Anthony spettacolare e anche Spagna K.O!

La stella dei Knicks gioca una partita superba e aiuta Team USA a rimanere imbattuto, per la Spagna bene Ibaka e Navarro.

Parte forte la Spagna che, dopo la tripla di Paul dello 0-3 iniziale, spara un 10-0 con le triple di Navarro e Pau Gasol per il 10-3 dopo 3′ dove Tyson Chandler ha anche la splendida idea di farsi fischiare 2 falli (sciocchi). La reazione americana non si fa attendere e arriva con l’ingresso in campo di Carmelo Anthony (10 punti) ma sotto Ibaka è immarcabile (12 punti con 6/7), alla prima sirena le furie rosse sono avanti 23-21

Nel 2° quarto Team USA si da una scossa, oltre al 3° fallo di Chandler, Anthony e James realizzano due triple in rapida sequenza per il sorpasso ospite sul 26-28 dopo 4′ di gioco. Melo è “on-fire”, a 4’53” dalla fine tocca quota 18 punti con la 4^ tripla (su 4) a bersaglio, 30-33 USA
Rientra Ibaka ma la difesa stelle/strisce adesso fa sul serio, soffoca l’attacco locale e lancia la fuga fino a toccare il +13 (35-48) dopo 4 punti consecutivi di Kobe e un appoggio di KD a 60″ dal termine, la frazione si chiuderà con Team USA avanti 40-48 con Melo a quota 23 punti (8/11 dal campo) e Ibaka a 16 (8/9 dal campo).

Nella ripresa si iscrive alla gara anche Kevin Durant, segna 10 dei primi 12 punti di Team USA nei primi 4′ allungando sul +15 (45-60) e poi LeBron si rende protagonista di un super furto con scasso schiacciando sempre per il +15 (47-62) a metà frazione. La Spagna soffre davanti e prova ad affidarsi all’estro di Rudy Fernandez ma il ferro non gli è amico e il caotico Westbrook si fa perdonare con 7 punti filati per il nuovo massimo vantaggio USA sul +21(48-69)!
La frazione si concluderà sul 60-74 per gli americani.

Nel 4° periodo gli uomini di coach K gestiranno senza troppi problemi il vantaggio con LeBron che delizia il pubblico con qualche giocata sopra il ferro e Kobe Bryant che si diletta nel ruolo di passatore, c’è anche spazio per Anthony Davis negli ultimi 3′ che rischia anche di segnare in alley-hoop su un alzata però troppo alta di Westbrook.
Alla fine il tabellone luminoso dirà 78-100 per Team USA!

Team USA: copia e incolla del discorso fatto con l’Argentina, quando vogliono “lights out” per chiunque, Anthony nel sistema FIBA è immarcabile, Durant a fiammate e che fiammate, James illegale, Bryant…poco ma bello!

Spagna: mancava Marc Gasol che avrebbe dato qualche noia in più agli avversari, Gasol discontinuo, Fernandez e Navarro un po’ solisti ma l’attacco è in loro…manca molto Ricky!

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • Ricky97

    Voi secondo me “trattate un po’ troppo male” Kobe; Durant ha giocato 3 minuti seri e tutti ‘blablabla’, Kobe ha deliziato quasi tutta la partita ed è “poco ma bello”

  • Lore2324

    può andare a giocare nel cska anthony se nel sistema fiba e immancabile….:-)

  • hanamichi sakuragi

    cmq la spagna non ha fato vedere il suo meglio secondo me..al torneo in uno scontro ad eliminazione diretta sarebbero molto diversi. vero è che gli USA sono in grado di alzare la pressione difensiva ancora di + ce ne fosse bisogno

  • gasp

    Una conferma che l’oro è ipotecato dagli usa

  • Massu4

    Se gli avversari caricano di falli chandler e trovano una serata no al tiro da fuori del team USA, qualche speranza di batterli ce l’hanno.
    USA fortissimi…ma squilibrati…per cui qualche rischio lo corrono…

  • Accio

    In una sfida Spagna vs USA alle Olimpiadi sarà certa molta zona da parte degli spagnoli in modo da potersi permettere il duo Gasol in campo in modo da “dominare” sotto i tabelloni gli statunitensi.
    Prevedo tanti giochi alto-basso con MArc a imbeccare Pau dal post. E se gli arbitri non permetteranno agli USA di difendere con tante mani addosso (ieri ho visto spesso Melo, Williams e co usarle spesso quando dovevano seguirli sui blocchi o in post basso) beh qualche grattacapo lo avranno di sicuro.

    Comunque se Navarro, Rudy e gli esterni sono quelli visti ieri storia non potrà mai esserci. Hanno subito troppo la pressione e l’attacco ristagnava.

    Vedremo anche se ammettiamolo le speranze sono flebili, gli statunitensi sono troppo superiori fisicamente.

    P.S. Ieri Pau Gasol ha banchettato in post basso, ve li immaginate Ewing, Robinson e Malone? Giusto perché un p.s. per far decollare la discussione ci vuole 🙂

  • Il Nichilista

    Non c’è storia, non scherziamo… Ma chi sono Navarro e Fernandez a livello internazionale??? Voglio dire: nella pochezza europea potranno pure eccellere, ma nel mondo Nba sono l’ultima ruota del carro! Per cui non credo possano competere solo coi lunghi, i due Gasol e Ibaka, che invece sono al top. Nella sfida esterni Fernandez vs Lebron, Durant o Carmelo e Navarro vs Kobe non c’è proprio paragone

  • Accio

    Mai sentito parlare di chimica di squadra, aggiustamenti difensivi? No perché se pensi che bastino sempre e solo le figurine per vincere ….
    Che poi gli USA siano i favoriti e le chance di sconfitta siano basse lo diciamo tutti ma sai, per chi ama questo sport e ne capisce la parte più bella è sempre quella di cercare, nella propria mente, le strategie giuste da opporre all’avversario di turno per batterli.
    Piacerebbe a tutti essere allenatori di squadre per mettere in pratica le proprie idee 🙂

    P.S. Io so ancora convinto che la Spagna possa far loro lo scherzetto ma giocando in modo diverso rispetto la finale di Pechino, ritmi bassi, zona e gioco dentro. L’opposto di Pechino dove fecero una partita a ritmi alti con Fernandez che spadello una ventina di punti con annessa schiacciata in entrata con Howard che provava a stopparlo.

  • giangiotheglide

    @Nichilista
    Ti consiglierei di rivederti la finale di Pechino.
    Se Fernandez non fosse uscito per un discutibile 5 fallo
    non so se l’oro l’avrebbero vinto gli Stati Uniti…

  • hanamichi sakuragi

    HO RIVISTO UN Pò DI HIGHLIGHTS DEL TORNEO DI PECHINO… (scusate il carattere maiusc) .. in quei video ho visto bryant sfornare un sacco di assist specie in finale e nell’ultimo 1/4 di questa partita dove ricordo che dominò… mi sembra che qui si fidi dei compagni… e ke non abbia problemi a liberarsi del pallone come invece non fa coni gialloviola..

  • mjrossit

    Air Congo lo adoro!

  • Base

    La serata storta da 3 di team USA è praticamente impossibile, KD da quella distanza sembra scherzare con il canestro stesso discorso per Melo e si potrebbe allargare per molti altri (2 triple di fila di James, lo stesso Harden nei pochi minuti giocati ecc ecc), sicuramente alle olimpiadi sarà diverso se la Spagna vuole provarci dovrà giocare una partita punto a punto senza farli mai scappare perchè come visto team USA ti può piazzare parzialoni senza nemmeno il tempo di accorgertene.. Cmq mi piacerebbe vedere più in campo Davis..

  • hayes

    Va considerato comunque che la Spagna non ha ovviamente usato nessuna delle “mosse tattiche” preparate per loro (zone varie, o quintetti particolari), chiaramente si tengono le carte coperte fino ad un eventuale scontro con USA in un’ipotetica semifinale o finale. Con Marc la partita può essere un po’ diversa, ricordo che nella finale 2008 (che il furbissimo Il Nichilista mi deve spiegare come ha potuto rimanere in bilico fino agli ultimissimi minuti, visto che Fernandez e Navarro sono dei poverini buoni solo nella “pochezza europea”, che segnarono solo 22 e 18 punti contro i Bryant, Lebron, Wade, etc…) la Spagna si tenne sempre a contatto grazie a un certo dominio nei rimbalzi, anche offensivi.

  • hanamichi sakuragi

    hayes proprio quello che dicevo io

  • salviamo trigari

    ok che sono favoriti, ma ieri la Spagna ha proposto quintetti che in una partita che conta non schiererebbe mai, poi hanno sbagliato molti tiri liberi e tanti tiri da fuori, Navarro non sarà un giocatore da NBA ma da 3 la mette bene come un Melo o un Durant, lo chiamano la bomba non a caso….

  • lilin

    ok la spagna non sarà quella dell olimpiade ma davvero pensate che invece siano questi gli usa dell’olimpiade?
    stanno giocando con il freno a mano tirato e puntano a non farsi male…se giochicchiando vincono di 22 con la spagna, qundo la spagna aumenterà il livello lo faranno pure loro e il risultato sarà identico..

    p.s. usa stanno giocando con un kobe in dormiveglia, vedremo come giocaherà a londra.

  • in your wais

    Gli USA nel 2002, 2004 e 2006 avevano comunque delle squadre sulla carta enormi, salvo perdere contro gente (vedi Grecia) tutt’altro che conosciuta a livello NBA, altro che ultima ruota del carro…

    Se farcisci la squadra con 10 ventellisti, non vuol dire che farai 200 punti. Anzi, spesso e volentieri sono molto più utili gli specialisti, o gente abituata a toccare la palla ogni tot, che stelle abituate a creare in isolamento, e che non sanno cosa fare quando ricevono uno scarico da 3, o quando non hanno un tocco ogni 2 azioni

    In campo si va comunque in 5 per volta, ed a livello di quintetto la Spagna rimane una signora squadra. Poi siamo d’accordo che gli USA sono strafavoriti, e che troveranno il modo di portare a casa la medaglia

    Però non significa che non se la dovranno sudare, o che si possano fare pronostici solo in base ai nomi. Ormai non è come 20 anni fa, in molti campionati europei ci sono top teams che giocano meglio di tante squadre di bassa classifica NBA, e che potrebbero batterli in partita secca…

  • hayes

    lilin
    Sai benissimo che nel basket queste proporzioni vogliono dire nulla. Il divario potrebbe sbilanciarsi sia nell’uno che nell’altro verso…

  • hanamichi sakuragi

    cmq io dico solo ke per gli usa sarà + difficile di così.. anche a pechino la spagna giocò il girone contro gli usa a carte coperte per poi dare il massimo in finale

  • American Dream

    Beh…l’unico motivo per cui gli USA possono perdere può essere dato dal fatto che il formato olimpico non lascia spazio al minimo errore. Parlassimo di serie solo che al meglio delle 3 non esisterebbe storia… invece così con partita secca di 40 minuti la giornata sbagliata potrebbe, sebbene difficilmente accadrà, capitare.
    Spagna e Argentina sono ottime squadre, gli stati uniti sono semplicemente eccellenti.
    Credo che comunque, quando questi giocheranno concentrati sarà davvero difficile per tutti solo che impensierirli.
    Un argento per Spagna e Argentina sarebbe qualcosa da festeggiare, gli USA sono gli unici che invece hanno tutto da perdere. Ma comunque credo sarà oro con la minc**a in mano.

  • lilin

    hayes

    certo però secondo me in generale c è un pò di prevenzione nei confornti di questi usa.
    sembra che le altre squadre potranno fare meglio di cosi (giustissimo) e che loro siano fatti e finiti.
    poi d acccordo che giornate storte capitano a chiunque però quest anno mi sembrano davvero troppo forti e l uniche cosa che potrà permettere agli avversari di stare attaccati a loro una partita sarnno i loro cali di concentrazione.
    se tengono ritmi alti tutta partita, cosa che con i cambi che hanno possono fare tranquillamente, mi viene davvero difficile pensare ad una loro sconfitta.

    lebron è nel pieno della maturità e esaltato dall’anello
    durant una sentenza da 3 e non marcabile da giocatori fiba
    kobe all’ultima olimpiade e ancora immarcabile quando vuol
    paul e deron i migliori play al mondo
    anthony che nelle giuste condizione i uno scorer da paura

    la domanda è: tutti questi piu altri che ho tralasciato possono toppare una partita contemporaneamente?
    per me al 98% no.

  • lilin

    un ultima cosa…in questo discorso si parte sempre dal presupposto che le avversarie diano il massimo e facciano partite da urlo vedi finale di pechino…il che come sappiamo tutti non è per nulla scontato,anzi.

  • Accio

    Non voglio sollevare un ulteriore vespai (perché so che l’argomento è delicato) ma io quella finale me la ricordo e con un paio di fischi FIBA e non NBA a mio avviso gli USA sarebbero andati nel pallone. E avrebbero rischiato grosso.

    Tornando a noi è normale che le avversarie degli stati uniti devono giocare al top se vogliono riuscirci.

    Parlavate dei cali di concentrazione per rischiare di perdere ma quando non hai la testa ben salda e hai un’atteggiamento supponente, questi cali possono succedere molto più facilmente. Ora so sicuro che quest’anno la situazione sia migliore degli anni passati (Durant sembra molto più “serio” di quello che poteva essere un Vince Carter) e quindi sottovaluteranno meno le avversarie. Ma sono pur sempre gli USA e, chi li conosce un pò, sa come possono essere pomposi e boriosi. Persino Duncan per la frustazione di prestazioni brutte sbotto e disse: FIBA sucks.

    Quindi io penso che tutto possa succedere. Non penso comquneu che l’Argentina possa fare benissimo perché penso sia un pò troppo corta e con età media alta. Il che nel torneo olimpico si farà sentire.

  • hanamichi sakuragi

    accio non la conosco la storia di duncan e fiba suck.. che è? me al racconti?

  • shaq4ever

    ho una mia idea paradossale: il difetto di questo team usa è l’abbondanza
    se giocassero anche solo con un quintetto tipo williams-harden-lebron-love-chandler, secondo me le vincerebbero tutte in tranquillità
    possono perdere solo se iniziano a giocare poco di squadre come si è visto spesso in queste amichevoli (che appunto contano il giusto, essendo solo amichevoli) avendo giocatori abituati a essere la prima opzione nelle rispettive squadre. se per esempio uno si accorge che è un po’ che non segna, l’azione dopo parte in 1vs1. l’azione dopo tocca a un altro.. d’altronde non hanno la difesa di miami con cui sopperire all’attacco statico. la loro difesa è unicamente 1vs1 e in pressione tutto campo, ma poi gli aggiustamenti offensivi non ci sono
    l’attacco spesso è lasciato in balia delle decisioni dei singoli (e non è una novità avendo d’antoni come assistente dell’attacco)
    vincono (e vinceranno) solo perchè il talento è spaventosamente alto: 10 di questi sarebbero la stella indiscussa in ognuna delle altre nazioni.
    se ci fosse un avversario forte (tipo okc di quest’anno) rischierebbero di perdere

  • Accio

    Successe dopo le Olimpiadi di Atene 2004 dove gli Stati uniti uscirono un po con le ossa rotte come tutti noi sapiamo.

    Duncan soprattutto si trovo molto in difficoltà (anche perché quella squadra era senza ne capo ne coda quindi anche per lui fu un supplizio come chimica di squadra) nonostante fosse una delle stelle di quella nazionale.

    Quindi quando torno negli Stati uniti e i giornalisti gli domandarono del suo futuro in nazionale disse testuali parole:

    “I’m about 95 percent certain my FIBA career is over,”
    “FIBA sucks.”

    Chiudo dicendo che quoto in pieno il discorso di shaq. Il vero pericolo per gli USA è quello di perdere la testa. Con Deron+Paul+LBJ oggi come oggi non sembra possibile, ma se l’ha persa colui che è considerato la migliore ala grande di sempre, mai dire mai.

  • brazzz

    bè..la coppia di guardie titolari era iverson marbury.ora,io adoro il 3 originale,ma l’accppoiata con marbury..altro che perdere la testa…

  • lilin

    a me sinceramente questa nazionale sembra composta nei suoi elemnti cardine da gente con le palle e con la testa, inoltre lebron paul deron sanno giocare di squadra e hanno gia dimostrato in nazionale di non guardare alle statistiche, farà lo stesso durant e sono sicuro lo farà kobe

  • Paul

    Se giocano all’80% vincono; poi è sempre una partita di basket, gli avversari in stato di grazia e qualche problema di falli potrebbero complicare tutto, ma deve proprio andare male…

  • marimba

    ma questo pazzo finito di kobe bryant perchè non capisce che è un giocatore anacronistico. ma come gioca da anziano, e voi ad esaltarlo… giocatore f-i-n-i-t-o.