Olimpiadi 2012, le pagelle!

Stati Uniti ancora d’oro contro una Spagna strepitosa, bene la Russia anche se con rimpianti e applausi per Manu Ginobili e la sua Argentina.

 

 

 

 

Menzione d’Onore
Ettore Messina: chi ha seguito le Olimpiadi su SKY non può non essere rimasto affascinato dalla telecronaca pressoché superlativa del coach del CSKA; interventi perfetti sotto gli aspetti tecnico/tattici e sempre giusti al momento giusto…fatta eccezione per qualche smielata verso il figliol argentino, ma è comprensibile
MAESTRO

Voto 0 a Nicolas Batum e il suo antisportivo: porcata vera e fatta alle Olimpiadi da un giocatore che percepirà $40 milioni dalla prossima stagione, la carriera no ma l’immagine non ne esce bene.
NOT A BIG DEAL

Voto 1 alla Cina: 0 vittorie e 5 sconfitte imbarazzanti, finché non cambieranno la loro mentalità (impedire ai giocatori di giocare all’estero) difficilmente potranno dire la loro…sempre che non naturalizzino a Stephon Marbury
DELUSIONE

Voto 2 alla RAI: copertura del torneo cestistico vergognosa e dare la finale su RaiSport1 anche in ritardo è stata la ciliegina sulla torta.
SENZA PAROLE

Voto 3 a Dwight Howard: anche se non c’entra con le Olimpiadi la sua firma con i Lakers è da ricordare perché ha messo fine ad una telenovela che sembrava infinita
HALLELUJA

Voto 4 alla Francia: il talento c’è ma mentalmente squadra fragile e gli uomini sono contati, Tony Parker non può sempre salvare la patria da solo.
FRAGILE

Voto 5 al Brasile: la squadra aveva le carte per fare molto bene ma la sorte (QF Vs ARG) e un regista lunatico e casinaro come Huertas non hanno aiutato coach Magnano.
PECCATO

Voto 6 alla Russia: la medaglia di bronzo è un traguardo eccellente per gli uomini di coach Blatt che però hanno sciupato una ghiottissima occasione di andare in finale buttando via la semifinale contro la Spagna. Kirilenko super ma enigmatico.
BENE MA NON BENISSIMO

Voto 7 a Manu Ginobili: perché El Diablo è El Diablo, l’Argentina si prende la medaglia di legno ma il cuore, l’orgoglio e il talento che l’ex Virtus ha messo in campo in queste due settimane meritavano miglior sorte.
GUERRERO

Voto 8 alla Spagna: tanta fatica e paura prima di giocare una finale a 5 stelle che l’ha confermata essere la miglior squadra in assoluto tra le mortali, gioco brillante e personalità decisive, la degna fine di un ciclo ormai al tramonto.
NICE JOB

Voto 9 a Team USA: per descrivere la prestazione degli States in questo torneo olimpico usufruirò una citazione cinematografica; vi ricordate la frase che Peter Venkman in “Ghostbuster” esclamò al direttore dell’albergo dopo aver catturato Slimer? Ecco è quella (ma alla terza persona plurale,ndr)! Se non ve la ricordate CLICCATE QUI

THE TEAM

Voto 10 a Kobe Bryant: onestamente non se lo meriterebbe ma cazzarola lui è Kobe Bryant; è stata la sua ultima apparizione con Team USA, ha fatto il suo al momento giusto, è stato il “My man” del torneo (vedi le vignette) e poi si offende se non gli do 10!
EPICO

Voto 10 e lode a Kevin Durant: il più costante dalla prima palla a due alla sirena della fine, l’attaccante più forte del mondo e perché no, di sempre; personalità da leader, gioco da veterano, paura pari a 0 nei momenti topici, un altro mattone per un impero in continua espansione, il futuro è lui!
THE FUTURE

Voto non lo so perché non ci sono più parole a LeBron James: nel 1992 a Seattle un genio di nome Kurt Cobain compose una chimera intitolata “Come As You Are” perché uno che con 4 falli e una prestazione fino al momento sufficiente rientra e ammazza la partita per la medaglia d’oro, è uno che viene così com’è, come un MVP.
MVP 

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • salviamo trigari

    la grandezza di Dirk sta proprio nel fatto che nel 2012 lo si utilizzi come termine di paragone per durezza mentale, quando tutti sappiamo quanta cacca gli sia piovuta addosso negli anni, prima doveva dimostrare di poterci stare, poi di essere un franchise player, poi di saper condurre la sua squadra alla vittoria, è caduto e si è rialzato, lo ammiro tanto

  • Magic

    Barkley e Iverson (e Spud Webb) rimangono i misteri fisici dell’nba, o meglio, la risposta a chi crede che serva soltanto un fisico bestiale per sfondare nel basket. A me Barkley non è mai piaciuto tantissimo, preferisco lunghi dallo stile diverso, ma l’ho sempre ammirato e rispettato come uno dei più grandi giocatori di sempre, la sua grinta e la sua convinzione nei propri mezzi l’hanno fatto arrivare lontanissimo, chapeau.

  • in your wais

    Beh, Barkley è stato un mistero fisico dei più assurdi, 1.95, pesante un paio di quintali, e saltava e correva come una guardia qualsiasi…

    Non sono d’accordo sulla sua professionalità, nel senso che era sicuramente un lavoratore, ma a livello fisico sono famosi i suoi pasti leggermente “ipercalorici”, ed infatti per tutta la carriera un minimo di panza l’ha sempre tenuta…

    Certo se vogliamo divertirci, ci sarebbe un elenco infinito di fenomeni fisico-atletici transitati per la NBA…il mio preferito rimane David Robinson, che oggi farebbe sembrare Howard un atleta di seconda categoria, per elevazione, velocità, coordinazione…

  • gasp

    The admiral era uno dei centri piu forti di tutti i tempi secondo me:poche volte ho visto un centro di 2.16 m piu completo di lui

  • brazzz

    un altro che non aveva una gran paura di una gara7http://www.youtube.com/watch?v=ypmr7jrqUaE

  • brazzz
  • brazzz
  • Sid

    vi fanno tanto schifo gli atteggiamente americani?
    lo scorso anno ho visto Green Bay Packers contro i Giants a New York in uno stadio da 83 mila posti tutti esauriti, fuori dallo stadio ore prime le famiglie organizzavano sessioni assurde di barbeque e giovano a palla nel parcheggio e c’era un dj ongi 10 metri e dentro allo stadio eravamo tutti tifosi misti, quelli dei packers vicini a quelli dei giants e non c’erano celerini, non c’erano reti che dividevano le tifoserie, durante l’inno tutti si sono levati il cappello e lo stadio era in religioso silenzio, durante la partita per un drive andato a buon fine o un touchdown pass il tifoso vicino dell’altra squadra si congratulava con quelli vicini dell’altra e personalmente me ne frego se Clay Matthews dopo un sack su Eli Manning si è messo a ballare come una scimmia e lo prendeva per il culo, quando qui in italia ed in europa qualsiasi evento sportivo anche le partitelle dei pulcini regionali sono un’occasione per sfogare rabbia e frustrazione….eh si maledetti americani!
    Nell’NBA ancora meglio ho visto partite dei sixers e no ho mai sentito nemmeno un tifoso mandare a fanculo l’arbitro, e quando un giocatore guarda male l’arbitro si becca un tecnino, qui invece gli arbirtri si pigliano schiffi da giocatori e massaggiatori anche se possibile….e poi con la vostra spocchia mi venite a dire che la cultura sportiva americana è il male? ma per favore

  • Magic

    Io di Barkley ho letto che al college durante una partita si è fatto recapitare una pizza mentre stava in panchina:)
    David Robinson era un Iron Man, un fisico perfetto, senza un grammo di grasso, un uomo di marmo.

  • gasp

    Sid
    Non penso che si intendesse che la cultura americana è il male ma che a qualcuno non piace il loro esibizionismo eccessivo.
    Personalmente non mi interessa cosa fanno durante gli eventi sportivi perche sono liberi di fare quello che vogliono e per certi aspetti dovremo imparare da loro (per esempio non ho mai sentito di violenza degli stadi in usa) ma a qualcuno puo star bene e a altri no

  • in your wais

    Senti Sid

    Se vuoi leggeri i commenti bene, altrimenti fai come vuoi…

    Parlo solo a titolo personale, ma lungi da me pensare che la società americana sia solo mondezza. Si è posto l’accento su di un particolare atteggiamento (quindi la spettacolarizzazione di ogni singolo evento, fin quasi a snaturare o rendere meno godibile lo stesso, in certi casi)

    Ora se per te questo significa dire che tutta la cultura americana è un cesso, fai pure. Di mio, sono 20 anni che, parlando con i miei amici i quali magari masticano poco lo sport americano, ne decanto alcune perle inimmaginabili in Europa, a partire dagli esempi da te citati, per arrivare al Draft, al Salary Cap, al mondo NCAA, etc etc

    Questo però non significa che se ci sono dei particolari che non ti sconfinferano,uno non li possa esporre

    Ci sono delle cose tipicamente statunitensi (a partire da un fanatismo ed una ignoranza su tutto ciò che non è USA) che francamente sopporto poco, pur con tutte le giustificazioni del caso. Questo però non vuol dire non accorgersi anche delle tante cose in cui gli Americani hanno solo che da insegnare

  • redbull

    mi intrometto nei vostri discorsi per invitarvi a guardare le storie di federico buffa sullo sport americano, tipo questa http://www.youtube.com/watch?v=GxyfPRei1UQ

    credo che siano storie interessantissime che ogni appassionato di sport, soprattutto americani come me e voi, dovrebbe ascoltare perchè sono veramente delle perle di saggezza

    come poi faccia a sapere tutte queste cose per me rimane un mistero

  • salviamo trigari

    @redbull

    probabilmente l’avrai già visto, se non lo hai ancora fatto della stessa serie ti consiglio l’episodio “Amici nemici” rivisitazione alla Buffa della storia di Drazen e Vlade, a me da la pelle d’oca

  • in your wais

    Buffa lo adoro e lo ringrazio, ma certo proprio non ce la fa a stare lontano da una certa retorica e spettacolarizzazione di tutto quello che commenta…ma, dopo tutto, lui stesso di definisce un discreto “cazzaro”…

  • gasp

    Sicuramente buffa si informa ma comunque le ditte importanti fanno cosi in tutto il mondo:un esempio qualche anno fa sharon stone aveva detto che la cina avrebbe avuto una punizione divina per quello che fa in tibet e una marca cinese di profumi aveva licenziato la stone loro testimonial

  • Magic

    Buffa almeno è davvero un tuttologo ed un esperto di basket a 5 stelle, non come quel giornalista rubato a diva e donna che è guido bagatta. È un Peccato che un servizio unico e di buona qualità come sportitalia abbia questa enorme pecca nel basket. Nel calcio hanno tutti giornalisti giovani e competenti, in crescita. Nel basket a parte il Buon trigari hanno il fossile di dan e appunto bagatta….

  • gasp

    Buffa è il miglior tuttologo italiano invece bagatta puo essere un buon raccontatore di annedoti ma metterlo a commentare è come bestemmiare.Invece trigari è un buon commentatore e anche peterson se ne intende di basket scommetto piu di noi messi assieme ma tranquillo e buffa sono i commentatori migliori sulla piazza

  • gasp

    Avete sentito la brutta notizia:stonerook si ritira!

  • redbull

    salviamo trigari

    l’ho visto ora..mama che storie che racconta

    certo che secondo me ci mette del suo nel 20-30 percento dei casi, ma resta comunque un fenomeno

  • salviamo trigari

    Flavio Tranquillo è un grande giornalista sportivo, competente, sempre aggiornato e carismatico, anche il confronto con giornalisti di altri sport è impietoso per me lui è il più bravo di tutti, l’unica pecca è il ripetuto esaltare i suoi cavalli di battaglia, e ve lo dice un tifoso Spurs che stravede per Manu, ma a parte ciò il resto è inappuntabile.

    Buffa va oltre, non è un giornalista è un genio, anche cazzaro per certi versi ma non ho mai visto nessuno come lui, idolo

    poi c’è il classico rovescio della medaglia: Guido Bagatta! dio che personaggio immondo, rappresenta tutti i vizi dell’italianità, incompetente e raccomandato,prevaricatore, ma nonostante tutto con la presunzione di essere un professionista serio. Degno sparring Peterson, sarà stato sicuramente un bravissimo allenatore ma è bollito, mi fa pena. Mi dispiace veramente per Trigari ma anche per Gandini anche lui bravino,lavorare ed essere anche capaci nel farlo con certi elementi deve essere dura.

    Mammoli la fortuna di avere ottimi maestri ce l’ha,è certamente bravo ma mi dà l’idea di non avere una propria personalità e cerca di imitare troppo i giganti di cui sopra

  • salviamo trigari

    redbull

    il rammarico è che un programma come quello debba andare in onda in svizzera, ma sky perchè non gli lascia fare un programma tipo questo?

  • redbull

    guarda sky mi ha deluso non poco, ha il migliore commentatore a disposizione e lo lascia a casa per le olimpiadi..quindi non mi aspetto che possano fare una cosa del genere

  • hanamichi saakuragi

    scusate una domanda. non ho seguito la premiazione ma hanno scelto l’mvp del torneo? se si chi è stato?