

    “Per la squadra emigrata da Seattle 4 stagioni fa”
    io avrei detto per la squadra che fu strappata dalle braccia dei suoi tifosi di seattle..

  • .

    Si ma ha ragione, Thabo può tranquillamente marcare Lebron e Harden Wade, a quel punto Durant può limitarsi a marcare Battier che in realtà si marca da solo oppure in caso di quintetti piccoli non mi stupirebbe l’accoppiamento Durant-Bosh.

  • brazzz

    pronostico
    4-2 thunder…

  • Michael Philips

    Come sempre, il mio sogno è gara 7, dal primo turno alle finals e dico 4-3 miami.

    Brazzz

    un duello migliore di durant vs james in una finale da quando non lo vedevi? Anni 80? Per me ci sarebbe jordan vs malone, ma non si marcavano a vicenda, ruoli diversi ecc…jordan payton ok, ma non era allo stesso livello, jordan barkley nemmeno, più che altro sempre perché nemmeno si incrociavano, pippen teneva charles e majerle(…) jordan.

    L’unico era drexler vs jordan, ma clyde ne uscì distrutto mostrando di non essere esattamente al livello di jordan(ma chi lo era tra i pariruolo?). Magic vs jordan non ci fu in realtà, fu pippen a gestire magic, temo si debba tornare a bird vs magic, oppure shaq vs hakeem o hakeem vs ewing, insomma un bel pò di tempo.

  • Sergamo

    Altra serie a quintetti piccoli-piccolissimi? Un sacco di minuti per Battier? Secondo me tutto passa dalle mani di Ibaka e Perkins: se riusciranno a essere un pericolo (anche minimo) in attacco, l’equilibrio si sposta verso Oklahoma. Se invece vedremo due quintetti quesi speculari, con un solo lungo per squadra, vedo favorita Miami.
    Contro San Antonio mi è sembrato di vedere bei tagli dei lunghi e una buona pazienza dei passatori nell’aspettarli e nel servirli.

    Spero che Brooks sia coraggioso nelle sue scelte e che i giocatori di oklahoma resistano alla tentazione della singolar tenzone contro i dirimpettai!

  • Michael Philips

    Molto passerà da bosh. Se lui sta bene(in gara 7 così è parso) allora ibaka e gli altri lunghi di okl dovranno stare a 5 metri dal ferro, oppure battezzarlo, ma con il n.7 non conviene dato che la maggior parte dei suoi punti arrivano proprio con jumper dalla media.

    Con ibaka lontano dal ferro okl dovrà marcare molto bene il duo di miami, che comunque non credo avrà particolare paura del congolese. Prevedo molti falli per perkins.

    Il problema di miami è che il suo miglior giocatore dovrà marcare l’altro miglior giocatore e il rischio è che si annullino a vicenda. Westbrook e wade rischiano di fare la stessa cosa.

    Gli accoppiamenti credo saranno chalmers prima e wade poi su westbrook, james su durant, ma volendo anche sul n.0, battier solo sul 35, harden lo marcheranno a turno un pò tutti gli esterni, in difesa ibaka o piazza un altro 11/11 oppure non rappresenta un grosso pericolo, perkins idem.

    Tutto potrebbe decidersi già nelle prime due gare, perché okl non può perdene una e andare a miami per 3 di fila rischiando di uscire sconfitta senza poter più tornare in casa.

    Poi se hai durant westbrook e harden puoi comunque vincere fuori casa, contro chiunque.

  • Michael Philips

    ehm…bosh n.1 non numero 7.

  • Michael Philips

    james e wade verranno tenuti da giocatori molto superiori atleticamente rispetto a quelli dei celtics. Thabo è un grande difensore, durant deve ancora migliorare molto ma sulle linee di passaggio e quando ti contesta i tiri fa paura perché arriva dove arriva ibaka. Wade fatcherà ad entrare contro westbrook. Così come bosh può essere decisivo, lo stesso vale per harden.

    Curioso di vedere come e quanto verrà utilizzato fisher.

  • makahuna

    riposto qui la mia analisi fatta nell’altro articolo, cercando maggior confronto 😛

    sinceramente io sono dell’idea che il fattore campo a favore dei thunder, nelle finals, per come è strutturato il calendario, non è un vantaggio.
    le prime 2 si giocano a okc, e io sono convinto che una delle 2 miami può riuscire a portarla a casa, soprattutto la prima, vista la spinta emotiva di queste due vittorie in fila contro i celtics.
    poi si va per 3 partite a miami, e se anche ne vincono 1 i thunder si torna ad okc 3-2 per gli heat…
    quindi, per me, l’importanza del fattore campo nelle finals è relativa.
    facendo un analisi più tecnica, è evidente come nei primi 3 giocatori della squadra(considerati al loro meglio ) miami è più forte…ma dal 4° al 12° (ma realisticamente diciamo all’8°) è più forte ocklahoma.
    ho come l’impressione che vedremo poche partite finire punto a punto (ma è una sensazione, senza basi realistiche, eccetto il fatto che sono due squadre che vivono di parzialoni)

    miami si accoppia però bene con oklahoma, perchè i thunder non hanno una grande difesa di sistema(come i celtics) ma una difesa fatta dai singoli, incarnata dai due lunghi; il che rende facile il compito all’attacco farraginoso di miami; dall’altra parte invece miami ha una difesa sia singola che di sistema, che può dare molto fastidio ai thunder, che, oltretutto, non hanno armi per far male alle carenze difensive degli heat, cioè il reparto lunghi (non mi aspetto più di 1 partita di ibaka da 11\11).

    credo inoltre che,se consideriamo le star, che in attacco quasi si equivalgono, in difesa wade e lebron siano più forti di westbrook harden e durant, e se sommiamo battier, pare evidente che avranno una vita più difficile gli attaccanti di okc, che quelli degli heat.

    sempre considerando i lunghi di ocklahoma, che dovrebber essere il vero vantaggio di questa sqaudra, sono ulteriormente convinto che scott brooks non può permettersi di usarli isnieme nei finali di partita.
    miami andrà sicuramente con chalmers, wade, battier, lebron e bosh nei finali; okc non può andare con perkins e ibaka, troppi mismatch a favore di miami poi, a quel punto andrebbe con fisher, westbrook, harden, durant e ibaka(perkins).
    ma bosh è un lungo perimetrale, che costringerà ibaka (o perkins) a giocare lontano dal canestro, lasciando libera l’area per le penetrazione di wade e lebron.

    il dubbio per miami ovviamente riguarda il supporting cast, che però sta rispondendo presente(battier, chalmers, haslem, e un po meno miller) wade, che sta giocando estremamente sottotono, e la testa di lebron (ma è l’ultimo dei miei dubbi, ieri sera non ha fatto neanche il gioco del talco, è concentrato come non mai).

    per okc invece si sono più punto dagli altri, e secondo me si passerà tanto dalle prestazioni di harden, quello un po più libero degli altri.
    durant dovrà affrontare lbj in una serie, sinceramente è un tiratore migliore, ma james è un difensore mooolto migliore di kevin.

    in conclusione vado per un 4-2 miami

  • zauker

    parlate tutti della facilità con cui okc possa difendere sugli heat, perdendo completamente di vista la difesa di miami. da quello che si legge sembra che i thunder abbiano praticamente già ingabbiato gli heat e soprattutto che palla in mano siano un rebus insolubile per la franchigia della florida

    io, sinceramente, da quando si sono uniti i tre amigos, ho sempre visto una stupenda fase difensiva da parte di quelli di south beach soprattutto contro le squadre a trazione posteriore (cosa che sono ad esempio i thunder, visto che i 3 principali realizzatori si trovano nelle posizioni 1-2-3), proprio perchè in quei ruoli possono vantare giocatori dall’atletismo spaventoso in grado anche di prendersi giocatori fuori dalla loro posizione naturale (mi viene in mente ad esempio le finali di conference dello scorso anno contro i bulls, dove rose veniva preso da lbj che, nonostante le differenti dimensioni,nn andava in difficoltà sotto l’aspetto della rapidità, o ancora wade su rondo nelle ultime 2 di queste finali di conference). senza contare l’apporto fornito nel difendere il proprio canestro da parte di quella vecchia volpe di battier.

    nn è un caso le difficoltà maggiori gli heat le abbiano avute proprio contro squadre che avevano uno dei loro punti di forza in attacco nel gioco vicino a canestro, come indiana con hibbert e west (guarda caso hanno ripreso a perdere quando hanno ripreso a giocare principalmente con gli esterni), i celtic con garnett (e bass che un paio di discrete partite le ha fatte) e dallas con dirk lo scorso anno.

    c’è cmq da sottolineare che anche questo aspetto è decisamente migliorato rispetto allo scorso anno con lo spostamento di bosh a centro, il ritorno a tempo pieno di haslem, e l’utilizzo per lunghi tratti di james da 4. questa configurazione farà perdere parecchi centimetri, ma allo stesso tempo fornisce una mobilità spaventosa nelle rotazioni (senza contare i visibilissimi miglioramenti di bosh nella propria metà campo)

    con il quintetto piccolo degli heat sarei molto curioso di vedere le contromosse di brooks. perchè sono convinto che per miami nn sarebbe un problema reggere in difesa, visto che perkins palla in mano si marca da solo e vista la sua inutilità a più di 3 metri da canestro, anche un suo eventuale blocco nn provocherebbe l’allontanamento di bosh dal ferro, chiudendo in questo modo le varie scorribande e portando molti aiuti. inoltre ibaka ha qualche movimento ma nn è una minaccia, quindi può essere tranquillamente marcato da battier o, nel caso si voglia far conservare la energie, da lbj.
    mentre quando ha palla in mano gli heat c’è da ridere, perchè su chalmers e wade ci andranno rw e sefo/harden, ma su lbj chi va? durant? lasciando la marcatura di battier a 7 metri a perk o ibaka? perk si esclude subito per evidenti motivi, resta ibaka. chi ce lo vede a difendere su un portatore di palla di 205 cm con il fisico di malone e la rapidità di un play?!?

  • .

    ^

    Il quintetto piccolo lo può schierare anche OKC che discorsi. Ibaka o Perkins da 5 su Bosh, Harden su Wade, Thabo su Lebron, Durant su Battier e Fisher Chalmers.

  • Eugenio La ruspa

    …l’una odiosa per l’arroganza…l’altra per storicità….tanto vale aspettare direttamente le finale del prossimo anno. Tanto più che nessuna delle due è in grado di esprimere un basket per i fan dal palato fino (leggasi noi barbosissimi tecnici che sbrodoliamo per un Bank shot e siam indifferenti a pirotecniche quanto inutili evoluzione aeree che vedrei meglio al circo…)

    Buon anno,

  • Troll

    Scusate l’off topic…. Dove posso trovare le finals in replica?? ( non SKY)

  • zauker

    @.

    si, è vero, anche okc può schierare un quintetto piccolo (con harden al posto di fisher), ma resta pur sempre il fatto che avrebbero cmq dei problemi di accoppiameto. per prima cosa bisogna capire come difendere su bosh, dato che bisogna seguire l’1 degli heat ben oltre i 5 metri, dato che battezzarlo da quella distanza è un siucidio. senza contare che il pick’n’pop tra lui e wade o lbj lascia dei bei grattacapi alla difesa: infatti viene lasciata completamente libera l’area. a questo punto il lungo cosa fa? resta vicino a bosh e impedirgli il tiro? wade o lbj esultano, campo libero per arrivare al ferro e se la difesa collassa scarico immediato per la tripla di battier o chalmers. accetto il cambi difensivo? quale situazione migliore per un esterno se nn attaccare dal palleggio un lungo? ultima opzione resti in aiuto sulla penetrazione. come ho detto prima un suicidio, soprattutto alla luce delle 2 triple di bosh di gara 7 proprio in una situazione di questo tipo

    inoltre si evidenzia ulteriormente il problema in marcatura di lbj. chi va in marcatura su di lui? sefolosha? beh, lo svizzero potrà anche marcarlo fronte a canestro, ma visti i progressi di lebron spalle a canestro nn mi sembra una gran bella idea questa, visto che perde 4-5 cm in altezza e almeno 20 kg in peso senza riuscire a sopperire in agilità.
    si potrebbe mettere durant: in questo caso la marcatura avrebbe più senso, dato che kevin è si più leggero, ma questo svantaggio lo recupera con una maggiore altezza e soprattutto con un’apertura alare spaventosa. questo però rischia di stremare kd, in quanto in attacco, data la quasi sicura marcatura di lbj, dovrà sudare parecchio visto che si tratta di uno dei migliori difensori e che da quando è agli heat sputa il sangue in questo fondamentale prendendo puntualmente l’esterno più pericoloso, senza contare che se nn ci finisce il 6 in marcatura, ci finisce battier che nn mi sembra l’ultimo dei fessi, mentre in difesa marcando appunto lbj dovrà cmq sudare parecchio, avendo come conseguenza una sua minore lucidità. senza contare che questo discorso nn è valido per lbj visto che, come detto, da quando è agli heat ha sempre difeso come un ossesso sull’esterno avversario più pericoloso e al contempo è chiamato a gestire la fase offensiva della squadra e a mettere punti a referto, il tutto per più di 40 min di media ogni partita, senza per questo risultare stremato a fine gara (pierce quest’anno e rose lo scorso ne sanno qualcosa)
    inoltre durant nn si mai trovato in una situazione come questa, visto che per tutti i po ha sempre avuto di fronte si dei buoni difensori come marion, artest leonard, green e captain jack, ma nessuno di questi può definirsi principale opzione offensiva della propria squadra, permettendogli quindi di recuperare energie infase di nn possesso palla (e quindi bisogna anche vedere se riesce a reggere uno sforzo simile per tutta la durata di una serie)
    l’ultima opzione sarebbe quella di mettere ibaka su james, ma questo a mio avviso è una follia, perchè va bene che al livello fisico è superiore, ma in quanto a rapidità è molto distante e tra l’altro sarebbe anche da valutare le sue reali capacità in marcatura sugli esterni

    quindi anche scott brooks (per quanto indubbiamente più capace rispetto al filippino) avrà i suoi bei grattacapi e nn è detto che riesca a trovare una soluzione

  • LBT6

    le prime due gare a OKC sono cruciali. Se miami dovesse vincerne almeno una sarebbe davvero positivo per noi. In caso contrario prevedo un 4 a 1, 4 a 2 di okc, purtroppo
    https://p.twimg.com/AvIzyZmCEAE-Cgf.jpg

  • lilin

    sinceramente non punterei sulla marcatura costante di lebron su durant…perchè è vero che durant dovrebbe sputare sangue ma è anche vero che anche lebron ne risentirebbe in lucidità offensiva…creedo che prima vedrei come va battier poi nel caso gli accoppio il 6.
    quest anno gli heat con l aggiunta di battier a livello difensivo hanno fatto un ottimo colpo che ti permette una miriade di soluzioni.
    cmq voglio proprio vedere chi dei lunghi esce a marcare bosh…per me alla fine andrà durant a marcarlo

  • zauker

    @ lilin

    la marcatura costante di lbj su durant nn penso incida in maniera così determintante sulla sua lucidità in attacco, proprio perchè da quando è agli heat ha sempre preso in consegna l’esterno avversario più pericoloso. nei po quest’anno al primo turno contro ny era in marcatura anthony il quale, anche se i punti li ha messi a referto, le sue % al tiro sono state pessime (mentr james ha viaggiato a circa 30 pti di media). contro indiama aveva in consegna granger e abbiamo visto tutti le meravigliosi prestazioni balistiche di questo (infatti le vittorie di indiana sono arrivata grazie ai lunghi, mentre quando ha ripreso a sfruttare maggiormente gli esterni sono venute 3 sconfitte consecutive). infine contro boston era in marcatura su pierce e sono sotto gli occhi di tutti le sue terrificanti prestazioni (l’unica immagine che si ricorda di lui in questa serie è la tripla di gara 5). emblematica sotto questo aspetto è gara 6 dove lebron ha messo a referto un 45-15-5 con il 73%, mentre il numero 34 ha messo ha prodotto per 9 pti uniti ad un terrificante 4-18 dal campo (giocatore di boston con il maggior numero di tiri tentati). ai tempi di cle quando james faceva una prestazione simile contro boston, per tutta risposta pierce metteva un numero di pti molto simile (48-45 di nn mi ricordo quale gara dei po 2008)

    se poi a questo si aggiunge che gli heat possono mandare in marcatura anche battier e far riposare james se per questo perdere tropo in fase difensiva…

  • lilin

    zauker

    si è vero però il mio discorso è improntato sul fatto che viene da 3 serie dove come dici tu si è sempre beccato i giocatori piu forti del team (ha difeso anche garnett e rondo) e questa finle non la può toppare a livello difensivo quindi dico prima vediamo come va battier poi al massimo gli buttiamo addosso lebron tutto qui..
    poi che lui sia un robot niente da dire probabilmente difenderebbe senza problemi ma visto che si ha a disposizione un eccellente difensore perchè non approfittarne”

  • jamikitt

    Lilin
    La penso come te; è vero che Lebron potrebbe tranquillamente marcarlo ma se hai Battier è perchè è un grande difensore quindi almeno in questo lo devi sfruttare; penso che lo prenderanno loro due per la meta del tempo.

    Ma la cosa che penso negli ultimi giorni è che Wade dovra marcare uno dei 2 piccoli, quindi 1 tra West e Harden chi prende l’altro?Chalmer.Penso quindi che in alcuni casi Lebron dovra difendere anche sugli esterni, quindi di riposo nella fase difensiva per lui non ne vedo.

    Alert
    Cosa ne pensi dei tuoi kings che vorrebero scalare il draft per prendere Drummond liberandosi di Evans, salvo non rinnovare il prossimo anno DMC?
    Per me sarebbe follia

  • Michael Philips

    Zauker

    Nel 2008 pierce mise 41 pts in gara 7 delle semifinali di conference contro i 45 di james, ma nella serie chiuse a 19pts di media e il 40% dal campo.

    Nel 2010 sempre nelle semifinali di conference boston vinse 4-2 contro i cavs e pierce chiuse con 13pts 3 poco più del 30% dal campo.

    nel 2011 ancora una volta al secondo turno affronta james e chiude con 20pts di media con il 45% dal campo, mentre nell’ultima serie ha chiuso a 18 con il 34% dal campo.

    Poi, l’opinione comune, cosa che comunque ho sempre pensato anche io, o meglio la sensazione che mi ha sempre dato pierce è di non soffrire james, poi però vedi che nei fatti a parte quella super gara 7 da 41pts e quella tripla in gara 5 in faccia a james, non c’è mai stato equilibrio tra i due.

  • brazzz

    mp
    lasciam stare bird magic,altra roba.certo un tipo di sfida del genere manca da un sacco di tempo..da dire però che credo che il concetto di sfida ci stia anche se i 2 duellanti non si incrociano..esiste uan sfida di natura mentale,di leadership..in questo senso chuck non andò sotto affatto contro mj(l’unico,direi,a non andar sotto)il postino naufragò e drexler lasciam perdere..

  • lilin

    jamkitt

    anche io mi ero posto il problema della difesa su harden e westbrook…ora chalmers secondo me finirà per difendere su harden come ha fatto spesso contro boston su allen…anche perchè pur essendo un buon difensore sul perimetro non ha proprio il passo di westbrook.

    i contro però sarebbero che wade già non l ho visto in forma in sti playoff e rincorrere il diavolo di okl non sarà un tocca sana…

    certo l altrenativa potrebbe esserci…lebron su westbrook in alcune situazioni e battier su durant e wade su harden…ciò però implica l’impossibilità del quintetto piccolo perchè dovrebbero giocare bosh e haslem.

    però credo sarà una soluzione che spo terrà in considerazione nei momenti caldi

  • zauker

    io, sinceramente, nel reparto guardie lascerei wade in marcatura su harden e chalmers su westbrook, il quale sicuramente nn avrà il primo passo del numero 0 thunder (neanche wade, anzi proprio nessuno ce l’ha) però si può sempre rimediare “battenzandolo” constamente dalla lunga distanza stringendo la marcatura solo quando entra in area. questo perchè sicuramente russell dall’alto del suo 30% da 3 quest’anno nn rappresenta un pericolo da dietro l’arco; senza contare che westbrook, a differenza di rondo a cui nn puoi concedere tempo e spazio x ragionare in attacco altrimenti finisce con una cinquantina di assist, nn ha nella gestione del gioco la sua peculiarità, quindi anche lasciandogli spazio e seguendo bene gli altri nei movimenti movimenti senza palla, c’è la seria possibilità farlo rimanere palla in mano e spingerlo a passaggi che nn sono nelle sue corde

  • dontrythis@home

    Messina al cska.. manca solo l’ ufficialità.

  • lilin

    zauker

    anche quello è vero, non ha nemmeno wade il passo di westbrook però è anche vero che battezzarlo è molto piu rischioso che farlo con rondo, farlo eventulamente entrare in ritmo non mi sembra un idea grandiosa..
    in piu lasciare a lui quei tre quattro metri gli consentirebbe di entrare nel pitturato lanciato e asarebbe una pioggia di falli. boh non saprei quanto possaconvenire

  • Michael Philips

    Primo quarto strano tra okl e miami:

    Heat in vantaggio praticamente grazie a chalmers e battier, e con tiri da fuori. Lebron 2 punti e un “linguaggio del corpo” che non promette nulla di buono… per ora ha lasciato giocare i compagni. Vediamo se vuole farli entrare in gara o continuerà così per il resto della gara.

    Durant invece 11pts in un amen e la sensazione di non temere james.