Pagelle Playoffs 2012

A differeneza del passato doppio appuntamento con le pagelle di fine stagione, oggi diamo i viti ai Playoffs!

 

 

 


Voto 10
a LeBron James: A un anno di distanza dalla delusione ricevuta contro i Dallas Mavericks e dopo le critiche durate un’intera estate, il “King” ha finalmente giocato con controllo, forza e intelligenza anche nelle Nba Finals, dominandole completamente e facendo capire chi è il vero re di questa lega, finalmente è riuscito ad essere Mvp sia nella regular season che nelle Finals. CAMPIONE

Voto 9 ai Miami Heat: Tutti i Miami Heat hanno giocato nei playoff una pallacanestro offensiva a tratti imbarazzante, ma dopo essere stati sotto nel punteggio nelle tre serie contro Indiana,Boston e OKC sono sempre riusciti ad avere un colpo di coda grazie alla difesa messa in campo e dimostrando tutti di essere dei campioni, chi meno e chi più. Una menzione particolare per Shane Battier e Mike Miller. INDOMABILI.

Voto 8 agli Oklahoma City Thunder: Il loro ritmo infernale ha messo al tappeto con una certa qual facilità i campioni in carica di Dirk Nowitzki e i Los Angeles Lakers di Kobe Bryant, per poi andare a rimontare e battere con quattro partire consecutive i San Antonio Spurs, la squadra che ha mostrato il miglior basket. Questo non è bastato a Durant e compagni per vincere il titolo, la gioventù e l’esperienza alla fine si sono fatte sentire. PROMESSE.

Voto 7 ai Boston Celtics e San Antonio Spurs: Ai primi nessuno ad inizio playoff gli dava una singola chanche di arrivarsi a giocare la possibilità di entrare in finale Nba, loro l’hanno avuta grazie ad un Rajon Rondo da fantascienza, purtroppo l’età e la stanchezza hanno preso il sopravvento, buttando via una ghiotta occasione in Gara6 in casa. Con tanti giocatori fuori e i Big three non al 100 % hanno faticato ad arrivare in finale di conference ma poi hanno fatto sudare letteralmente le sette camicie ai Miami Heat. STOICI
Per i San Antonio Spurs probabilmente la fine di un’era dopo una stagione praticamente perfetta fino all’inizio di gara 3 contro i Thunder. Dopo il viaggio in Oklahoma per gli Speroni di un Tony Parker immarcabile, non è più stato lo stessa cosa, hanno perso quella sicurezza che avevano acquisito durante la stagione e quella tranquillità che gli faceva giocare la miglior pallacanestro del mondo. Per Duncan e compagni la differenza d’età con gli avversari, alla lunga ha fatto la differenza. LEGGENDARI

Voto 6 ai Philadelhpia 76ers e Los Angeles Clippers: Per i 76ers di Andre Iguodala, una squadra definita con poco talento, è arrivato l’upset più inaspettato, contro la squadra con il miglior record della lega, i Chicago Bulls seppur senza Derrick Rose. Nei playoff hanno mostrato intelligenza e atletismo al punto giusto, andando ad intermittenza con le fiammate di Evan Turner e Jrue Holyday, spaventando i Boston Celtics facendogli aver bisogno di gara-7 per batterli. SORPRESA
Invece ai Clippers Chris Paul li ha cambiato la vita in tutto e per tutto, ha trascinato completamente la squadra ai playoff dimostrando di non aver paura di nulla, senza mezza squadra hanno “eliminato” i Grizzlies (più lunghi, più completi e più esperi) in Gara7 a Memphis, dando prova che qualcosa da un anno a questa parte è migliorato. Contro gli Spurs non c’è stato nulla da fare, neache per CP3, ma se in questa stagione un segnale lo dovevano dare ecco quel segnale è arrivato forte e chiaro. WORK IN PROGRESS

Voto 5 agli Indiana Pacers: Per la franchigia comandata da Larry Bird un voto insufficiente per come si sono messe le cose nella semifinale contro i Miami Heat. Sopra 2-1 e con un bel vantaggio in gara 3, sono arrivati ad un passo dall’eliminare James & Co. e questo non se l’aspettavano affatto. Dopo un primo turno abbastanza agevole, avevano tutte le carte in regola per fare il colpaccio, ma nel momento in cui si sono detti “Oddio possiamo batterli”, si sono fatti rimontare completamente da James e Wade per poi sgretolarsi in gara 5 e 6. ACERBI.

Voto 4 ai Los Angeles Lakers: Obbiettivamente ci si aspetta molto di più che un secondo turno di playoff completamente abulico dalla squadra di Kobe Bryant. Dopo essere andati sopra 2-0 contro i Denver Nuggets stavano riuscendo nell’impresa di farsi eliminare in gara-7, per poi sgretolarsi completamente contro i Thunder. Gli Oklahoma City Thunder sono più forti e più lunghi, ma il trio Bryant-Gasol-Bynum è completamente sparito nei finali di partita regalandogli gara 2 e gara 4 per poi cadere nel modo peggiore possibile in gara 5. INCOMPRESI.

Voto 3 a James Harden e le sue NBA Finals: Quello che ha dominato completamente la finale di Conference contro i San Antonio Spurs era completamente un altro giocatore rispetto al giocatore inconsistente delle Nba finals. James Harden è stato un fantasma, in gara 1 l’unica per altro vinta dai Thunder, è stato lasciato in panchina nel momento decisivo e senza di lui è arrivata la vittoria. Nelle altre 4, non ha segnato una tripla che fosse una, andando alla ricerca disperata di contatti fallosi perdendo più volte il controllo della gara ma soprattutto il suo modo cristallino di giocare. ENIGMATICO.

Voto 2 ai New York Knicks. Con l’ammontare di talento che hanno i New York Knicks ci si aspettava sicuramente qualcosa di più che l’uscita al primo turno di playoff per 4-1 contro i Miami Heat. Sicuramente nessuno si aspettava che la banda di coach Woodson eliminasse gli Heat, però di certo ci si aspettava un uscita più dignitosa e poi il modo molto discutibile in cui hanno giocato a basket, per non parlare di Amar’e Stoudemire che si infortunia da solo. Insomma quando arriverà l’anno buono? ROTTEN APPLE

Voto 1 ai Chicago Bulls. Derrick Rose ha finito la stagione nella prima gara di playoff, non era sicuramente al 100 %, forse neanche al 50%, in ogni caso i Bulls che hanno giocato una grande pallacanestro anche senza di lui in regular season ma non è stato sufficiente contro i Sixers, sciogliendosi completamente senza il suo leader. Probabilmente nel momento in cui si è infortunato Derrick Rose, si è spenta ogni speranza di titolo per gli uomini di Thibodeau, ma uscire in questo modo fa capire che senza Rose Chicago è poca roba..DISARMATI

Voto 0 Ad Eddy Curry: 0 minuti e pure ha alzato il titolo…NO COMMENT (-F.M.B-)

Nico P

Nico P

Appassionato di ogni tipo di sport, con il basket a svettare nella sua classifica, tifo Lakers e Broncos con la preferenza sempre verso la squadra più debole. Nickname: Nico P

  • P21

    Mi permetto di dissentire sul voto a Harden: “3” è il voto più che giusto x le finals ma se queste sono le pagelle dei playoff il suo voto complessivo non può che essere ben più alto

  • Danilo

    6 ai Sixers ?????????? Non facciamo i tirchi, se si tratta di una sorpresa allora minimo è un 7- 7,5 !!!!!

  • Fulvio

    Concordo con P21, voto troppo basso per Harden i suoi playoff sono stati dignitosi fino alle Finals. Ingiusto lo 0 a Eddy Curry, bisogna darlo a chi l’ha messo sotto contratto! Troppo severo anche il voto per i Bulls. In ogni caso sono opinioni ed è sport, niente di importante 🙂

  • NPaterini

    6 ai Sixers perchè comunque hanno eliminato i Chicago Bulls e sono andati alla settima contro dei Celtics acciaccati. Se Avessero vinto la settima a Boston, allora il loro voto sarebbe molto più alto, ma sinceramente un 6 è più che giusto per una squadra lunga e atletica che non è andata oltre alla semifinale di conference.

  • NPaterini

    Harden fa parte degli Oklahoma City Thunder i quali hanno ricevuto un 8. Ho specificato il 3 ricevuto era riferito alle Nba finals di James Harden e le Nba Finals mi pare facciano parte dei playoff, o sbaglio?

  • NPaterini

    Fulvio che voto avresti dato tu ai Bulls? Io gli ho dato un 1 semplicemente perchè dopo delle belle partite senza Derrick Rose in regular season si sono fatti letteralmente dominare dai 76ers, squadra che in gara-1 non aveva la minima possibilità di passare il turno…

  • Danilo

    @ NPaterini : 6 per una squadra sorpresa è una contraddizione in termini…

  • NPaterini

    @ Danilo A mio parere no, perchè comunque obbiettivamente i Sixers nessuno gli dava due lire e hanno sorpreso, ma non hanno fatto più della sufficienza ecco. Hanno sorpreso anche solamente andando a gara 7 coi Celtics, tutto li.

  • Io Odio Pat Riley

    Avrei dato 4 agli arbitri piuttosto che ai Lakers (che dovevano fare? Oklahoma era visibilmente più forte!)

  • Nicola

    Certo che tu ne capisci di basket. Eccolo qua, un altro Knicks hater. Bravo. Quindi pretendevi di più. Con il tuo play titolare infortunato, il Barone che si rompe durante la serie, Shumpert che si rompe durante la serie, Chandler che nelle prime 3 partite è influenzato, tu pretendevi di più. Con un quintetto Bibby-Fields-Anthony-Novak-Harrellson tu pretendevi di più. Seriamente, voi che scrivete gli articoli le guardate le partite? O scrivete per sentito dire? I Knicks hanno perso 4 a 1 contro gli Heat, meritatamente, e non c’è dubbio, esattamente come hanno perso 4 a 1 i Thunder però. Siete davvero così siucuri che se li avessero incontrati al primo turno invece che alle finals avrebbero vinto, oppure perso 4-3? Mah.